Le vene varicose all’inguine durante la gravidanza (2)

Probabilmente hai sentito parlare di una malattia come le vene varicose. È associato a persistente dilatazione irreversibile delle vene e di conseguenza una violazione del normale flusso sanguigno. Le vene varicose sono più spesso osservate nella parte inferiore del corpo – sulle gambe, sui genitali, sul bacino. Uno dei fattori favorevoli per l'insorgenza di tali cambiamenti è la gravidanza. Naturalmente, ciò non significa che, essendo rimaste incinte, incontrerai sicuramente questa malattia: solo la metà delle donne nota vene varicose durante la gravidanza. Se una donna ne ha sofferto prima, quindi quando trasporta un bambino, è probabile che la malattia inizi a progredire.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Cause delle vene varicose durante la gravidanza

Le vene varicose durante la gravidanza si sviluppano a causa di cambiamenti nel corpo della donna incinta, della struttura del suo corpo e di un cambiamento nello stile di vita della donna. Ci sono alcuni fattori specifici che provocano la comparsa di questa malattia:

  1. Cambiamenti ormonali Durante la gravidanza, il livello di progesterone, che rilassa i muscoli dell'utero, aumenta, ma ha anche un "effetto collaterale": il rilassamento delle pareti dei vasi sanguigni. Di conseguenza, le vene ascendenti non possono attivamente pompare il sangue, inizia la stagnazione, che contribuisce a una vasodilatazione ancora maggiore – un circolo vizioso!
  2. Aumento della pressione venosa: il sangue nelle donne in gravidanza diventa più fluido. Ciò è necessario per migliorare l'afflusso di sangue al feto. Ma per le vene, questo non è così buono: si verifica la loro espansione persistente.
  3. Rafforzare la formazione di coaguli di sangue – quindi il corpo si prepara al parto in modo che la donna non perda troppo sangue dopo la separazione della placenta. Ma se le vene varicose sono già iniziate, la tendenza alla trombosi peggiorerà solo la situazione.
  4. Diminuzione del livello di attività fisica: le donne in gravidanza spesso preferiscono sdraiarsi piuttosto che eseguire una sorta di ginnastica. Tuttavia, se non ci sono controindicazioni, la ginnastica deve essere fatta! O fare lunghe passeggiate. Tutto ciò migliora la circolazione sanguigna e funge da prevenzione delle vene varicose. Maggiori informazioni sulla ginnastica per le future mamme →

Tipi di vene varicose durante la gravidanza

A proposito, le vene varicose possono essere di vari tipi. Considera quelli che sono più comuni durante la gravidanza:

  • vene varicose durante la gravidanza all'inguine – la comparsa di vene gonfie all'inguine, una donna si sente "scoppiare" in questa zona;
  • la varicosità uterina durante la gravidanza è il risultato di una predisposizione ereditaria e di un aumento del lavoro delle vene iliache. Può anche verificarsi a causa di processi infiammatori prolungati, aborti, malfunzionamento del ciclo mestruale, ecc.;
  • le vene varicose vaginali durante la gravidanza sono una forma abbastanza comune di malattia, che è particolarmente comune per le donne le cui madri e nonne hanno sofferto di espansione delle vene delle gambe;
  • e, infine, le vene varicose sulle gambe sono la forma più comune di questa malattia.

Trattamento delle vene varicose

Non tutti i metodi usati per trattare le vene varicose possono essere applicati alle donne in una "posizione interessante". Ad esempio, la scleroterapia (iniezione di farmaci speciali) e l'intervento chirurgico – radicali, ma anche i metodi più efficaci – sono strettamente controindicati per le donne in gravidanza. Non dovrebbero essere usati anche se una donna prevede di diventare madre nei prossimi due anni, perché a quel punto difficilmente si potrà evitare una ricaduta della malattia.

Pertanto, gli unici rimedi per le vene varicose durante la gravidanza che sicuramente non danneggeranno né la futura mamma o il bambino indossano biancheria intima a compressione (calze e collant speciali) e vari agenti topici (creme, unguenti). Se parliamo di quest'ultimo, i fondi a base di eparina (gel di Lyoton) ed estratto di ippocastano (farmaci come il Dr. Taiss, Venitan, ecc.) Si sono dimostrati efficaci. Se il medico ti ha raccomandato di indossare calze a compressione o golf, preparati al fatto che dovrai indossarli durante il parto – in questo momento, il rischio di sviluppare trombosi aumenta in modo significativo.

Come avviene la consegna con le vene varicose?

Le vene varicose non sono una controindicazione al portamento e alla nascita di un bambino. Devi solo stare più attento alla tua salute. Il medico suggerirà la prevenzione della trombosi e dell'infiammazione delle vene. Sorge anche la domanda su quale modo dare alla luce – naturalmente o usando il taglio cesareo. Deciderai questo insieme al ginecologo e al flebologo. Se possibile, viene sempre data preferenza al parto naturale. Ma prima di dare alla luce, avrai sicuramente bisogno di indossare calze a compressione o bendare le gambe con bende elastiche per prevenire il riflusso del sangue durante il travaglio.

Le vene varicose passano dopo il parto?

A proposito, molti sono interessati: se durante la gravidanza il medico ha diagnosticato "vene varicose", quindi cosa aspettarsi dopo il parto – recupero o, al contrario, esacerbazione della situazione? Nessuno ti darà una risposta chiara a questa domanda, nemmeno il medico curante. Tutto dipende dalle caratteristiche del tuo corpo. Alcune donne dopo il parto dimenticano cosa sono le vene varicose (almeno per un po '), mentre altre continuano a soffrire e cercano modi per risolvere questo problema. Quindi, come vengono trattate le vene varicose dopo il parto?

Ad oggi, la medicina può offrire 2 modi per trattare le vene varicose: conservativa – con l'aiuto di farmaci e chirurgia – attraverso l'intervento chirurgico.

Dopo il parto, le donne spesso sviluppano, oltre alle vene varicose, tromboflebite venosa, infiammazione delle pareti delle vene, trombosi venosa. I sintomi sono generalmente gli stessi: tensione venosa, dolore durante la palpazione, arrossamento della pelle sulla zona interessata del corpo, fino ad un aumento della temperatura. Se osservi tutti questi spiacevoli fenomeni a casa, consulta urgentemente un medico e preparati al fatto che ti nominerà in ospedale.

Ora hai bisogno di riposo a letto e la maggior parte delle volte le gambe dovrebbero essere sollevate. Se parliamo di trattamento farmacologico in questo periodo, in questi casi vengono solitamente prescritti sulfanilamidi, antibiotici, farmaci antinfiammatori e, se necessario, antidolorifici. A volte i medici combattono il problema con l'aiuto di coagulanti, farmaci che prevengono la coagulazione del sangue. C'è una caratteristica: possono essere assunti non prima di 3 giorni dopo la nascita per evitare sanguinamenti uterini.

Prevenzione delle vene varicose durante la gravidanza

Come al solito, prevenire una malattia è molto più facile che curarla. Pertanto, ogni donna deve conoscere le misure preventive per le vene varicose durante la gravidanza, indipendentemente dal fatto che abbia una predisposizione a questa malattia.

Se né tu né i tuoi parenti avete mai riscontrato un tale problema, non passate tutto il giorno in piedi e non avete un peso in eccesso – la prevenzione delle vene varicose non sarà difficile. Se tutti questi fattori "aggravanti" sono evidenti, è necessario ricorrere alle misure preventive con doppio zelo: questo dà davvero ottimi risultati.

A proposito, ricorda che ogni successiva gravidanza aumenta il rischio di insorgenza e sviluppo di vene varicose.

Se noti che "noduli" venosi gonfi sono comparsi sulle gambe (anche di dimensioni molto ridotte), vai da un flebologo o un chirurgo: il medico ti osserverà per tutta la gravidanza e per un po 'di tempo dopo il parto.

Nanovein  Chirurgia per le vene varicose nelle gambe

Come evitare le vene varicose durante la gravidanza

Lascia che lunghe passeggiate (almeno 2 ore) in città diventino la tua abitudine quotidiana. Questo è un buon riscaldamento per i muscoli del polpaccio e la circolazione sanguigna quando si cammina migliora significativamente. È solo nel caldo, è meglio rimanere a casa.

Un'altra grande opzione è il nuoto: questa è sia attività fisica che una sorta di massaggio con acqua. È anche utile perché ha un effetto benefico sulla colonna vertebrale che, man mano che la pancia cresce, sperimenta sempre più stress.

Inoltre, una doccia di contrasto ti sarà utile, solo la differenza di temperatura non dovrebbe essere troppo grande, altrimenti potresti sentirti male (non a causa delle vene varicose, ma semplicemente a causa della "situazione interessante"). Lasciati guidare dai tuoi sentimenti.

Presta attenzione alla scelta delle scarpe. Niente tacchi alti! Se tacco, quindi basso (non più di 3-5 cm) e stabile. Non dovrebbe avere elastici, lacci e stringhe, stringere e stringere la gamba – questo interrompe la circolazione sanguigna. Lo stesso vale per i calzini aderenti.

Durante il giorno, cerca di sdraiarti periodicamente per 15-20 minuti con le gambe sollevate. Hai visto nei film gli americani seduti con i piedi sul tavolo? Lo consideriamo inaccettabile, ma che grande profilassi per le vene varicose! Certo, non è necessario gettare le gambe sul tavolo, ma sul morbido cuscino – tutto qui.

Impara a dormire solo sul lato sinistro: questo facilita la pressione dell'utero sulla vena, che è sulla destra, e riduce la pressione venosa nelle gambe. Prova a mettere un piccolo cuscino sotto lo stomaco, è molto conveniente.

Per prevenire le vene varicose durante la gravidanza e solo per sentirsi bene, cerca di assegnare durante il giorno il tempo che trascorri in posizione seduta-sdraiata-sdraiata. Gli estremi sono inaccettabili: non dovresti andare allo sfinimento o sdraiarti sul divano per 10 ore di fila.

Non sedersi con le gambe incrociate, specialmente su un sedile basso.

Regola la tua dieta. In primo luogo, è importante normalizzare il funzionamento dell'intestino e, in secondo luogo, una dieta speciale, che discuteremo di seguito, ha un effetto benefico sullo stato delle vene.

Dieta per le vene varicose

Presta attenzione al liquido: dovrebbe essere molto. Quest'acqua, i succhi, le zuppe e le verdure contengono molta acqua (i cetrioli, per esempio, ne contengono il 97%). Il succo d'uva rossa è estremamente utile per te: mezzo bicchiere al giorno ridurrà l'attività piastrinica del 75%.

Mirtilli, mirtilli rossi, sedano, cipolle, aglio, kiwi, ciliegia, pomodori riducono la coagulazione del sangue.

E hai anche bisogno di iodio per ridurre la viscosità del sangue e aumentare l'elasticità delle pareti dei vasi sanguigni. Si trova nei frutti di mare (in particolare, alghe) e sale iodato.

Le vene varicose durante la gravidanza non sono così spaventose se sai cosa fare e non ti preoccupare di nuovo. Segui questi consigli e non ammalarti!

Come rilevare le vene varicose in una fase precoce

Vene varicose all'inguine durante la gravidanza: cause e metodi di trattamento per le labbra

Le vene varicose sono una malattia che si verifica più spesso nelle estremità inferiori, dove è caratterizzata dalla comparsa di spesse vene gonfie sotto la pelle e dalla formazione di edema nelle gambe. Ma questa malattia a volte colpisce altre parti del corpo.

Uno di questi problemi comuni è la varicosità delle labbra, che colpisce le donne durante la gravidanza.

Cosa fare se durante la gravidanza le vene varicose all'inguine, nella parte esterna della vagina, sulle labbra? Quali trattamenti possono aiutarti ad affrontare il problema in sicurezza? E, soprattutto – è possibile dare alla luce?

Descrizione della malattia

Questa malattia di solito si verifica nel terzo trimestre di gravidanza, ma può verificarsi molto prima – le donne si lamentano spesso di questo problema già all'inizio del 2o trimestre. Nella maggior parte dei casi, le labbra varicose si formano contro le vene varicose degli arti inferiori.

Non puoi notare subito questa patologia. Nelle prime fasi dello sviluppo, si forma un piccolo nodulo morbido sulle labbra, che non causa alcun inconveniente. Nel tempo, inizia a crescere, causando dolore e altre sensazioni spiacevoli.

Spesso questa malattia scompare dopo la nascita del bambino. Ma questo non significa che puoi lasciarlo incustodito, specialmente se i nodi varicosi continuano ad aumentare di dimensioni. Se viene rilevata una malattia, è necessario consultare un medico, perché in casi avanzati le vene varicose delle labbra durante la gravidanza possono portare a vene varicose della piccola pelvi e gravi complicazioni che minacciano la salute della madre e del nascituro.

Cause e fattori di rischio

Questa malattia è peculiare delle donne "in posizione", perché durante questo periodo il corpo è sottoposto a grande stress. Il peso corporeo sta aumentando e anche i cambiamenti stanno avvenendo nel sistema ormonale. Il livello di ormoni progesterone ed estrogeni aumenta bruscamente, il che influisce negativamente sulla struttura delle vene. Si indeboliscono e diventano più estensibili.

Altre cause comuni di questa malattia sono:

  • Il feto cresce, di conseguenza, l'utero cresce di dimensioni e stringe la parte inferiore della vena cava, così come le vene iliache. Ciò porta a disturbi circolatori negli organi pelvici.
  • Aumento del volume del sangue. Affinché il feto riceva abbastanza ossigeno e sostanze nutritive, il corpo inizia a produrre più sangue. Trabocca le vene, che sono allungate a causa dell'alta pressione e il loro tono diminuisce.
  • Malattie croniche degli organi genitali, caratterizzate da processi infiammatori.
  • Attività fisica inadeguata, inattività. Se una donna è in piedi o seduta per lungo tempo, si verifica un ristagno negli organi pelvici, la circolazione sanguigna peggiora, il che contribuisce alla formazione di patologie. La comparsa di vene varicose inguinali durante la gravidanza può anche essere associata a un intenso sforzo fisico, ad esempio durante il sollevamento pesi.
  • Disturbi fisiologici nella struttura delle valvole venose, patologie congenite delle pareti venose e predisposizione genetica alle vene varicose.
  • L'obesità. Durante il portamento di un bambino, una donna aumenta rapidamente di peso e ciò influisce negativamente sulle condizioni degli arti inferiori, poiché il carico su di essi aumenta. Ciò contribuisce allo sviluppo delle vene varicose delle gambe, che spesso porta alle vene varicose delle labbra.
  • Costipazione. Questo problema è caratteristico di quasi tutte le donne durante la gravidanza. L'attività dell'intestino è disturbata, la tensione in essa aumenta, a seguito della quale viene esercitata una maggiore pressione sui vasi del bacino, che provoca vene varicose.

Come dare alla luce

Questa malattia di per sé non è una controindicazione al parto naturale. Solo se la patologia si sviluppa rapidamente e l'espansione delle vene ha raggiunto proporzioni allarmanti può essere indicato un taglio cesareo.

In ogni caso, prima della nascita è necessario sottoporsi agli esami necessari che determineranno la possibilità di una nascita naturale. Con il rilevamento tempestivo della malattia, puoi riuscire a curarla prima dell'inizio del parto.

Dopo il parto, le vene varicose spesso scompaiono da sole, ma se la malattia fosse grave e trascurata, potrebbe continuare nel periodo postpartum. Il rischio più elevato di ricorrenza delle vene varicose in un luogo intimo sono le donne alla prossima gravidanza. Ecco perché è così importante consultare un medico, seguire tutte le sue istruzioni e seguire le misure preventive.

Pericolo e complicanze

Le vene varicose perineali – una condizione pericolosa durante la gravidanza, che può portare alla rottura delle vene alterate durante il parto e sanguinamento pesante. Un'altra complicazione di questa malattia è la varicotromboflebite acuta, che è caratterizzata da processi infiammatori nelle pareti dei vasi sanguigni con la formazione di un trombo in essi.

Prima che compaiano i segni esterni della malattia, la donna incinta inizia a sentire i seguenti spiacevoli cambiamenti:

  • dolore nel perineo;
  • prurito e bruciore costanti;
  • le labbra sembrano gonfie.

Il disagio si manifesta di più la sera, soprattutto se durante il giorno una donna ha trascorso molte ore nella stessa posizione o se ha avuto un intenso sforzo fisico.

A poco a poco, i noduli iniziano ad apparire nella regione delle labbra. Sembrano piccoli gonfiori, morbidi al tatto. Nel tempo, questi noduli si espandono sotto l'influenza delle vene sporgenti, i sintomi diventano più pronunciati e l'estetica dei genitali si deteriora.

Sensazioni spiacevoli nella zona intima causano molti inconvenienti: la donna diventa difficile muoversi, avverte dolore mentre cammina, una seduta prolungata e anche di notte durante il sonno. Le madri più in attesa sono costrette ad abbandonare completamente il contatto sessuale. E il problema qui non è solo che sono imbarazzati nel dimostrare alterati organi genitali, ma temono anche per possibili danni alle vene gonfie durante il rapporto sessuale.

diagnostica

È possibile rilevare la malattia da soli sondando le labbra, ma si consiglia comunque di consultare un medico per chiarire la diagnosi.

Nanovein  Iniezioni frequentemente prescritte per le vene varicose nelle gambe

Ai primi segni di vene varicose genitali durante la gravidanza, dovresti visitare un flebologo che effettuerà un esame e fornirà le raccomandazioni necessarie per prevenire lo sviluppo della malattia. Per fare una diagnosi accurata, il medico può prescrivere una scansione duplex o un'ecografia. Solo dopo tutte queste procedure viene determinato un corso di trattamento appropriato.

Metodi di trattamento

Sebbene questa malattia nella maggior parte dei casi scompaia da sola dopo la nascita di un bambino, alcuni metodi di trattamento possono prevenire una serie di complicazioni durante il parto e alleviare le condizioni del paziente.

farmaci

Il trattamento più comune per le vene varicose all'inguine durante la gravidanza è la scleroterapia. Questa procedura consiste nell'introduzione di un farmaco speciale nella vena colpita, a seguito della quale le sue condizioni si normalizzano. Le iniezioni vengono eseguite in ospedale, il numero di procedure dipende dalla gravità della malattia.

Inoltre, vengono utilizzati vari farmaci per aumentare il tono delle vene:

  • Troxerutin;
  • diosmina;
  • detraleks;
  • esperidina;
  • flebodia;
  • Lioton;
  • eparina;
  • Gel, creme e unguenti contenenti estratto di ginkgo biloba.

Biancheria intima di compressione

Indossare abiti speciali, vale a dire speciali calze compressive, aiuta a ripristinare il normale stato di una vena gonfia. La biancheria intima a compressione dalle vene varicose comprime le aree interessate, esercitando una pressione sulle vene, a seguito delle quali sono in tono costante.

Parallelamente all'indossare biancheria intima a compressione, si raccomanda di eseguire esercizi ginnici speciali per alleviare il dolore e mantenere i vasi. Ad esempio, puoi piegare a turno le gambe sulle ginocchia, sdraiati. Oppure mettiti a carponi, testa su un cuscino. In questo caso, la regione pelvica sarà sopra la testa, il che migliorerà il deflusso di sangue dalle aree interessate e allevia il dolore.

Sollevare le dita dei piedi, piegare le ginocchia in posizione prona sul lato sinistro o semplicemente camminare in posizione può avere un buon effetto. Una serie specifica di esercizi è prescritta da uno specialista sulla base di indicazioni individuali.

Меры профилактики

Prevenire la comparsa di vene varicose sulle labbra durante la gravidanza non è un compito molto difficile. È sufficiente osservare alcune misure preventive:

  • Non camminare con i tacchi alti;
  • ridurre la quantità di cibi salati ed eccessivamente piccanti, nonché cibi ricchi di vitamina C, che contribuiscono alla formazione di edema;
  • evitare un intenso sforzo fisico, rilassarsi più spesso, ma non trascurare la ginnastica regolare;
  • controllo del peso corporeo;
  • indossare una fasciatura speciale che previene il carico eccessivo dell'addome in crescita sulle gambe e sugli organi pelvici;
  • osservare le regole dell'igiene intima: eseguire le procedure igieniche al mattino e alla sera, usando gel speciali anziché sapone, cambiare biancheria intima ogni giorno, privilegiando materiali realizzati con tessuti naturali di alta qualità.

La varicosi delle labbra nelle donne in gravidanza è una malattia spiacevole, ma non molto pericolosa. Misure tempestive aiuteranno ad evitare il suo aspetto e prevenire qualsiasi altro tipo di espansione delle vene. Se la malattia ha iniziato a manifestarsi, non vale la pena ritardare una visita da un medico. Prima inizia il trattamento, meno probabile è la formazione di complicazioni pericolose.

Le vene varicose del perineo durante la gravidanza

Le vene varicose del perineo durante la gravidanza (labbra, vulva, vagina) sono una delle anomalie che possono verificarsi nel corpo di una donna. È un'espansione patologica delle vene situate nella regione inguinale. La malattia non solo provoca un disagio fisico ed emotivo a una donna, ma minaccia anche di complicazioni della gravidanza e del processo di nascita. Questo perché le vene varicose dei genitali esterni sono spesso associate alle vene varicose dei vasi pelvici situati intorno all'utero in gravidanza. Se durante la gravidanza vengono rilevate vene varicose all'inguine, cosa dovrebbe fare una donna per evitare spiacevoli conseguenze? Parliamo di questo in modo più dettagliato.

Le cause

Per il verificarsi di vene varicose perineali durante la gravidanza, vengono creati numerosi prerequisiti:

  1. Lo sfondo ormonale durante la gravidanza subisce cambiamenti significativi. Aumenta significativamente il livello dell'ormone progesterone, la cui azione è volta a prolungare e mantenere la gravidanza. Il progesterone ha effetti aggiuntivi: provoca la degenerazione delle fibre del tessuto connettivo che formano la parete delle vene. Di conseguenza, le vene perdono la loro intrinseca elasticità e diventano più malleabili.
  2. L'utero in gravidanza, molte volte più grande, esercita una pressione eccessiva sulle vene, attraverso la quale il sangue viene drenato da tutta la parte inferiore del corpo (compresa la regione inguinale). La violazione del deflusso di sangue porta ad un aumento della pressione nelle vene.
  3. Durante la gravidanza, una donna aumenta significativamente la quantità di sangue circolante nei vasi, il che è spiegato dall'apparizione di un ulteriore sistema circolatorio placentare. Un aumento del volume del sangue circolante porta naturalmente ad un aumento della pressione nelle vene e nella loro distensione.
  4. L'aumento di peso durante la gravidanza è anche un fattore che contribuisce all'aumento della pressione nel sistema venoso. Il carico maggiore ricade sulle vene della parte inferiore del corpo.

I fattori elencati influenzano la parete venosa in totale, causando vasodilatazione patologica. Prima di tutto, le vene safene sono esposte a cambiamenti, che nel loro corso non hanno supporto sotto forma di uno strato muscolare.

L'influenza dei fattori viene pronunciata nel secondo o terzo trimestre di gravidanza, pertanto i sintomi delle vene varicose delle labbra compaiono di solito entro 18-20 settimane di gravidanza.

Nella maggior parte dei casi, la patologia non è considerata una controindicazione al parto naturale. Dopo la nascita di un bambino, l'espansione delle vene nella regione inguinale scompare da sola.

Sintomi e diagnosi delle labbra varicose durante la gravidanza

Le vene varicose della regione inguinale si manifestano con sintomi specifici:

  • gonfiore, espansione del sottocutaneo situato nel perineo, fino alla formazione di grandi nodi dolorosi;
  • gonfiore delle labbra, aumento delle dimensioni;
  • dolore nel perineo con radiazioni nella regione sacrale, alle estremità inferiori, intensificandosi dopo uno sforzo fisico, minzione, rapporti sessuali;
  • disturbi trofici della pelle delle labbra (secchezza, vene del ragno, pigmentazione, irritazione);
  • prurito, intorpidimento, bruciore della pelle delle labbra;
  • disturbi della minzione;
  • nei casi più gravi – difficoltà a camminare, sedersi.

Un vivido quadro clinico non lascia dubbi sulla diagnosi. Inoltre, viene inoltre prescritto uno studio del sistema di coagulazione (coagulogramma) e degli ultrasuoni dei vasi (al fine di escludere la presenza di coaguli di sangue nel sistema della vena cava inferiore).

Cosa fare se una donna incinta ha vene varicose all'inguine

È possibile eliminare completamente i sintomi delle vene varicose all'inguine solo dopo la cessazione dei fattori che provocano il suo aspetto, cioè dopo il parto. Durante la gravidanza, viene prescritta una terapia per aiutare a ridurre la gravità dei sintomi della malattia e prevenirne la progressione.

Le donne in gravidanza ricevono una serie di raccomandazioni generali, il cui rispetto facilita notevolmente la condizione:

  • è vietato sollevare oggetti la cui massa superi i 3 kg;
  • riposare in una posizione sdraiata sul lato sinistro con le ginocchia portate allo stomaco;
  • moderata attività fisica regolare;
  • indossare scarpe comode con un tacco basso e stabile;
  • prevenire l'aumento di peso patologico;
  • movimenti intestinali quotidiani, per i quali è necessario arricchire la dieta con fibre (verdure, frutta);
  • lezioni in piscina;
  • escludere i bagni caldi; utilizzare una doccia per scopi igienici;
  • utilizzare biancheria intima confortevole realizzata con materiali naturali;
  • osservare attentamente l'igiene intima.

È necessario insegnare al paziente gli elementi della ginnastica terapeutica, che riduce significativamente il dolore con le labbra varicose. Si praticano pose che facilitano il deflusso di sangue venoso dalla parte inferiore del corpo, ad esempio, in piedi a quattro zampe con la testa abbassata nel pavimento e il bacino sollevato.

Un buon effetto si ottiene indossando biancheria intima a compressione. C'è un'accelerazione del flusso sanguigno, una diminuzione della congestione e la gravità dei sintomi.

La terapia farmacologica include l'uso di agenti venotonici (compresse, gel, unguenti) – Detralex, Venoruton, Troxerutin, Lyoton. Con un pronunciato processo patologico, è indicato l'uso di fluidificanti del sangue (agenti antipiastrinici): Curantil, Trental, Aspirina.

I farmaci vengono eseguiti esclusivamente da un medico. L'automedicazione è un pericolo per la salute e la vita del feto.

Metodi di prevenzione

Misure efficaci per la prevenzione primaria delle vene varicose perineali sono:

  • esame regolare da un ostetrico-ginecologo;
  • passeggiate giornaliere;
  • ricezione di una doccia a contrasto;
  • nutrizione che previene la costipazione;
  • ginnastica medica.

Le vene varicose genitali si riferiscono a patologie abbastanza curabili. La medicina moderna può ridurre la gravità dei sintomi dolorosi e alleviare le condizioni di una donna. Per fare questo, è necessario diagnosticare la malattia in tempo e ricorrere all'aiuto di uno specialista.

Lagranmasade Italia