Le vene varicose genitali durante la gravidanza (2)

Secondo le statistiche, le vene varicose genitali nelle donne in gravidanza si manifestano spesso – in circa un terzo delle donne in posizione. I rischi aumentano con ogni successiva gravidanza, specialmente se esiste una predisposizione genetica.

Le vene varicose pelviche – una malattia in cui le vene dell'area genitale esterna si espandono e cambiano patologicamente.

Nella maggior parte dei casi, i sintomi della malattia scompaiono dopo la nascita del bambino. Ma a volte senza un trattamento adeguato, la progressione varicosa progredisce, può complicare il corso della gravidanza e il processo di nascita stesso.

È importante se si sospetta una malattia, consultare un medico e scegliere una tattica di trattamento. Una terapia adeguata aiuta a fermare la progressione della patologia e previene le complicanze.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

motivi

Le cause delle vene varicose genitali durante la gravidanza sono molteplici. La situazione stessa è un potente fattore predisponente.

Non indossare tacchi alti

Le donne in attesa di ricostituzione subiscono un pesante carico sul corpo, il che porta ad una esacerbazione delle malattie croniche esistenti. Lo sviluppo della patologia diventa una manifestazione delle vene varicose generali o il primo segnale di rottura delle vene.

  • aumento del volume del sangue circolante. Aumenta la pressione sanguigna Poiché le pareti delle vene hanno una densità ed elasticità inferiori rispetto alle arterie, soffrono in primo luogo;
  • pressione dell'utero in crescita sugli organi pelvici. Porta ad un ritardo nel deflusso di sangue dalle estremità inferiori;
  • aumento di peso. Aumenta il carico sulle navi. Le vene sottocutanee che non sono circondate da muscoli sono particolarmente colpite;
  • aumento dei livelli di progesterone. Il suo eccesso compromette l'elasticità dei vasi sanguigni e favorisce la congestione venosa.

Ciò è particolarmente vero per le donne che hanno usato farmaci ormonali prima della gravidanza o che soffrivano di disturbi ormonali.

Non l'ultimo ruolo nello sviluppo della malattia è giocato dal fattore ereditario, dalla natura della dieta, dallo stile di vita, dalle caratteristiche del lavoro. Ad esempio, il sovrappeso, una professione in piedi o sedentaria predispone alla manifestazione di patologia durante la gravidanza.

Sintomi della malattia

I principali sintomi delle vene varicose genitali nelle donne durante la gravidanza:

  • allargamento di labbra grandi o piccole;
  • prurito, una sensazione di pienezza nel perineo;
  • irritazione della pelle all'inguine;
  • gonfiore della vena safena;
  • disagio, dolore durante il rapporto sessuale.

La sensazione di pienezza e gonfiore di solito scompare entro la fine della prima settimana dopo il parto. Dopo un mese, la parete vascolare si normalizza.

I segni esterni delle vene varicose genitali sono simili alla malattia degli arti inferiori. Alcuni sintomi sono identificati in modo indipendente, mentre altri diventano visibili solo con la diagnostica strumentale.

La dilatazione pelvica non deve essere ignorata. È pericoloso a causa del rischio di rottura e dello sviluppo di sanguinamento durante il parto. Pertanto, con i primi sintomi, si consiglia di consultare uno specialista per il trattamento. È difficile per le donne con vene varicose rimanere incinta.

Nanovein  Griglia di iodio per il trattamento di varie malattie - regole d'uso

A seconda del grado di patologia, viene deciso il problema della nascita naturale o, se indicato, un taglio cesareo.

Le vene varicose di labia

Più comune durante la gravidanza, più spesso manifestato nel 2 ° o 3 ° trimestre. Guarda come appaiono le vene sulle labbra con la malattia nella foto.

Consultazione con un medico

Molto spesso, le vene varicose nelle gambe contribuiscono alla sua manifestazione. Aree gonfie appaiono sul labbro (o due), si avvertono prurito, bruciore, dolore, gonfiore. Le sensazioni sono particolarmente forti durante la toilette o dopo una posizione prolungata.

I medici notano che una significativa espansione delle vene genitali durante la gravidanza crea un certo onere per il feto, che nei casi più gravi minaccia l'aborto. Questo non dovrebbe essere dimenticato dalle donne che si trovano ad affrontare la malattia.

La patologia è irta non solo di disagio fisico, ma provoca un trauma psicoemotivo in gravidanza. Labbra deformate e scurite, i grandi nodi delle vene possono sembrare brutti.

Le consultazioni sono necessarie non solo per un flebologo, ma, possibilmente, per uno psicologo di famiglia. Il primo ti dirà come trattare la patologia durante la gravidanza. E il secondo spiegherà che con un trattamento competente e tempestivo, la malattia si ritirerà dopo il parto e i genitali torneranno di nuovo alla normalità.

Su grandi labbra

La varicosi sulle grandi labbra durante la gravidanza ha manifestazioni esterne luminose:

  1. Viene visualizzato un nodulo morbido. All'inizio è facile non accorgersene.
  2. Aumenta con il tempo e può causare ostacoli quando si cammina e si è seduti.
  3. Causa disagio durante il rapporto sessuale.
  4. In assenza di trattamento, aumenta il numero di noduli.
  5. Il colore e la forma delle grandi labbra stanno cambiando. Si scuriscono, diventano blu, si gonfiano, si gonfiano.

Una donna stessa può rilevare una malattia in se stessa. Quando si avvertono piccoli urti e noduli. Disagio nei genitali.

Sembra così

Le vene allargate sulle labbra sono facilmente visibili dal medico durante l'esame. Pertanto, la diagnosi della malattia non causa difficoltà e non richiede ulteriori studi strumentali.

Le navi sono evidenti sotto forma di formazioni sottocutanee gonfie e contorte di un colore bluastro. Si gonfiano sotto la superficie del derma.

I cambiamenti si trovano anche sulla mucosa che copre le labbra. All'esame, sono visibili le vene del ragno.

Su labbra piccole

La varicosi delle piccole labbra presenta gli stessi sintomi durante la gravidanza di quelli grandi. L'unica differenza è che i nodi venosi spuntano sulle piccole labbra. Compaiono noduli morbidi.

A poco a poco, aumentano di dimensioni, il disagio si intensifica e l'aspetto dei genitali diventa antiestetico.

Le vene varicose vaginali

Questo è un tipo più pericoloso di vene varicose durante la gravidanza. È caratterizzato da un danno ai vasi del sistema riproduttivo femminile, che è accompagnato da sintomi spiacevoli.

Le vene con questa patologia si espandono di diametro, le pareti vascolari diventano più sottili. Formano noduli che interrompono il normale flusso sanguigno. Il più delle volte si verifica nelle donne in gravidanza che precedentemente soffrivano di vene varicose.

È difficile diagnosticare la malattia da soli. Vale la pena contattare un ginecologo per l'esame e la palpazione.

Con una diagnosi errata, una terapia inadeguata o la sua assenza, spesso si sviluppano complicazioni. Pertanto, per escludere errori dopo un esame visivo, una donna viene sottoposta a ecografia.

La conseguenza della malattia può essere un ispessimento del sangue. Ciò è dovuto al fatto che nelle donne in gravidanza diventa più viscoso. Raramente si verifica una trombosi della vena pelvica.

Con questo tipo di malattia, i principali sintomi delle vene varicose sono:

  • lamentele degli arti inferiori e del bacino, ad esempio crampi muscolari, sensazione di pesantezza alle gambe;
  • problemi al sistema urinario: oliguria, minzione frequente;
  • flatulenza, costipazione;
  • fa male verso il basso nella vita.
Nanovein  Chirurgia laser per il trattamento delle vene varicose nelle gambe

Le vene varicose non sono un ostacolo al parto naturale. Ma i medici preferiscono avere un taglio cesareo in situazioni in cui le vene varicose stanno rapidamente progredendo e i nodi sono notevolmente aumentati di dimensioni.

Nella maggior parte dei casi, un trattamento tempestivo aiuta a eliminare il problema prima del parto. Dopo la nascita del bambino, i fattori che provocano la patologia scompaiono, quindi la malattia scompare.

In rari casi, quando si inizia la malattia, può essere necessario un trattamento aggiuntivo nel periodo postpartum.

Importante: le vene varicose, manifestate durante la prima gravidanza, con un alto grado di probabilità possono essere nella seconda. Seguire esattamente le raccomandazioni del medico e le misure preventive aiuterà a minimizzare i rischi.

Vene varicose

Durante la gravidanza, potrebbe non avere sintomi pronunciati, manifestati principalmente da dolori nell'addome inferiore. L'unico metodo affidabile per diagnosticare la malattia è un esame con una macchina ad ultrasuoni.

Tra i sintomi delle vene varicose della vulva si distinguono anche:

  • sbalzi d'umore;
  • prurito all'inguine;
  • la comparsa di secchezza e macchie di età.

Nelle fasi successive, si nota una distorsione della forma delle labbra, degli asterischi vascolari e dei noduli su di essi. Vedi la foto

Deve essere trattato

Questi processi durante la gravidanza spesso portano a danni ai vasi dell'utero e rappresentano una minaccia per le condizioni del feto. Se non trattate, le vene varicose vulvari possono portare a una delle complicazioni più pericolose: rottura della vena vaginale e sanguinamento grave. I medici consigliano di partorire con taglio cesareo.

Vene varicose perineali

Durante la gravidanza, si verifica in un terzo di tutti i casi di vene varicose. L'utero con feto in crescita è la causa principale che porta alla compressione delle grandi vene. Si verificano i seguenti sintomi:

  • espansione delle vene nel perineo, vulva, vagina;
  • sensazione di pesantezza, prurito;
  • gonfiore degli organi genitali;
  • dolori intensi che esplodono dall'interno;
  • forma acuta di varicotromboflebite;
  • rottura dei vasi sanguigni e sanguinamento grave.

L'intensità del sanguinamento è spontanea. Spesso sono provocati da rapporti sessuali o dal processo di parto iniziato. È difficile fermarlo, poiché è causato dall'ipertensione.

La soluzione più semplice

Metodi di trattamento

Prima di trattare le vene varicose, il paziente deve sottoporsi a una diagnosi completa. Oltre all'ispezione visiva, vengono effettuati studi specializzati:

  • Dopplerografia: rileva le formazioni vascolari, aiuta a determinare la natura del flusso sanguigno;
  • Ultrasuoni con sensori addominali e transvaginali;
  • flebografia – valutazione della funzionalità delle valvole venose;
  • laparoscopia – per rilevare anomalie patologiche.

Nonostante il fatto che nella maggior parte dei casi la malattia si attenui dopo il parto, il trattamento aiuta a prevenire le complicanze e ad alleviare le condizioni della futura mamma.

Un tipo popolare di correzione è la scleroterapia. La procedura prevede l'introduzione nelle vene interessate di una speciale soluzione di incollaggio che blocca la progressione della malattia.

La durata della terapia dipende dal tipo e dalla gravità della malattia. Dopo la scleroterapia, a una donna vengono prescritti farmaci tonici:

Un punto importante nella lotta contro la malattia è indossare biancheria intima a compressione. Porta le vene a tonificare, stringendo le aree interessate.

Si raccomanda una ginnastica speciale per eliminare il dolore. Ad esempio, sollevando le dita dei piedi, piegando alternativamente le ginocchia in posizione supina. Gli esercizi allenano le vene e le tonificano.

Per prevenire lo sviluppo della patologia durante la gravidanza, la prevenzione aiuterà:

  • restrizione su piatti piccanti e salati;
  • mancanza di eccessivo sforzo fisico;
  • rispetto del riposo e del sonno;
  • eseguire esercizi terapeutici raccomandati da un medico;
  • controllo del peso;
  • indossando una benda. Proteggerà gli organi pelvici dalla pressione di un utero allargato;
  • rispetto dell'igiene intima, indossando biancheria intima realizzata con materiali naturali.

Informazioni sull'autore: Olga Borovikova

Lagranmasade Italia