Malattia varicosa degli arti inferiori, trattamento chirurgico

Una malattia come le vene varicose è un disturbo caratterizzato da disfunzione delle pareti vascolari e debolezza delle valvole nelle vene, che provoca il ristagno dei vasi sanguigni degli arti inferiori e la comparsa di nodi venosi. Tale patologia è abbastanza pericolosa e irta non solo di disturbi trofici e presenza di un processo infiammatorio, ma anche di una mancanza di nutrizione tissutale. Di norma, ciò contribuisce alla formazione di coaguli di sangue, che possono diffondersi attraverso il flusso sanguigno in tutto il corpo e la comparsa di ulcere trofiche difficilmente curabili. Inoltre, la formazione di formazioni trombotiche all'interno dei vasi minaccia lo sviluppo di una malattia come la tromboflebite. Pertanto, se il paziente ha vene varicose degli arti inferiori, è necessario un trattamento chirurgico, specialmente se la malattia è iniziata.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

La flebectomia è l'operazione più comune per le vene varicose.

Vorrei attirare l'attenzione dei lettori del nostro sito che l'intervento chirurgico per le vene varicose degli arti inferiori è una misura radicale e, di norma, è prescritto se è impossibile farne a meno. Il trattamento chirurgico della malattia varicosa degli arti inferiori prevede diverse opzioni di trattamento chirurgico maggiormente utilizzate nella pratica chirurgica. Queste opzioni sono direttamente nell'approccio alla rimozione delle navi e delle vene colpite degli arti inferiori.

  • L'uso della flebectomia tradizionale nella pratica chirurgica per il trattamento radicale delle vene varicose. Questa opzione viene eseguita secondo il metodo Bebbock. Ciò implica l'introduzione di una sonda appositamente progettata per tale procedura nel lume della nave e il successivo allungamento della vena attraverso un'incisione precedentemente praticata sulla pelle. Dopo l'operazione, viene eseguito con una sutura cosmetica, che successivamente lo rende quasi invisibile.
  • Mini flebectomia: questa operazione è necessaria per rimuovere piccole aree dei vasi sanguigni e delle vene affette da vene varicose. Si noti che questa operazione non include tagli sulla pelle poiché parte della nave o della vena interessata viene rimossa da una puntura sulla pelle, che non richiede sutura.

Intervento chirurgico: indicazioni e controindicazioni

Si noti che l'intervento chirurgico nel trattamento di alcune malattie è mostrato a tutti. Tuttavia, le vene varicose degli arti inferiori, il trattamento chirurgico è estremamente necessario se è richiesta la rimozione di coaguli di sangue e fonti potenzialmente pericolose del processo infiammatorio. Questo approccio migliorerà le condizioni del paziente e aiuterà a evitare complicazioni serie e non sicure per la salute e la vita del paziente. Le condizioni che richiedono un intervento chirurgico urgente per le vene varicose includono:

  • la presenza di tromboflebite o i rischi che provocano il suo aspetto;
  • tromboflebite acuta o frequenti esacerbazioni della malattia;
  • danni estesi a vasi sanguigni e vene;
  • sensazione costantemente fastidiosa di affaticamento e pesantezza alle gambe, dolore spiacevole, che indica una pronunciata vene varicose;
  • la comparsa di ulcere trofiche.
Nanovein  Aceto di mele per ricette a base di vene varicose e regole d'uso

Esistono anche alcune controindicazioni all'intervento chirurgico per le vene varicose:

  • secondo e terzo trimestre di gravidanza;
  • il paziente ha disturbi infettivi acuti;
  • esacerbazione delle patologie del paziente (diabete, asma, ulcera peptica e altri);
  • infarto del miocardio, ictus;
  • problemi dermatologici.

Di norma, prima della nomina dell'operazione, tutte le indicazioni e le controindicazioni sono determinate dagli specialisti durante l'esame del paziente.

Metodi moderni di intervento chirurgico

  • Spogliarello – di norma, questo metodo viene utilizzato in presenza di una piccola lesione, questa è una tecnica che è più parsimoniosa rispetto alla flebectomia tradizionale. Il metodo consiste nel disegnare, mediante un gancio speciale, il nodo venoso stesso. Esiste anche una sottospecie di questa tecnica: il cryostripping, che implica il congelamento della nave danneggiata nel crio-accappatoio e la sua successiva rimozione.
  • Sclerosante: il metodo prevede l'introduzione nel lume di una vena danneggiata di uno sclerosante, una sostanza speciale per "incollare" le pareti di una nave l'una con l'altra. Tuttavia, dopo la procedura, la vena non si allunga, ma rimane in posizione, non soddisfacendo il suo scopo: sebbene il flusso sanguigno attraverso la vena cessi, tuttavia, i vasi collaterali svolgono questa funzione, che non viola il deflusso del sangue venoso. L'operazione viene eseguita sotto la supervisione obbligatoria di uno specialista con apparecchiature ad ultrasuoni.
  • Coagulazione laser: questo metodo è il più innovativo nel trattamento delle vene varicose e consiste nell'introduzione di apparecchiature speciali con radiazione laser (sonda sottile) nel lume della vena. Il dispositivo ha un effetto cauterizzante sulle pareti di un vaso sanguigno.

Malattia varicosa degli arti inferiori, preparazione all'intervento chirurgico

La decisione sulla necessità di un trattamento chirurgico di una malattia come le vene varicose degli arti inferiori viene presa da specialisti dopo aver consultato ed esaminato tali medici come un chirurgo vascolare e un flebologo. Di norma, in una fase iniziale dello sviluppo di questo disturbo, non sorge la questione dell'intervento chirurgico, la terapia viene utilizzata con agenti venatonici e l'uso di biancheria intima a compressione.

Nel caso in cui il paziente sia molto preoccupato per la sindrome del dolore e ci siano anche rischi di gravi complicanze, dovrebbe essere ritardato con la pianificazione dell'operazione.

Di norma, prima delle operazioni, viene eseguito un esame completo del paziente, che include:

  • consultazione di specialisti ristretti (flebologo, chirurgo);
  • Ultrasuoni degli arti inferiori;
  • visita ambulatoriale (biochimica del sangue, test di coagulazione del sangue, radiografia, ECG).
Nanovein  Recensioni di chirurgia delle vene varicose della gamba

Inoltre, il paziente può preparare autonomamente la superficie degli arti prima dell'operazione imminente radendosi i capelli. Alla vigilia del prossimo intervento chirurgico, non dovresti mangiare troppo, sarà abbastanza limitato a una cena leggera. Inoltre, il paziente deve necessariamente avvertire l'anestesista e il medico curante dell'intolleranza individuale di determinati farmaci.

Vene varicose degli arti inferiori, trattamento chirurgico: caratteristiche dell'operazione

Dopo l'esame iniziale immediatamente prima dell'operazione, gli specialisti decidono sull'uso dell'anestesia. Nel caso della flebectomia tradizionale, di norma, viene utilizzato il metodo di anestesia spinale. Quando si prescrive un metodo più moderno per il trattamento di una malattia come le vene varicose degli arti inferiori, il trattamento chirurgico prevede l'uso dell'anestesia locale (scheggiatura dell'area da manipolare con lidocaina o novocaina).

Dopo l'anestesia, il chirurgo determina la posizione della vena utilizzando un'apparecchiatura ad ultrasuoni. Inoltre, una sonda viene inserita sotto la pelle attraverso un'incisione speciale nel lume della vena. Ciò indica l'inizio della fase principale dell'operazione: il trasferimento e la successiva legatura delle aree dei vasi danneggiati durante la flebectomia o altre manipolazioni quando si utilizzano altri metodi di trattamento delle vene varicose. Di norma, la durata della fase chirurgica ha un piccolo intervallo – da 30 minuti a 4 ore (tutto dipende dalla complessità e dal volume di lavoro del chirurgo).

Il paziente, se non ci sono complicazioni, viene inviato a casa un giorno dopo l'operazione. Durante le prime settimane, sono necessarie visite giornaliere dal medico per vestirsi. Le suture vengono rimosse una settimana dopo l'intervento.

Trattamento chirurgico: possibili complicanze dopo l'intervento chirurgico

Oggi, le persone con vene varicose possono essere abbastanza calme sulla loro salute, poiché i rischi di complicanze postoperatorie nel trattamento delle vene varicose sono ridotti al minimo. Ciò è dovuto al fatto che la tecnica di condurre operazioni di questo tipo nel corso dei decenni è stata perfezionata alla perfezione. Tuttavia, ci sono eccezioni – in casi estremi, e questo è meno dell'XNUMX% dei pazienti in cui il trattamento chirurgico delle vene varicose può causare tali effetti avversi:

  • la comparsa di ematomi postoperatori caratteristici sulla superficie del corpo, che, di regola, si risolvono in diversi mesi;
  • anche dopo diversi mesi, i sigilli sotto la pelle situati lungo il letto della nave rimossa scompaiono;
  • violazione dell'integrità del sistema linfatico (vasi) dei vasi sanguigni, che può portare a processi stagnanti. Tali effetti postoperatori sono trattati in modo conservativo, tuttavia, spesso la circolazione linfatica viene ripristinata in pochi mesi;
  • possibile danno alle terminazioni nervose sottocutanee, che si manifesta con violazioni della sensibilità dell'epidermide – questa sintomatologia postoperatoria scompare dopo 5-6 settimane.

Riassumendo

La malattia varicosa degli arti inferiori, il cui trattamento chirurgico è necessario quando si sviluppa la malattia, è attualmente rilevata in ogni quarto abitante del nostro pianeta. Al fine di evitare spiacevoli sintomi della malattia e prevenirne lo sviluppo, è necessario consultare un medico con dolore frequente alle gambe e sensazioni di gravità per una diagnosi per prescrivere un trattamento adeguato o la prevenzione delle vene varicose.

Lagranmasade Italia