Ne vale la pena rimuovere le vene con vene varicose

Le vene varicose in fase iniziale di solito rispondono bene ai farmaci. Ma se inizi la malattia o se le compresse non sono ancora efficaci, devi ricorrere all'aiuto dei chirurghi vascolari.

Diamo un'occhiata a come eseguono la chirurgia delle vene delle gambe, se vale la pena temere e cosa fare dopo.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Quando fare a meno di un intervento chirurgico

Le vene varicose sono una malattia grave e, purtroppo, molto comune. Soprattutto nel mondo moderno, con il suo stile di vita sedentario, ecologia avversa e malattie genetiche.

Le vene varicose sono una malattia delle vene associata a un indebolimento delle valvole interne e delle pareti venose.

Il flusso sanguigno nelle vene rallenta, si verifica un ristagno, che provoca l'allungamento delle pareti.

Per questo motivo, le vene iniziano ad apparire attraverso la pelle.

Sembra molto brutto, ma non è il peggiore. Molto peggio sono possibili complicazioni:

È per evitare queste complicazioni o per impedire il loro sviluppo che eseguono un intervento chirurgico per le vene varicose sulle gambe.

In quali casi è prescritta un'operazione per rimuovere le vene delle gambe? Esistono diverse opzioni in cui l'intervento chirurgico.

  1. Grave pesantezza alle gambe, gonfiore, affaticamento.
  2. Ampio danno alle vene con vene varicose.
  3. Tromboflebite.
  4. Ulcere trofiche.

Fai l'operazione

Molte persone hanno paura di qualsiasi operazione, e qui la rimozione delle vene sulle gambe – sembra persino spaventosa. Immediatamente ci sono molte domande e preoccupazioni. E quello principale: come sarà il sangue che sale al cuore se le vene vengono rimosse? Infatti, vengono rimosse solo le vene superficiali, mentre fino al 90% del flusso sanguigno passa attraverso i vasi interni, più forti e non sensibili ai vasi varicosi.

Prima di concordare un intervento chirurgico per le vene varicose, i pro ei contro per pesare devono ancora.

! importante Se hai ancora dubbi, non esitare a fare domande al tuo medico, spiegherà tutto, lo dirà e lo mostrerà.

La medicina moderna ha raggiunto un punto in cui la rimozione delle vene è completamente sicura.

Inoltre, un'operazione eseguita correttamente assicura la completa eliminazione delle vene varicose.

Naturalmente, a condizione che il paziente soddisfi tutte le raccomandazioni del medico.

Se abbandoni la chirurgia, dovrai accontentarti di un leggero sollievo dopo le compresse. Inoltre, le vene varicose avanzate sono un rischio di tromboflebite. E questa è una malattia mortale.

È vero, ci sono situazioni in cui l'operazione non vale davvero la pena. Se la condizione delle vene nelle gambe è troppo in esecuzione, purtroppo l'operazione non può essere eseguita. La condizione delle vene prima della rimozione viene valutata da un flebologo e da un chirurgo vascolare. Per fare questo, è necessario eseguire un'ecografia delle vene, un esame esterno e un esame del sangue.

Inoltre non hanno un intervento chirurgico se il paziente soffre di malattia coronarica o ipertensione. In questi casi, il rischio di complicanze durante l'intervento chirurgico è grande. Anche le lesioni cutanee, le ulcere trofiche aperte e varie malattie della pelle sono controindicazioni. Come le malattie infettive. Devono prima essere trattati.

! importante Per le persone anziane e le donne in gravidanza del secondo trimestre, anche la chirurgia è controindicata.

Se lo specialista, dopo tutta la ricerca, insiste sull'operazione, non dovresti ancora rifiutare. Dopo l'operazione per rimuovere le vene varicose sulle gambe, c'è la possibilità di eliminare definitivamente una malattia spiacevole e pericolosa.

Dove fare un intervento chirurgico alle vene

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata esattamente al luogo in cui eseguirai l'operazione. La loro ulteriore condizione dipende interamente dalle qualifiche del medico che tiene le gambe nelle loro mani. Il trattamento chirurgico eseguito correttamente delle vene varicose degli arti inferiori è completamente sicuro.

Oggi, quasi tutte le città hanno l'opportunità di scegliere una clinica e un medico. A cosa vale la pena prestare attenzione?

  • L'attrezzatura della clinica. Attrezzature moderne e medicine adatte aumentano le possibilità di esito positivo.
  • Qualifica di medico. Sentiti libero di chiedere dove e come è stato formato lo specialista, controlla tutti i diplomi e certificati.
  • Recensioni dei pazienti. Internet ci offre l'opportunità di conoscere le recensioni dei pazienti reali e più diverse sulla clinica e sul medico.

Come va l'operazione

Esistono diverse tecniche per la rimozione chirurgica delle vene.

L'intervento chirurgico diretto è il metodo più collaudato, testato a lungo, ma allo stesso tempo il più radicale.

Il chirurgo esegue due tagli sulla gamba: all'inguine e alla caviglia.

Ulteriori incisioni più piccole vengono eseguite nell'area dei principali nodi venosi. Attraverso queste incisioni, la vena viene asportata.

L'operazione stessa dura circa 2 ore. Può essere eseguito sia in anestesia locale che generale. Attraverso l'incisione, un filo sottile viene inserito nell'inguine – un estrattore venoso, che rimuove la vena. Al termine dell'operazione, le suture vengono posizionate con cura sulle incisioni. Il vantaggio principale di questo metodo è che anche una grande vena con un lume molto ampio può essere rimossa in questo modo.

Nanovein  Facile passaggio attraverso la vita senza vene varicose

! importante Il paziente sarà in grado di alzarsi in piedi dopo 5 ore dall'intervento.

A volte non è necessario rimuovere l'intera vena, è sufficiente sbarazzarsi della parte interessata. In questo caso, viene eseguita una mini-flebectomia. Vengono praticate due piccole incisioni nell'area interessata della vena e questa area viene rimossa attraverso di esse.

Cosa fare dopo un intervento chirurgico alle vene? Segui tutti i consigli del medico. Sono molto individuali e dipendono in gran parte dal grado di abbandono della malattia, dalle caratteristiche individuali e dalle malattie concomitanti.

scleroterapia

Questo è uno degli ultimi metodi per combattere le vene varicose. Il suo principale vantaggio rispetto all'operazione stessa è l'assenza di incisioni. La scleroterapia delle vene degli arti inferiori viene effettuata utilizzando siringhe con un ago sottile.

Lo sclerotante viene iniettato in una vena. Sotto la sua influenza, gli strati interni della nave vengono distrutti e quelli centrali si attaccano semplicemente. Di conseguenza, la nave semplicemente cade dal flusso sanguigno.

Attenzione! Dopo 1-2 giorni, noterai come scompare la vena danneggiata.

Dopo tale operazione, il paziente torna in sé molto prima. Entro un'ora, lui stesso può alzarsi e muoversi. Inoltre, la scleroterapia ha meno probabilità di sviluppare ematomi nel sito di iniezione.

Rimozione della vena laser

Un altro metodo innovativo è la chirurgia laser. Allo stesso tempo, vengono praticate piccole forature attraverso le quali viene introdotto un LED laser nella vena.

Riscalda le pareti dei vasi sanguigni e le incolla. Inoltre, sotto l'influenza delle temperature, muoiono tutti i microrganismi, il che riduce la probabilità di infezione.

Gli effetti della rimozione delle vene delle gambe con un laser sono minimi. Questa procedura può essere eseguita letteralmente sulla strada di casa dopo il lavoro e il giorno successivo puoi tornare al lavoro.

! importante Gli svantaggi includono la bassa disponibilità: la procedura è costosa e non tutte le cliniche dispongono dell'attrezzatura necessaria.

Riabilitazione e possibili conseguenze

Il periodo postoperatorio dall'intervento chirurgico sulle vene delle gambe dura letteralmente diverse ore. E prima il paziente inizia a muovere le gambe, piegarle, ruotare, sollevare, più breve sarà. E minore è il rischio di complicanze dopo l'intervento chirurgico sulle vene degli arti inferiori.

È necessario sin dall'inizio stimolare il flusso sanguigno nei vasi rimanenti, per favorire il rapido aumento del sangue al cuore. Per fare questo, puoi anche mettere i piedi sul tappetino in modo che i piedi siano sopra il livello del cuore.

Il periodo di riabilitazione dopo l'operazione per rimuovere le vene varicose degli arti inferiori può durare circa due mesi. In questo momento, è necessario indossare calze a compressione, selezionate da uno specialista.

Come già accennato, le raccomandazioni dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose sono molto individuali. Tuttavia, è ancora possibile effettuare alcune generalizzazioni. Oltre a indossare biancheria intima a compressione, è importante:

  • cambia il tuo stile di vita in uno più mobile. Senza questo, le vene varicose torneranno prima o poi;
  • perdere peso in caso di eccesso di peso;
  • fare esercizi speciali per rafforzare i muscoli delle gambe;
  • seguire una dieta per le vene varicose;
  • bere medicine per le vene varicose.

Le conseguenze della flebectomia sono generalmente minime. Gli ematomi possono comparire nell'area delle incisioni o delle forature, tuttavia, di regola, si risolvono rapidamente. In alcune persone inclini alla proliferazione del tessuto connettivo, nel sito delle incisioni possono formarsi cicatrici. Se conosci tale funzionalità, dovresti scegliere un metodo meno traumatico.

Dopo l'intervento chirurgico di rimozione delle vene delle gambe, sono possibili compattazione e dolore. Questo accade estremamente raramente, ma a volte succede. In questo caso, è necessario consultare immediatamente un medico.

Iscriviti agli aggiornamenti

Comunicazione con l'amministrazione

Iscriviti a uno specialista direttamente sul sito. Ti richiameremo entro 2 minuti.

Ti richiameremo entro 1 minuto

Mosca, prospettiva Balaklavsky, edificio 5

Puoi ottenere la consulenza più completa oggi

solo con un professore esperto di chirurgo vascolare

dottori in scienze mediche

Coagulazione laser endovasale delle vene. 1a categoria di difficoltà. compreso l'anestesia (anestesia locale).

Il corso della linfopressoterapia 10 procedure. Flebologo, Ph.D.

Il ricevimento è condotto da un chirurgo di altissima categoria, il professor Komrakov. VE

Una singola sessione di scleroterapia nell'intero arto inferiore (schiuma scleroterapia, microscleroterapia).

Vene varicose, coaguli di sangue, insufficienza valvolare, gonfiore alle gambe

– tutto questo è un'occasione per eseguire un'ecografia delle vene degli arti inferiori

e ottenere una consultazione con un flebologo.

La linfopressoterapia è indicata per

gonfiore degli arti inferiori, linfostasi.

Viene anche effettuato per scopi cosmetici.

Perché rimuovere le vene delle gambe per le vene varicose

  • notizie
  • Варикоз
  • Perché rimuovere le vene delle gambe per le vene varicose

Una malattia come le vene varicose è molto più giovane. E uno dei metodi per trattare le vene è rimuoverle. E il punto qui non è affatto l'aspetto estetico del problema. E il fatto che la malattia stessa sia molto grave e possa persino portare alla morte.

La medicina ai nostri tempi ha fatto molti passi avanti e ai nostri tempi l'operazione stessa non è considerata pericolosa. Tuttavia, come qualsiasi operazione, ha le sue complicazioni e difficoltà. Prima di decidere un'operazione, è necessario sottoporsi a un esame.

Si ricorre alla chirurgia quando i metodi non chirurgici sono esauriti e inefficaci. Tuttavia, vale la pena ricordare che nelle vene non rimosse può apparire anche un'ulteriore debolezza genetica delle pareti venose.

L'intervento chirurgico è indicato:

– con espansione patologica delle vene,

– con ampie vene varicose, edema, affaticamento,

– con disturbi della pelle trofica associati a vene varicose,

– con ulcere trofiche,

– con tromboflebite acuta.

Dopo aver superato l'esame e ricevuto un appuntamento per l'operazione, non perdere tempo con la sua provvidenza. Prima viene eseguita l'operazione, più velocemente si normalizza il flusso sanguigno attraverso le vene profonde. Ci sarà anche un miglioramento o una cura per altre complicazioni o disturbi associati alla malattia venosa. L'intervento chirurgico può essere diverso. Spesso, le vene malate vengono semplicemente rimosse.

Nanovein  Allergia a una puntura di ape e vespa

Spesso c'è una domanda interessante per i pazienti se ci sarà un grande carico sulle vene profonde quando si rimuove la safena, che di solito soffre di vene varicose. Questo non dovrebbe essere temuto, poiché il 90% del sangue passa attraverso le vene profonde e solo il 10% attraverso il connettivo.

Dopo l'operazione, è necessario seguire la prescrizione del medico e, soprattutto, la compressione elastica e l'assunzione di farmaci prescritti dal medico. Queste operazioni sono complesse, ma molto efficaci.

Controindicazioni

L'operazione è controindicata durante la gravidanza, nella fase avanzata della malattia, con gravi malattie cardiache, malattie infettive. Durante l'operazione, è possibile utilizzare iodio, novocaina e altri farmaci per i quali esiste un'allergia o un'intolleranza, assicurarsi di informare il chirurgo al riguardo. Non puoi alzarti subito dopo l'operazione, ma devi muovere gli arti, sollevarli di dieci centimetri.

Il periodo di riabilitazione dura da uno a un mese e mezzo sotto la supervisione di un medico e di solito scompare senza complicazioni.

Rimozione della vena varicosa: quando non c'è alternativa

Rimozione della vena varicosa – Miti debunking

Come con qualsiasi intervento chirurgico, con la rimozione delle vene varicose, proviamo a tirare più a lungo, non a camminare, nemmeno a pensare a lui. Ma, ahimè, il problema non sta andando da nessuna parte. I processi che cambiano le vene sono irreversibili e più a lungo ritardiamo l'incontro con il chirurgo, maggiori saranno i problemi che dovremo affrontare, perché la cosa più importante per le vene varicose è il tempo. Non puoi perderlo. Vale la pena aspettare un risultato sfavorevole? Cosa ci impedisce di andare dal chirurgo?

C'è un mito secondo cui la rimozione delle vene influenzerà negativamente il flusso sanguigno in futuro. Questo non è vero La rimozione delle vene safene non interferisce con il normale flusso sanguigno ed è sicura per il corpo, poiché non più del 10% del sangue scorre normalmente nelle vene safene (vale a dire varici). Il 90% del sangue venoso è trasportato dalle vene delle gambe profonde e cosiddette di collegamento.

Un altro mito afferma che un'operazione del genere è difficile da tollerare da parte del corpo, che una grande quantità di sangue viene persa e che numerose incisioni guariscono a lungo, limitandoci nel movimento. Ma non è così. I progressi sono andati molto avanti e i casi trascurati non minacciano nemmeno un decimo di tale terribile tormento. Inoltre, negli ultimi anni, il metodo di rimozione senza soluzione di continuità delle vene varicose è diventato molto diffuso: rimozione senza tagli, attraverso forature della pelle. Tale intervento è particolarmente produttivo nelle prime fasi delle vene varicose.

Quindi, se c'è un'indicazione per l'operazione, non dovresti esitare a eseguirla, perché prima viene eseguita, più veloce verrà la normalizzazione del flusso sanguigno e la cura di altri disturbi e complicazioni delle vene varicose.

Rimozione della vena varicosa – indicazioni e controindicazioni

Esistono diverse indicazioni per la chirurgia delle vene varicose:

  • con ampie vene varicose:
  • se le vene safene sono dilatate patologicamente;
  • se le vene varicose safeniche sono accompagnate da un aumento dell'affaticamento delle gambe e gonfiore;
  • se ci sono segni di una violazione del deflusso di sangue sul viso – una sensazione di pesantezza, gonfiore, aumento della fatica delle gambe;
  • vene varicose accompagnate da ulcere trofiche;
  • con tromboflebite acuta delle vene varicose.

Tuttavia, insieme alle indicazioni per la chirurgia, ci sono controindicazioni. Pertanto, le operazioni non vengono eseguite:

  • vene varicose in fase avanzata
  • con ipertensione
  • con malattia coronarica
  • in gravi processi infettivi
  • pazienti anziani
  • con processi infiammatori su gambe, eczema, piodermite, erisipela, ecc.
  • non eseguire interventi chirurgici durante la gravidanza.

È anche importante ricordare che durante l'intervento chirurgico possono essere utilizzati vari farmaci e, se si è intolleranti o allergici a qualsiasi farmaco, in particolare sostanze contenenti novocaina e iodio, se si assumono farmaci, assicurarsi di informare il chirurgo .

Rimozione delle vene varicose: come vanno le operazioni e cosa fare dopo?

Prepararsi a un'operazione di rimozione delle vene è assolutamente semplice

  • Fai una doccia
  • Radere completamente la gamba su cui verrà eseguita l'operazione,
  • Prima dell'intervento chirurgico, la pelle delle gambe dovrebbe essere sana e non dovrebbero esserci malattie pustolose,
  • Se si prevede che l'operazione venga eseguita in anestesia generale, vengono prescritti clisteri di pulizia obbligatori alla vigilia dell'operazione
  • Vieni all'operazione con scarpe e vestiti spaziosi.

L'operazione per rimuovere le vene varicose dura circa 2 ore. Come risultato dell'intervento chirurgico, le vene malate vengono rimosse. Tracce della pelle dopo l'intervento chirurgico per rimuovere le vene varicose sono quasi invisibili – solo 3-5 mm. Durante l'intervento chirurgico, per le vene varicose, viene utilizzata l'anestesia. In caso di rivelazione di valvole venose malfunzionanti, viene eseguita la correzione extravasale delle valvole guaste al fine di ripristinare il normale deflusso di sangue.

Dopo un intervento chirurgico alle vene, è necessario seguire alcune raccomandazioni, la principale delle quali è la compressione elastica. Dopo l'intervento chirurgico, si consiglia al paziente di utilizzare una fascia elastica o calze elastiche tutto il giorno per 1,5-2 mesi. Inoltre, vengono prescritti farmaci venotonici per ripristinare la funzione delle gambe operate.

Inoltre, dalle prime ore dopo l'intervento chirurgico, si consiglia di girare, piegare le gambe, ecc. Un semplice innalzamento dell'estremità del letto di 8-10 cm migliora significativamente il flusso sanguigno venoso. Il giorno dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose, la medicazione viene eseguita utilizzando calze a compressione o un bendaggio elastico su entrambe le gambe dalla punta delle dita alle articolazioni del ginocchio. È consentito camminare solo dopo il vestirsi. Inoltre, dopo la rimozione delle vene, si raccomandano esercizi di fisioterapia e massaggio leggero come prevenzione della trombosi. Circa due settimane non dovrebbero fare aerobica, ginnastica o cyclette, nonché visitare la sauna e il bagno. La compressione elastica è necessaria non meno di 2 mesi dopo il rilascio delle cuciture.

Lagranmasade Italia