I primi segni di vene varicose (2)

Le vene varicose sono un cambiamento patologico nelle pareti dei vasi venosi, che si verifica sotto l'influenza del sangue accumulato in esse. Molto spesso, questo processo si sviluppa nelle vene delle gambe e del piccolo bacino. Normalmente, il sangue attraverso le vene è diretto solo al cuore, questo è facilitato da valvole e muscoli venosi, che con le loro contrazioni sembrano "guidare" il sangue attraverso i vasi. In caso di vene varicose, si forma un flusso sanguigno anomalo per una serie di motivi. Comincia a ristagnare prima nelle vene profonde e poi in quelle superficiali, che aumentano, formando nodi varicosi sotto la pelle.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Sintomi delle vene varicose degli arti inferiori

I primi segni di questo disturbo non sono specifici (si trovano in altre malattie), sono combinati insieme con il termine "sindrome delle gambe pesanti". È caratterizzato da affaticamento aumentato e progressivo degli arti inferiori, dolore alle gambe, sensazione di pesantezza, bruciore e scoppio nei polpacci, crampi notturni dei muscoli del polpaccio. Questi sintomi compaiono alla fine della giornata, soprattutto se una persona è rimasta in piedi o seduta per molto tempo. Successivamente, con lo sviluppo della patologia, il gonfiore serale della parte posteriore del piede e delle caviglie viene aggiunto alle manifestazioni descritte della malattia. Dopo il riposo, la condizione delle gambe malate di solito migliora.

Nanovein  Operazione di trattamento di dilatazione delle vene delle gambe

I cambiamenti visivi nelle prime fasi della malattia non sono sempre evidenti, poiché le vene varicose nelle gambe iniziano con vasi più profondi. L'unico segno esterno di un problema iniziato potrebbe essere rappresentato dalle reti vascolari. Naturalmente, non sempre indicano le vene varicose, ma è meglio consultare un flebologo, uno specialista nel trattamento delle malattie venose, quando compaiono.

Ma nelle fasi successive delle vene varicose, compaiono già vene safeniche cianotiche e nodi varicosi: si tratta di vene superficiali allargate e contorte che assomigliano a grappoli d'uva. Di solito si trovano all'interno della parte inferiore della gamba e della coscia.

Inoltre, con la progressione della patologia, le gambe iniziano a gonfiarsi di più. A poco a poco si forma un'insufficienza venosa cronica, in cui il deflusso venoso e la microcircolazione nei tessuti sono disturbati. Tutto ciò influisce sulla condizione della pelle delle gambe: si scurisce, si sbuccia, prude, quindi compaiono ulcere trofiche, che guariscono molto male. Ecco come si sviluppa la dermatite varicosa. Puoi prevenire un risultato simile delle vene varicose con un trattamento tempestivo, quindi se avverti un disagio anche lieve, ma sistematico nelle gambe e nelle reti vascolari o "stelle" sulla pelle, dovresti consultare un medico.

Sintomi delle vene varicose pelviche

Nella piccola pelvi, le vene varicose sono meno comuni rispetto alle gambe e principalmente nelle giovani donne. Il meccanismo scatenante per lo sviluppo di questa patologia è la gravidanza (qui contribuiscono sia i fattori ormonali che meccanici che contribuiscono). Dopo il parto, i sintomi della malattia di solito scompaiono e solo circa il 10% delle donne riferisce una ripresa periodica di sintomi spiacevoli dopo una prolungata posizione eretta, ipotermia ed esercizio fisico.

Le vene varicose della piccola pelvi si manifestano con dolore pelvico cronico, nonché con l'espansione di formazioni venose superficiali nel perineo e nella vulva. Tali pazienti spesso trattano senza successo malattie infiammatorie degli organi riproduttivi, poiché il dolore addominale inferiore delle vene varicose pelviche è talvolta erroneamente associato a ooforite cronica, salpingite, endometriosi, ecc.

Nanovein  Chi ha trattato le vene varicose durante la gravidanza

Come viene diagnosticata la malattia varicosa?

Quando i nodi varicosi diventano chiaramente visibili sulle gambe del paziente, il medico può fare una diagnosi della malattia varicosa anche senza i risultati di studi strumentali. Se la patologia sta appena iniziando a svilupparsi o è localizzata nel bacino, non è possibile evitare un esame approfondito.

Il metodo principale per diagnosticare le vene varicose è un'ecografia con Doppler. Questo studio è informativo per danni alle vene in qualsiasi parte del corpo. Con l'aiuto degli ultrasuoni, il medico può studiare le condizioni delle pareti e l'anatomia delle vene profonde e superficiali, delle valvole, valutare il flusso sanguigno nei vasi, rilevare il reflusso inverso del sangue, ecc. La classificazione delle vene varicose e, di conseguenza, la scelta del metodo di trattamento si basa sui risultati degli ultrasuoni.

Un altro metodo diagnostico utilizzato in questa patologia è la reovasografia. La sua implementazione consente di determinare quanto bene i tessuti degli arti inferiori sono pieni di sangue e di sostanze nutritive. Queste informazioni aiutano il medico a determinare in quale fase si trova la malattia: in fase di compensazione, sottocompensazione, ecc.

La flebografia viene utilizzata in modo un po 'meno frequente con le vene varicose – questo è un esame a raggi X delle vene usando il contrasto.

Inoltre, un esame completo dei pazienti con vene varicose di solito comprende vari esami del sangue: i medici sono particolarmente interessati al livello di emoglobina, globuli rossi, piastrine e indicatori del coagulogramma. Questi dati ci consentono di valutare la densità del sangue e la propensione del corpo del paziente a formare coaguli di sangue.

Lagranmasade Italia