Le vene degli arti inferiori funzionano, struttura e malattie dei vasi delle gambe

La posizione delle vene degli arti inferiori (abbreviato VNK) nel corpo è la più distante dal cuore, il che influenza la loro funzionalità e struttura anatomica. Sperimentano il carico maggiore e più spesso di altri subiscono cambiamenti patologici. Se confrontiamo l'anatomia delle vene degli arti inferiori con la struttura della rete circolatoria in altre parti del corpo, si scopre che sono caratterizzati da un maggior numero di anastomosi e valvole, nonché da un'assenza quasi completa di tessuto muscolare nello strato mediale. Queste caratteristiche sono tutt'altro che l'unica ragione per cui viene prestata particolare attenzione al gruppo di navi degli arti inferiori.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Funzione vena gamba

Sulle vene delle gambe si trova un compito difficile: senza contrattilità, devono trasportare una massa di sangue dalle parti più distanti del corpo al cuore. Questo è ciò che ha predeterminato la struttura della rete, divisa in vasi superficiali e profondi, collegati da una rete di condotti perforanti.

Le loro pareti sono costituite da tre strati:

  1. Intima: lo strato interno dell'endotelio, separato dallo strato intermedio da una sottile membrana.
  2. Lo strato mediale è lo "strato" centrale del tubo, rappresentato da fibre elastiche e una piccola frazione di fibre muscolari. È questo strato che dà loro forza e capacità di trazione.
  3. Lo strato esterno, costituito da tessuto connettivo che confina con la membrana che separa i tubi del sangue dal tessuto muscolare.

Nonostante il fatto che nelle estremità inferiori la rete di uscita sia rappresentata da tubi di diverso diametro (da 1,5 a 11 mm), l'anatomia delle vene è quasi la stessa. La differenza sta solo nello spessore di ogni strato e nel numero di valvole. Ad esempio, le vene dello stinco hanno più valvole, ma il loro diametro è 2 volte più piccolo di quello di una grande vena safena.

Oltre alla pressione sanguigna, i vasi superficiali subiscono un carico significativo a causa di influenze esterne; pertanto, lo spessore dello strato intermedio è molto più grande di quello dei tubi profondi. Ad esempio, le pareti della grande vena safena sono 1,3 volte più spesse e più forti delle profondità.

  1. Garantire il deflusso ininterrotto di sangue, in cui si dissolvono l'anidride carbonica e i prodotti di scarto dei tessuti situati nel campo di loro portata.
  2. Consegna ai tessuti di ormoni, composti organici (enzimi, aminoacidi, proteine), vitamine e oligoelementi dall'intestino.
  3. Regolazione della pressione arteriosa totale.
Nanovein  Come si formano le ulcere trofiche con le vene varicose

È la varietà di compiti assegnati al KSS che ha causato una grande attenzione allo stato dei vasi sanguigni. Qualsiasi deviazione nella loro funzionalità può causare danni irreparabili alla salute.

Vene superficiali degli arti inferiori

I VNK superficiali sono responsabili della rimozione del sangue dalle dita e dalla parte metatarsale del piede, quindi la localizzazione delle vene superficiali degli arti inferiori è limitata al piede e alla caviglia. L'elenco dei PVNA circolatori situati lungo la parte superiore (anteriore) della gamba comprende:

  • vasi per le dita posteriori;
  • arco posteriore del piede;
  • tubo marginale mediale;
  • tubo marginale laterale.

Da un lato, i VNC superficiali delimitano le venule delle dita dei piedi e dei piedi e, dall'altro, si collegano ai dotti sottocutanei grandi e piccoli.

Sul lato inferiore del piede, la rete superficiale è rappresentata da condotti digitali plantari che sfociano nell'arco plantare. Inoltre, i vasi sono collegati ai tubi plantari mediali e laterali, che scorrono nel tibiale posteriore.

Il diametro di questo gruppo di condotti sanguigni va da 1,5 a 3 mm. A causa della loro piccola lunghezza, ci sono meno valvole, ma le pareti sono piuttosto dense ed elastiche a causa del gran numero di fibre reticolari e di collagene, nonché di cellule muscolari localizzate a spirale.

I KSS superficiali sono chiaramente visibili sotto la sottile pelle dei piedi, che è praticamente priva di tessuto sottocutaneo. Sembrano percorsi bluastri e, con un carico pesante sulle gambe, possono gonfiarsi e diventare convessi.

Vene profonde degli arti inferiori

La localizzazione delle vene profonde degli arti inferiori (GVNA abbreviato) è lo spessore dei muscoli lungo l'intera lunghezza delle gambe e dei fianchi. GVNA include:

  • coscia;
  • tibiale anteriore;
  • tibiale posteriore;
  • perone;
  • podkolennaya.

I condotti profondi si trovano vicino alle arterie con lo stesso nome e sono collegati alla rete superficiale dei vasi perforanti. Le loro pareti hanno elevata elasticità e resilienza. Esistono numerose valvole su tutta la lunghezza. Lo spessore del GVNA va da 3 a 10 mm.

Nella parte inferiore del canale, i vasi metatarsali scorrono nel GVNA, da dove il sangue scorre lungo la vena anteriore tibiale nel poplitea. Inoltre, la vena profonda della coscia, che sfocia nel vaso iliaco situato nella regione inguinale, è responsabile del drenaggio del sangue. Contiene fino a 5 valvole che supportano il flusso del fluido in una direzione. Parte del sangue viene "scaricata" attraverso una rete di tubi perforanti nei canali di superficie.

La rete profonda a livello della tibia è praticamente parallela alla rete arteriosa e nell'area della coscia si trovano a una distanza l'una dall'altra.

Vene safene

La rete di vasi per abduzione situata direttamente sotto la pelle è rappresentata da piccole e grandi vene safene. L'inizio della piccola vena safena (abbreviata come MVP) è il margine laterale situato sul piede, così come il plesso dei vasi della parte laterale del piede e del tallone. La localizzazione di questo tubo sanguigno è limitata a due teste del muscolo del polpaccio e nella parte superiore passa attraverso la fossa poplitea, dove si collega alla vena poplitea.

Nanovein  Come trattare le vene delle gambe malate

La caratteristica principale dell'IPC è la presenza di un gran numero di valvole, grazie alle quali è supportato il movimento attivo verso l'alto del sangue. Ha molti affluenti sotto forma di vene superficiali della parte posteriore della gamba. Inoltre, è collegato alla parte inferiore della gamba con più anastomosi. Il suo diametro non supera i 4,5 mm.

L'inizio della grande vena safena (abbreviato BPV) è la parte mediale della caviglia lungo la quale corre lungo la parte inferiore della gamba e sale prima dietro l'epicondilo della coscia, quindi lungo la superficie premediale della coscia fino alla fascia etmoide, dove sfocia nella vena femorale. I suoi affluenti sono numerose vene pre-mediali che circondano l'intera superficie della coscia e della parte inferiore della gamba, epigastrica e superficiale, che circonda i vasi sanguigni. Inoltre, poco prima che fluisca nella vena femorale, si uniscono i dotti venosi dei genitali esterni. La caratteristica principale del BOD è il suo grande diametro (fino a 11 mm) e la presenza di un sistema di valvole sviluppato.

malattia

Le patologie più comuni delle vene degli arti inferiori sono considerate un cambiamento nella loro anatomia, principalmente l'espansione varicosa. Contribuire al loro aspetto può:

  • sovrappeso e aumento del carico sugli arti;
  • debolezza geneticamente ereditata delle pareti vascolari;
  • mancanza di attività fisica;
  • lunghi carichi statici sulle gambe.

Le vene varicose sono sempre al centro del sistema valvolare delle vene, in cui parte del sangue rimane nelle parti inferiori del canale, crea ulteriore pressione e porta all'allungamento delle pareti del tubo. Molto spesso, i vasi sottocutanei sono esposti ad esso, poiché non solo i fattori interni, ma anche quelli esterni li influenzano. A volte le vene varicose si trovano nelle vene profonde e le sue cause sono principalmente anomalie genetiche e aumento dei carichi (sollevamento e trasporto di pesi, parto, ecc.).

Un altro problema che colpisce i plessi venosi degli arti inferiori è la trombosi e la tromboflebite. Queste malattie sono causate da ristagno e da un graduale aumento della densità del sangue. La trombosi può verificarsi in PVNA e GVNA. I trombi in una rete di vasi situati in superficie sono accompagnati da sintomi cronici, ma sono facilmente rilevabili e non rappresentano una minaccia per la vita. La trombosi profonda è pericolosa con un decorso meno pronunciato, ma può essere complicata dalla penetrazione di un coagulo di sangue negli organi vitali: polmoni, cuore, cervello.

I medici definiscono una misura di prevenzione delle vene varicose e della tromboflebite l'osservanza dei principi di uno stile di vita sano: una corretta alimentazione, il mantenimento del peso corporeo normale, un moderato esercizio fisico. Se c'è maggiore affaticamento delle gambe, dolore sordo o acuto nei muscoli degli arti inferiori, una sensazione di intorpidimento, un cambiamento nel colore della pelle, è necessario contattare un flebologo.

Lagranmasade Italia