Le vene varicose degli arti inferiori

Secondo i dati moderni, circa il 25% della popolazione totale dei paesi sviluppati soffre di vene varicose degli arti inferiori. Questa malattia è un grave problema medico e sociale, poiché colpisce una fascia di età lavorativa. La malattia è caratterizzata da un lungo decorso ricorrente, una diminuzione del livello di disabilità e lo standard generale di vita dei pazienti.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Cause della malattia

Il fatto stesso dello sviluppo delle vene varicose è associato alla postura eretta. Quando il corpo è in posizione verticale, viene esercitata una notevole pressione sulle vene delle gambe. Il ritorno del sangue al cuore è assicurato non solo dal suo lavoro, dall'azione di aspirazione del torace, ma anche dal lavoro dei muscoli della parte inferiore della gamba e del piede, nonché dal sistema di valvole venose che impediscono la corrente inversa.

Si ritiene che un punto chiave nello sviluppo delle vene varicose sia una violazione delle valvole, che sono soggette al massimo stress meccanico. Di conseguenza, si verifica un eccesso di volume di sangue nelle vene, che porta a un allungamento eccessivo della parete venosa, che aggrava ulteriormente l'insufficienza valvolare.

Un fattore importante nella formazione della malattia appartiene al fattore ereditario. Le vene varicose hanno una probabilità 1,5-2 volte maggiore di interessare le donne. Le seguenti condizioni possono provocare l'insorgenza della malattia:

  • Gravidanza.
  • Sovrappeso.
  • Carichi statici lunghi.
  • Età avanzata
  • L'uso della terapia ormonale.
Nanovein  Benda maschile con varicocele

Le vene varicose degli arti inferiori possono essere primarie e secondarie. Quest'ultima opzione è una complicazione di varie patologie delle vene profonde delle gambe.

Quadro clinico

I sintomi delle vene varicose dipendono dallo stadio del processo patologico. All'inizio della malattia, i pazienti di solito non mostrano alcun reclamo. Tuttavia, a volte anche prima del primo visual le manifestazioni della malattia hanno notato pesantezza alle gambe, affaticamento, dolore alle gambe.

Con la progressione della malattia, i pazienti notano la formazione di edema, che si forma dopo una lunga permanenza in posizione verticale e scompare in una posizione prona. I dolori alle gambe diventano più pronunciati, ma hanno un carattere transitorio.

La grave espansione delle vene degli arti inferiori si manifesta con i seguenti sintomi:

  1. Costante pesantezza e una sensazione di pienezza nelle gambe.
  2. Dolore sordo
  3. Crampi muscolari notturni.
  4. Fatica.
  5. Gonfiore delle gambe e dei piedi, che di solito si verificano la sera e diminuiscono dopo un riposo notturno.

Inoltre, l'espansione delle vene diventa visivamente evidente e causa disagi estetici ai pazienti. Nelle prime fasi si possono osservare piccole vene di ragno e, con lo sviluppo del processo, si formano tronchi tortuosi, nodi, plessi gonfiori, che si manifestano particolarmente chiaramente nella posizione verticale del paziente.

Inoltre, la malattia è spesso accompagnata da disturbi trofici. La pelle è secca, ruvida, su di essa vengono determinati i fuochi di cianosi e aumento della pigmentazione. Tali cambiamenti nella pelle sono più caratteristici della superficie anteriore della parte inferiore della gamba. A poco a poco, nei siti della lesione possono formarsi ulcere trofiche.

diagnostica

Al fine di diagnosticare le vene varicose degli arti inferiori, il medico valuta i reclami del paziente, raccoglie un'anamnesi ed esegue un esame fisico, che comprende esame e palpazione. Tra i metodi diagnostici strumentali, gli studi sugli ultrasuoni sono di primaria importanza: scansione duplex e dopplerografia. Consentono non solo di visualizzare i vasi sanguigni, ma anche di determinare la direzione del flusso sanguigno e i suoi parametri. Con l'aiuto di studi duplex, è anche possibile rilevare un guasto alla valvola.

Se si sospetta la natura secondaria del processo, è possibile utilizzare metodi aggiuntivi. Questi includono flebografia, venografia TC e RM.

Nanovein  Articolazioni ferite durante la gravidanza

Trattamento delle vene varicose

I trattamenti conservativi per le vene varicose includono:

  • L'uso di calze a compressione.
  • Assunzione di farmaci dal gruppo flebotonico.
  • Normalizzazione dell'attività fisica, diminuzione del carico statico.

Tuttavia, i metodi non chirurgici non portano al completo recupero e non sono in grado di ripristinare le vene alterate. Pertanto, il modo principale per trattare le vene varicose è chirurgico.

Una delle opzioni per l'intervento chirurgico in questo caso è una flebectomia unilaterale da mini-accesso. Durante questa operazione, la nave interessata viene espulsa attraverso una piccola incisione o puntura e viene rimossa. È usato per estese vene varicose, quando le vene sono significativamente pronunciate e gonfie. Attualmente, questa operazione viene eseguita meno frequentemente a causa della presenza di tecniche meno traumatiche e più efficaci.

Con la sconfitta delle piccole vene, è possibile la scleroterapia. Questa tecnica è l'introduzione nel vaso di un farmaco speciale che riempie il vaso e lo "attacca" insieme.

Se la grande vena safena è leggermente espansa (fino a 10 mm) e ha un decorso diretto, c'è un piccolo numero di afflussi alterati, viene eseguita la coagulazione laser endovenosa. Infine, il processo patologico in tutte le fasi può essere compensato dalla cancellazione della radiofrequenza. Per questa procedura mini-invasiva, viene utilizzato un dispositivo speciale che agisce sui vasi alterati attraverso un catetere mediante onde radio.

Periodo postoperatorio

Il trattamento chirurgico della malattia delle vene varicose non impone ulteriori restrizioni al paziente nel periodo postoperatorio. Secondo i dati attuali, la scelta del metodo di trattamento non influisce sulla probabilità di sviluppare una recidiva di vene varicose al follow-up a lungo termine. Il motivo del ritorno della malattia è spesso l'ulteriore naturale progressione della malattia.

È necessario comprendere che il successo a lungo termine del trattamento è in gran parte determinato dallo stile di vita del paziente stesso. Ignorare le raccomandazioni del medico è associato a un rischio maggiore di sviluppare una ricaduta della malattia. A questo proposito, è molto importante escludere o minimizzare l'influenza dei fattori di rischio, che raggiungerà il massimo risultato possibile.

Lagranmasade Italia