Le vene delle gambe possono essere rimosse senza intervento chirurgico

La funzione principale dei vasi sanguigni è quella di fornire al corpo le sostanze necessarie che compongono il sangue: le arterie forniscono ossigeno al corpo, le vene “trasportano” il sangue al cuore e i capillari fungono da collegamento tra i due sistemi circolatori. A differenza dei vasi arteriosi, le pareti dei vasi venosi sono più elastiche, poiché lo strato intermedio è rappresentato dal tessuto muscolare liscio.

Le malattie delle vene degli arti inferiori sono chiamate vene varicose. Le pareti della nave, lo strato endoteliale, le valvole sono coinvolte nel processo patologico, a causa del quale l'afflusso di sangue agli organi è difficile.

Le malattie venose includono:

La malattia si verifica in vasi profondi e superficiali per vari motivi. Le principali cause di patologie delle vene degli arti inferiori:

  • predisposizione genetica;
  • immaturità del sistema di valvole;
  • l'obesità;
  • stile di vita passivo;
  • carichi eccessivi (soprattutto spesso negli atleti);
  • malattie del sangue congenite associate a ipercoagulazione;
  • squilibrio ormonale (nelle donne con un bambino, negli uomini con malattie della ghiandola tiroidea);
  • cambiamenti legati all'età nel sistema circolatorio;
  • stress e depressione;
  • dipendenza da alcol o nicotina;
  • hypercholesterolaemias;
  • patologie endocrine;
  • lesioni meccaniche;
  • storia di chirurgia addominale;
  • le allergie;
  • infezioni e malattie croniche.

Il gruppo a rischio comprende donne che preferiscono scarpe con i tacchi alti, indossano abiti attillati e svolgono anche una professione “in piedi”.

Con l'aumento dei carichi sul corpo, le navi si espandono, cercando di ridistribuire il sangue, ma in presenza di patologie si verifica un ristagno.

A poco a poco, il processo peggiora e la vena danneggiata sporge attraverso la pelle delle gambe.

È necessario trattare la malattia, tenendo conto dei sintomi e delle cause della patologia.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Fasi di sviluppo delle vene varicose

L'espansione varicosa degli arti inferiori procede in 3 fasi. Ogni stadio si distingue per manifestazioni cliniche e metodi di misure diagnostiche e terapeutiche.

  1. L'iniziale o la fase di compensazione. È caratterizzato da un decorso latente, il quadro clinico viene cancellato, i sintomi specifici sono assenti o debolmente espressi e percepiti come un'altra malattia. La patologia viene rilevata per caso. Durante il trattamento, il trattamento porta alla completa eliminazione della malattia. Segni dello stadio compensativo delle vene varicose: affaticamento, gonfiore delle gambe, sensazione di bruciore. Il rafforzamento dei sintomi cade di sera.
  2. La seconda fase della sottocompensazione. La parete del vaso venoso cambia, si verifica la sua deformazione e compaiono le principali manifestazioni cliniche della malattia: le reti capillari compaiono sulle gambe, le gambe urlano, “bruciano”, diventano periodicamente blu. La patologia dura da diversi mesi a diversi anni. In questo caso, la deformazione invisibile delle vene sporge gradualmente. Spesso, i pazienti cercano cure mediche nella fase di sottocompensazione.
  3. La forma finale di vene varicose o stadio di scompenso. Lo stadio più sfavorevole della malattia. I pazienti notano forte dolore e affaticamento cronico delle gambe, formazione di protuberanze. Le aree interessate pruriscono, si formano ulcere piangenti trofiche. Sullo sfondo della patologia vascolare, si sviluppano un malessere generale, una debolezza, un'interruzione del sistema muscolare. Le pareti venose subiscono un pronunciato effetto patologico e aumenta il rischio di formazione di trombi con successiva separazione. Per prevenire conseguenze negative, è necessario consultare un medico in tempo.
Nanovein  Le persone sicure non hanno vene varicose in dettaglio sulle vene varicose

Se le misure diagnostiche per il rilevamento di patologie vascolari non presentano differenze speciali, la terapia è diversa.

Il trattamento delle vene varicose delle gambe viene effettuato in diversi modi: dal punto di vista medico o conservativo e, nei casi più gravi della malattia, ricorrono a procedure chirurgiche.

L'uso di fisioterapia e metodi popolari non è escluso, tuttavia, si manifesta un crescente interesse nei metodi di terapia minimamente invasivi.

In quali casi puoi fare a meno di un intervento chirurgico

Puoi liberarti delle vene varicose senza chirurgia, la cosa principale è identificare la forma della patologia.

La malattia diagnosticata nelle prime fasi (compensazione) si presta al trattamento conservativo senza l'uso di droghe. La terapia è la seguente:

Il paziente deve abbandonare la dipendenza e privilegiare un moderato esercizio fisico.

La necessità di terapia farmacologica si verifica con la seconda forma della malattia.

Se la malattia progredisce, causando dolore e disagio al paziente, i medici ricorrono a procedure chirurgiche.

Tipi di trattamento mini-invasivo delle vene

La terapia mini-invasiva per le malattie vascolari è un modo efficace per eliminare la malattia senza perdite di sangue estese e una breve fase di recupero.

I flebologi (medici coinvolti nel trattamento delle vene varicose) hanno apprezzato il tipo moderno di terapia, in assenza dei risultati del trattamento con metodi conservativi.

Esistono diversi tipi di terapia minimamente invasiva:

  1. Correzione laser – utilizzata nella fase primaria. Gli impulsi laser agiscono sulle pareti delle vene, eliminando la ramificazione vascolare.
  2. Scleroterapia: una soluzione viene introdotta nel lume del vaso venoso, prevenendo la perdita di elasticità della parete vascolare con il successivo ripristino del flusso sanguigno.
  3. Ablazione laser: un elettrodo viene inserito nel lume di una vena. La vena irradiata si assottiglia e scompare completamente.
  4. Ablazione con radiofrequenza: il metodo viene utilizzato su grandi navi tronco per esposizione alle radiazioni di radiofrequenza.
  5. La legatura è un tipo di trattamento minimamente invasivo che consiste nella "medicazione" di una vena danneggiata.
  6. Microflebectomia: la legatura della sezione allargata della vena viene eseguita utilizzando mini incisioni. La fase di recupero non richiede più di 2 ore.

Il tipo di mini-operazione dipende dallo stadio del processo patologico, dalla gravità del quadro clinico e dalla capacità finanziaria del paziente.

In quali casi sono prescritti metodi mini-invasivi

L'intervento mini-invasivo viene effettuato nella fase di scompenso della malattia, in presenza di disturbi trofici dei tessuti:

  • cambiamento di pigmentazione;
  • forte prurito, indolenzimento e secchezza della pelle;
  • disturbi circolatori;
  • la formazione di ulcere trofiche;
  • sporgenza delle pareti venose e deformazione della nave;
  • sviluppo di complicanze avverse: trombosi, tromboflebite;
  • aumento del rischio di tromboembolia.

Come sono i trattamenti minimamente invasivi

Le mini-operazioni chirurgiche vengono eseguite in un ospedale o in una clinica. Il ricovero non è necessario. Molto spesso viene utilizzata l'anestesia locale.

La terapia laser viene eseguita sotto il controllo di un sensore a ultrasuoni.

Prima di iniziare il trattamento per le vene varicose, il paziente viene sottoposto a esami, supera i test di laboratorio al fine di confermare la diagnosi e stabilire lo stadio della malattia.

Limitazioni

Nonostante l'efficacia del moderno trattamento anti-varicoso, ci sono svantaggi per ogni tipo di intervento minimamente invasivo:

  1. La correzione laser non può curare le vene contorte. Inoltre, la terapia laser è accompagnata da una serie di controindicazioni: gravidanza, cancro, aumento della fragilità dei vasi sanguigni e trombosi.
  2. Con la scleroterapia, aumenta il rischio di recidiva. Anche in fase di recupero dovrebbe indossare biancheria intima a compressione per almeno 6 mesi. È necessario limitare il sollevamento pesi e le visite a saune e bagni, altrimenti la malattia tornerà con una garanzia del 90%.
  3. Svantaggi di RFA: gravidanza, sovrappeso, troppo costoso, allattamento al seno e presenza di malattie croniche.
  4. La microflebectomia è associata a carenze sotto forma di rispetto delle misure preventive delle vene varicose (alimentazione, stile di vita, compressione) e possibili conseguenze, poiché una mini-operazione elimina un difetto esistente, ma non la causa della malattia.
Nanovein  Come identificare le vene varicose nelle gambe

Terapie assistive

Il trattamento delle vene varicose degli arti inferiori è un complesso di misure terapeutiche e preventive.

Le "procedure" di supporto non sono meno popolari: massaggio, ginnastica, fisioterapia e medicina alternativa.

fisioterapia

La fisioterapia può prevenire l'aggravamento della malattia e accelerare la fase di recupero. Più comunemente usato:

  • elettroforesi;
  • darsonvalizzazione;
  • terapia magnetica;
  • tecnica di drenaggio linfatico “Boot”;
  • fisioterapia laser;
  • terapia a pressione;
  • ozonoterapia;
  • criosauna e criomassaggio.

Ginnastica terapeutica

Viene effettuato nelle fasi primaria e secondaria. La ginnastica può aumentare l'efficienza, rafforzare le pareti vascolari, migliorare la circolazione sanguigna e l'attività cardiaca.

La natura degli esercizi è determinata dal medico.

massaggio

Il massaggio viene effettuato solo con il permesso del medico, che tiene conto dello stadio della malattia e dei segni clinici. Il massaggio può migliorare l'apporto di linfa e sangue, il tessuto trofico ed eliminare il gonfiore degli arti inferiori.

Tipi di massaggi per patologie vascolari:

  • classico (terapeutico) – consiste in carezze frequenti e scuotimenti leggeri;
  • idromassaggio – l'uso di una doccia a contrasto;
  • massaggio drenaggio linfatico hardware – ha controindicazioni, quindi è importante consultare preliminare;
  • rullo aspirante;
  • massaggio pneumatico.

Medicina tradizionale

I metodi di trattamento non tradizionali sono l'uso di decotti e infusi di erbe medicinali, sfregamenti e impacchi. I metodi popolari non curano il disturbo, ma aiutano nella prevenzione e nella fase di recupero. I modi efficaci sono:

  • tintura di alcol e pomate di castagne per uso esterno;
  • decotto di ortica per stimolare l'immunità;
  • un impacco di foglie di cavolo, patate grattugiate e aceto di mele;
  • decotto di trifoglio.

Non sarà superfluo rivedere lo stile di vita, andare in bicicletta, nuotare e camminare (con moderazione).

Raccomandazioni dietetiche

Le misure di supporto contribuiscono alla facile riabilitazione e alla prevenzione delle ricadute dopo un trattamento minimamente invasivo, chirurgico e conservativo. Una fase altrettanto importante è la dieta.

Una delle cause delle patologie vascolari è il sovrappeso e la malnutrizione.

Il cibo grasso, salato e in scatola porta all'accumulo di sostanze tossiche e grasse che si depositano sulle pareti delle vene, danneggiandole e provocando la formazione di fenomeni stagnanti.

La correzione della dieta aiuta a mantenere il tono delle pareti venose, a mantenere l'immunità locale e a prevenire conseguenze negative.

  • rifiutare di mangiare grassi, fritti e salati;
  • la preferenza è data al cibo cotto a vapore, cotto o bollito;
  • consumare quotidianamente verdure, frutta e cereali;
  • mangiare in piccole porzioni 5-6 volte al giorno;
  • rifiutare bevande contenenti caffeina e prodotti lattiero-caseari con elevata massa grassa.

Caratteristiche del periodo di riabilitazione

Nel periodo di riabilitazione, è importante ascoltare le raccomandazioni mediche, poiché il successo della fase di recupero dipende da diversi parametri:

  • età del paziente;
  • stadio della malattia;
  • tipo di trattamento;
  • caratteristiche individuali del corpo.

Durante il periodo di riabilitazione, indossare biancheria intima a compressione per 1 settimana tutto il giorno e dopo – di giorno per almeno 3 mesi.

Evita i carichi di energia, smetti di fumare e bere alcolici, partecipa alla fisioterapia. Dovresti anche rivedere le regole dell'alimentazione, la quantità di cibo consumato e il regime di consumo.

Lagranmasade Italia