L’operazione per rimuovere le vene sulle gambe a favore e contro, dove e come farlo, quanto costa, conseguenze e

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Che cosa sono le vene varicose

La malattia è caratterizzata da un danno ai vasi degli arti inferiori, a seguito del quale esiste un disturbo acuto del flusso sanguigno. Le ultime fasi della malattia provocano l'apparizione sulle gambe di una rete blu simile ad un albero, che si trasforma in ampi focolai patologici.

Le vene varicose sono pericolose perché creano tutte le condizioni per lo sviluppo della tromboflebite nel sistema della vena cava inferiore. Tali complicazioni, di norma, portano alla comparsa di ulcere trofiche non cicatrizzanti a lungo termine.

Un pericolo altrettanto grave per la salute del paziente è un coagulo di sangue che è uscito dalla parete vascolare, che spesso diventa la principale causa di infarto, ictus e sindrome tromboembolica.

Questa circostanza porta principalmente i pazienti all'idea che hanno bisogno di un intervento chirurgico per rimuovere le vene varicose sulle gambe. Ma alcuni pazienti ignorano conseguenze così gravi e preferiscono non notare i sintomi della malattia.

Tipi di operazioni per le vene varicose

Esistono diverse tecniche chirurgiche moderne che possono curare una nave venosa e ripristinare i processi nutrizionali e metabolici dei tessuti vicini.

Durante questa operazione, uno specialista esegue l'escissione e la rimozione di una vena varicosa dalla gamba. Prima dell'inizio della procedura chirurgica, vengono eseguiti test diagnostici per determinare le giunture esatte del paziente con il canale venoso con la vena principale centrale, nonché le zone di maggiore espansione dei nodi.

Questi luoghi sono contrassegnati da un pennarello chirurgico. Quindi, vengono praticate forature, attraverso le quali parti del vaso venoso malato vengono fasciate, tagliate ed estese.

Dopo aver visto il video di allenamento della flebectomia, si può notare che dopo l'intervento chirurgico sulle vene delle gambe ci sono solo piccole cicatrici nei siti di puntura, che nel tempo diventano quasi invisibili.

Se il processo varicoso ha interessato una vena di piccolo diametro, al paziente viene offerto un modo più delicato di rimuovere il vaso: la scleroterapia. Questa operazione può essere eseguita in anestesia locale sotto la supervisione di uno scanner a ultrasuoni.

Usando una siringa, il medico fa una leggera puntura nella vena e inietta una sostanza speciale – sclerotante – nel vaso danneggiato. Questa massa schiumosa si attacca alle pareti della vena, dopo di che la parte danneggiata si abbassa e si dissolve gradualmente nel corpo, senza effetti dannosi sulla salute.

Alla domanda su quante iniezioni sono necessarie per un completo recupero, non esiste una risposta definitiva. Il loro numero dipende dalle caratteristiche individuali del corpo e dalla gravità della malattia.

Un altro modo delicato per il trattamento chirurgico delle vene varicose senza conseguenze sulla salute è la coagulazione laser. Si basa sull'uso di un raggio ad alta energia, sotto l'influenza del quale viene distrutta la sezione desiderata del vaso sanguigno.

Allo stesso tempo, l'apparecchiatura consente di dirigere il flusso di energia in modo preciso affinché i tessuti vicini rimangano intatti. I vantaggi di questo metodo includono la capacità di curare due gambe contemporaneamente in una sola operazione.

E gli svantaggi sono la difficoltà di acquistare attrezzature costose e la formazione del personale medico. Le recensioni dei pazienti indicano la facilità di trasferimento di questa procedura e l'assenza di difetti estetici sulla pelle delle gambe.

La chirurgia per rimuovere le vene con vene varicose può essere eseguita utilizzando varie tecnologie:

  • flebectomia;
  • scleroterapia;
  • esposizione laser.

Esistono diverse varietà di operazioni sulle vene, ora più su di esse.

flebectomia

La rimozione classica di una nave venosa malata è la flebectomia eseguita in anestesia generale. Questo è il tipo più grave di intervento chirurgico, inclusi diversi passaggi di base:

  • Crossectomia, quando si tirano i primi affluenti venosi e quindi direttamente interessati dalle vene varicose. La rimozione avviene alla giunzione della nave e ai rami del tronco venoso.
    Questo accade come segue: la pelle e i tessuti molli sono tagliati all'inguine o sotto il ginocchio, al fine di aprire l'accesso ai vasi per la loro ulteriore trazione.
  • La fase di stripping, che è la rimozione del tronco venoso. La chirurgia moderna conosce molti modi per eseguire questo importante stadio chirurgico, il più preferito dei quali è quello di estrarre una nave malata per l'ulteriore resezione mediante una sonda speciale. Questo metodo è riconosciuto come il più parsimonioso e meno traumatico per il paziente.
  • Lo stadio della miniflebectomia è la rimozione di afflussi varicosi con piccole sezioni della pelle e dei tessuti molli e il successivo disegno delle navi malate verso l'esterno per ulteriori resezioni.

Questo tipo di intervento chirurgico può essere eseguito come una fase separata dell'operazione o in modo indipendente, quando solo una micro sezione di una vena è soggetta a rimozione.

scleroterapia

La scleroterapia delle vene delle gambe è riconosciuta come un tipo di intervento molto più delicato, in cui una sostanza sclerotizzante viene introdotta nel vaso interessato mediante un ago speciale, che garantisce un'ulteriore fusione venosa e il sollievo del flusso sanguigno al suo interno.

Nanovein  Come curare le vene varicose delle gambe (2)

Di conseguenza, si forma una cicatrice nelle posizioni delle navi operate e gradualmente scompaiono i sintomi delle vene varicose.

La sclerosi è suddivisa nei principali tipi:

  1. L'ecoscleroterapia, quando viene eseguita una puntura nella sezione richiesta della nave, stabilita come risultato dell'ecografia duplex e viene iniettato lo sclerosante. Pertanto, si verifica un restringimento della vena deformata.
  2. Sclerosi schiumosa – adesione vascolare con una speciale composizione di schiuma.

Ablazione con laser e radiofrequenza

Questa misura chirurgica minimamente invasiva è considerata la più moderna e preferita, ma non è adatta per il trattamento delle vene profonde. Il principale vantaggio di questo tipo di intervento è che non è richiesta la riabilitazione dopo l'intervento chirurgico per rimuovere le vene alle gambe, nonché eventuali danni esterni alla pelle.

Questa operazione viene eseguita come segue: con l'aiuto di una guida di luce laser inserita in una nave malata, i raggi laser diretti che agiscono sulla superficie interna delle vene e le dissolvono.

Questo metodo è anche buono perché una recidiva ripetuta della malattia dopo un intervento chirurgico sulle vene può verificarsi estremamente raramente, non più spesso che nel 5% dei pazienti.

La coagulazione a radiofrequenza è anche riconosciuta come un tipo di intervento chirurgico simile all'ablazione laser, quando le microonde vengono inviate a una nave malata usando una sonda, facendola aderire insieme.

Questa operazione è indicata anche per le vene varicose di grandi vasi venosi.

Quindi, consideriamo una situazione del genere: c'è un problema: il trattamento delle vene varicose è un'operazione ed è già raccomandato dal medico curante. Ma quale, tipi di operazioni esistenti sono meglio scegliere? Successivamente, descriviamo brevemente le operazioni più comuni che aiutano con le vene varicose e iniziamo con una breve descrizione dell'intervento chirurgico.

chirurgia

Il fatto è che qualsiasi operazione, che si tratti di chirurgia, scleroterapia o terapia laser, mira a fermare l'esistenza di vasi varicosi. Se si tratta di un'operazione chirurgica, il chirurgo rimuove le vene malate da sotto la pelle, facendo tagli – all'inizio e alla fine dell'ispessimento.

L'operazione viene eseguita in anestesia generale, sebbene sia consentita l'anestesia locale, ma le ferite dal bisturi, sebbene piccole, devono essere trattate fino a quando non guariscono.

La scleroterapia prevede il riempimento delle aree espanse con una schiuma speciale che si indurisce nei vasi, trasformandoli in un cordone fibroso, che si dissolve gradualmente.

In termini semplici, i vasi venosi sono incollati insieme con una composizione speciale, che viene iniettata nel vaso, e il risultato è la completa scomparsa del problema delle vene varicose.

E in dettaglio su come attraversa tale operazione delle vene varicose – verranno mostrati in dettaglio video e fotografie sulla scleroterapia, che possono essere trovati molto su Internet.

È possibile visualizzare molte informazioni utili per la conoscenza personale, a partire da come appare e terminando con vari dettagli importanti dell'operazione, come, ad esempio, che questa procedura richiede un po 'di tempo e il periodo di riabilitazione passa molto più rapidamente rispetto a dopo un'operazione chirurgica.

Trattamento laser delle vene varicose

L'operazione più popolare e meno traumatica è la chirurgia laser delle vene varicose.

Questo e i precedenti tipi di trattamento per le vene varicose implicano la disponibilità di attrezzature appropriate che consentono di monitorare le condizioni delle vene dall'interno e condurre la terapia stessa.

Il trattamento laser richiede un po 'più di tempo, puoi vedere come viene eseguita la chirurgia laser delle vene varicose e puoi anche verificare la praticità di questa procedura guardando il materiale sulle vene varicose degli arti inferiori: l'operazione è un video alla fine di questo articolo.

La procedura di trattamento laser ha anche le sue specifiche, che sono meglio studiate in anticipo, cioè prima di decidere un'operazione.

Per eliminare le vene varicose degli arti inferiori, l'operazione deve essere eseguita il più rapidamente possibile e utilizzare i seguenti metodi:

Miniflebektomiya

Le suture dopo l'intervento chirurgico non devono imporre.

Come strumenti, il chirurgo utilizza uno speciale bisturi e un grosso ago.

L'asportazione dell'area malata avviene in anestesia locale.

Durante la procedura, lo specialista perfora l'area interessata in 2 punti. Queste aperture sono necessarie per rimuovere le aree venose dilatate.

  • Non puoi preoccuparti che dopo l'operazione ci saranno cicatrici;
  • la tecnica chirurgica consente di regolare l'aspetto delle gambe;
  • le strutture nervose sotto la pelle non sono danneggiate;
  • i pazienti non avvertono dolore durante l'esecuzione di procedure chirurgiche;
  • il periodo di recupero è molto breve, poiché le lesioni ricevute dal paziente durante l'operazione sono minime;
  • non è necessario il ricovero dopo l'intervento chirurgico.
  • c'è il rischio di cicatrici persistenti;
  • dopo la rimozione delle vene varicose, sulle gambe può rimanere un'area pigmentata;
  • non può essere utilizzato in presenza di vene varicose sulle gambe.

Questa operazione per rimuovere le vene varicose consiste nell'estrarre i vasi dilatati usando una sonda di metallo. Allo stesso tempo, il chirurgo esegue incisioni in un punto dolente.

Le navi colpite da vene varicose sono ottenute mediante tunnel. Successivamente, l'area interessata della vena viene cucita con un catgut.

Possibili conseguenze negative

Il periodo postoperatorio dall'intervento chirurgico sulle vene delle gambe dura letteralmente diverse ore. E prima il paziente inizia a muovere le gambe, piegarle, ruotare, sollevare, più breve sarà. E minore è il rischio di complicanze dopo l'intervento chirurgico sulle vene degli arti inferiori.

Nanovein  Cause, sintomi, diagnosi, metodi di trattamento delle vene varicose reticolari

È necessario sin dall'inizio stimolare il flusso sanguigno nei vasi rimanenti, per favorire il rapido aumento del sangue al cuore. Per fare questo, puoi anche mettere i piedi sul tappetino in modo che i piedi siano sopra il livello del cuore.

Il periodo di riabilitazione dopo l'operazione per rimuovere le vene varicose degli arti inferiori può durare circa due mesi. In questo momento, è necessario indossare calze a compressione, selezionate da uno specialista.

Come già accennato, le raccomandazioni dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose sono molto individuali. Tuttavia, è ancora possibile effettuare alcune generalizzazioni. Oltre a indossare biancheria intima a compressione, è importante:

Le conseguenze della flebectomia sono generalmente minime. Gli ematomi possono comparire nell'area delle incisioni o delle forature, tuttavia, di norma, si risolvono rapidamente.

In alcune persone inclini alla proliferazione del tessuto connettivo, nel sito delle incisioni possono formarsi cicatrici. Se conosci tale funzionalità, dovresti scegliere un metodo meno traumatico.

Dopo l'intervento chirurgico di rimozione delle vene delle gambe, sono possibili compattazione e dolore. Questo accade estremamente raramente, ma a volte succede. In questo caso, è necessario consultare immediatamente un medico.

Per qualche tempo dopo l'operazione, sono possibili conseguenze spiacevoli: lividi e contusioni alle gambe, sensazioni dolorose. Per migliorare la circolazione sanguigna, si consiglia di dormire con le gambe sollevate.

La principale complicazione dopo l'intervento chirurgico è la ricomparsa delle vene varicose. Le persone con una predisposizione ereditaria, così come i pazienti che non hanno cambiato il loro stile di vita, sono a maggior rischio.

Con grandi carichi sulle gambe, il piede si gonfia sull'arto operato. Riducendo il carico, il gonfiore scompare.

Le complicanze tromboemboliche sono le peggiori conseguenze di un'operazione. Per prevenirle, è necessario osservare misure preventive. Si consiglia di indossare biancheria intima a compressione, bende elastiche, alternare correttamente il carico e il riposo, per eliminare il ristagno nel sangue (assumendo droghe).

Le vene varicose sono una malattia ricorrente. E se rimuovi la vena colpita, ma continui a condurre uno stile di vita malsano, è probabile che il rischio di ri-sviluppo della patologia.

Se per qualsiasi motivo l'operazione è controindicata, il trattamento delle vene varicose viene effettuato con metodi conservativi. Decotti e tinture a base di erbe aiutano a ridurre l'infiammazione delle vene: impacchi di yogurt e assenzio, Kalanchoe e luppolo.

In una fase precoce delle vene varicose, è possibile il trattamento con irudoterapia. Le sanguisughe diluiscono il sangue, migliorano la microcircolazione nei vasi.

Unguenti e gel per la farmacia, oltre a indossare biancheria intima a compressione, contribuiscono anche alla riduzione delle vene varicose.

I medici osservano il maggior numero di complicanze dopo una flebectomia.

Molto spesso, appaiono nella forma:

  1. Ematomi nel sito dell'operazione.
  2. Un forte aumento della temperatura si verifica a causa dell'insorgenza dell'infiammazione. In questo caso, potrebbe essere necessario il ricovero ospedaliero.
  3. Perdita di sensibilità su una gamba dolorante, poiché le terminazioni nervose sono state danneggiate.
  4. Il paziente avverte dolore dopo l'intervento chirurgico.

Dopo un mese, il dolore del paziente scompare e la sensibilità della pelle viene ripristinata.

Raccomandazioni dopo l'intervento chirurgico

Tutti i tipi di trattamenti chirurgici possono sbarazzarsi delle terribili vene blu, delle vene del ragno, in modo da poter indossare nuovamente gonne e abiti sopra le ginocchia e i collant. Cioè, in questo modo non viene risolto solo il problema estetico, ma anche quello visibile e reale dell'espansione delle vene.

E le vene varicose in questo caso non continuano più a incombere sulla Spada di Damocle sulla salute umana, come nel semplice mascheramento delle vene del ragno sotto pantaloni e abiti lunghi.

Ma un punto importante è anche la comprensione che il comportamento delle vene varicose dopo l'operazione dipende anche dalla stretta osservanza di tutte le raccomandazioni e prescrizioni fatte dal medico curante, sebbene, ovviamente, sulla qualità dell'operazione. Cosa raccomandano i medici dopo un'operazione per sbarazzarsi delle vene varicose?

  1. Dopo l'operazione, si consiglia di bendare la gamba operata con un bendaggio elastico.
  2. È vietato il sollevamento di pesi pesanti superiori a 10 kg per 6 mesi dopo l'intervento chirurgico.
  3. Si raccomandano sport come nuoto, passeggiate e ciclismo, come hanno un effetto benefico sul sistema circolatorio nel suo insieme.
  4. La normalizzazione del peso corporeo è importante in caso di problemi di sovrappeso.
  5. Sia le donne che gli uomini devono indossare speciali collant a compressione medica o gambaletti.
  6. È necessario assumere il farmaco Ditralex almeno 1 volta all'anno come prevenzione delle vene varicose (su raccomandazione di un flebologo).

Operazione per le vene varicose sulle gambe: indicazioni e controindicazioni

Lo svolgimento di un intervento vascolare anche minimo è controindicato nei seguenti casi:

  • Trimestri di gravidanza 11 e 111,
  • Malattie infettive acute
  • Esacerbazioni di malattie croniche (asma bronchiale, diabete mellito, ulcera gastrica, ecc.),
  • Ictus acuto
  • Infarto miocardico acuto,
  • Erisipela degli arti inferiori.

In ogni caso, tutte le indicazioni e le controindicazioni sono determinate da un flebologo o da un chirurgo nel corso di un esame a tempo pieno del paziente.

La chirurgia per le vene varicose nelle gambe può essere prescritta nei seguenti casi:

  • le vene varicose colpivano un sito troppo grande;
  • rivelato forte rigonfiamento dei nodi venosi;
  • la malattia è accompagnata da affaticamento e dolore alle gambe;
  • ulcere trofiche formate alle estremità inferiori;
  • sono stati trovati segni di tromboflebite acuta.

Un'operazione per rimuovere le vene delle gambe non può essere eseguita in diversi casi:

  • il paziente soffre di malattie cardiache (ischemia, ipertensione);
  • la presenza di una malattia infettiva;
  • una persona soffre di eczema o erisipela;
  • вреклонны Р№ РІРѕР · СЂР ° СЃС ‚;
  • la gravidanza.
Lagranmasade Italia