Gonfiore nella zona inguinale nelle donne

La regione inguinale è una parte molto delicata del corpo femminile. Qualsiasi cambiamento nel tessuto o nel grasso sottocutaneo dovrebbe essere un motivo per cercare assistenza medica. Molto spesso, una donna rileva deformità o gonfiore durante le procedure igieniche. La compattazione all'inguine nelle donne può verificarsi a causa dell'influenza di vari fattori dell'ambiente interno o esterno. Spesso la compattazione è uno dei primi sintomi della malattia di base, che deve essere diagnosticata in tempo e adeguatamente trattata.

Prima di tutto, una donna è meglio consultare un ginecologo. Ad eccezione della patologia del sistema riproduttivo, il medico ti farà riferimento ad altri specialisti.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Perché un gonfiore all'inguine appare nelle donne

Solo il medico può determinare la causa esatta del sigillo nella zona inguinale dopo un'attenta visita medica. Tuttavia, al fine di non farsi prendere dal panico e non immaginare terribili malattie quando viene rilevato un piccolo gonfiore, vale la pena familiarizzare con una serie di ragioni a causa delle quali può apparire:

  1. Infiammazione dei linfonodi: la causa più comune. Con l'infiammazione, il linfonodo aumenta di dimensioni e può essere determinato dalla palpazione e visivamente;
  2. Ernia inguinale: nelle fasi iniziali della malattia non è accompagnata da dolore e si manifesta solo con la comparsa di gonfiore nella regione inguinale;
  3. Idradenite: il processo patologico è lo sviluppo dell'infiammazione nella ghiandola sudoripare. Con la progressione della malattia, la ghiandola infiammata aumenta di dimensioni;
  4. Neoplasie: i processi benigni o maligni della pelle, del tessuto sottocutaneo, dei vasi sanguigni, degli organi genitali interni possono essere determinati come un tumore localizzato nella regione inguinale;
  5. Lesioni: quando si cade o si colpisce un oggetto duro, si osservano danni ai tessuti molli e, nel tempo, appaiono gonfiore e gonfiore al posto dell'impatto meccanico.
Nanovein  Da quale parte è meglio dormire con bruciore di stomaco

Ciascuno dei motivi di cui sopra ha le sue caratteristiche, che facilita la diagnosi differenziale di varie malattie.

Infiammazione dei linfonodi inguinali: cause e manifestazioni

Il sistema linfatico svolge un ruolo chiave nella protezione del nostro corpo da batteri e virus patogeni. Se si verifica un'infiammazione di qualsiasi organo, è anche possibile l'infiammazione dei linfonodi. L'agente causale dell'infezione entra nei linfonodi con flusso linfatico attraverso i vasi linfatici. I principali fattori di infiammazione dei linfonodi inguinali:

  • Infezioni batteriche di varie eziologie;
  • Infezioni virali;
  • Lesioni fungine dei genitali (mughetto);
  • Sifilide, clamidia e altre malattie a trasmissione sessuale;
  • Bolle nella regione inguinale;
  • Ferite profonde dei tessuti vicini (specialmente quando è attaccata un'infezione secondaria);
  • Neoplasie maligne degli organi della regione inguinale;

L'infiammazione dei linfonodi può verificarsi come segue:

  1. Un aumento delle dimensioni e un aumento della densità dei linfonodi (il più delle volte definito come un sigillo tra la gamba e l'inguine)
  2. Sindrome da intossicazione generale;
  3. febbre;
  4. Cambiamenti nella pelle sopra il linfonodo infiammato;
  5. Tenerezza alla palpazione;

Ernia inguinale: fattori predisponenti, sintomi

Questa malattia è più caratteristica degli uomini, tuttavia, in alcuni casi, nelle donne può verificarsi anche una sporgenza di un'ernia inguinale. I fattori predisponenti sono:

  • Lesioni alla parete addominale anteriore: a causa di danni ai legamenti, la capacità dei muscoli addominali di sopportare i carichi è ridotta;
  • Frequente aumento della pressione intra-addominale: durante uno sforzo fisico intenso, sollevamento pesi;
  • Indebolimento dei muscoli della parete addominale a causa di atrofia o esaurimento;
  • Obesità: sovrappeso esercita una pressione forte e costante sui muscoli;

L'ernia inguinale appare a causa della sporgenza degli organi addominali attraverso il canale inguinale mantenendo l'integrità dei fogli peritoneali. Il primo segno di una malattia nelle donne è il gonfiore nella zona inguinale. Nelle prime fasi, la sporgenza può essere indolore e non causare disagio. Le complicazioni pericolose di questa patologia sono la violazione di un'ernia, che porta alla necrosi dei tessuti e allo sviluppo della peritonite. Pertanto, non dovresti automedicare e rimandare il viaggio dal medico.

Idradenite: eziologia, sintomi clinici

L'idradenite (infiammazione delle ghiandole sudoripare) è spesso causata dallo Staphylococcus aureus. Fattori eziologici:

  1. Diminuzione delle difese corporee;
  2. Aumento della sudorazione;
  3. Violazione delle regole di igiene personale;
  4. Trauma tissutale: rasatura, pettinatura;

Con l'idradenite, i pazienti lamentano un piccolo sigillo doloroso. Con l'avanzamento della malattia, le foche aumentano, appare il gonfiore, la pelle sopra la ghiandola interessata acquisisce una tonalità cremisi. Le foche si aprono spontaneamente con il rilascio di pus e le successive cicatrici della ferita. La malattia dura in media 2 settimane, può essere accompagnata da febbre e intossicazione generale del corpo. L'idradenite è caratterizzata da frequenti ricadute.

Nanovein  Il giusto trattamento per le vene varicose con aceto di mele

Neoplasie inguinali: il quadro clinico

Spesso a dimensioni significative, aumentano i tumori benigni nella regione inguinale. Può essere un lipoma o un ateroma. Le neoplasie sono generalmente indolori, tuttavia, con un aumento, possono causare disagio quando si spostano o indossano biancheria intima. Le donne sono anche molto preoccupate per un difetto estetico. I processi benigni non sono accompagnati da sintomi generali, le donne si sentono completamente in salute e non presentano altre lamentele.

Le neoplasie maligne anche di dimensioni molto piccole sono accompagnate da vividi sintomi clinici, dolore e stanchezza. Tali tumori vengono solitamente diagnosticati prima che raggiungano dimensioni significative.

Lesioni inguinali: manifestazioni tipiche

Nei casi in cui il gonfiore è causato da un trauma alla regione inguinale, la diagnosi non è difficile. In primo luogo, è importante una storia di caduta o di colpire una superficie dura. Inoltre, il trauma dei tessuti molli è accompagnato da dolore acuto, un aumento locale della temperatura corporea, lividi e scolorimento della pelle.

Cosa fare se viene rilevato un sigillo inguinale?

In assenza di patologia del sistema riproduttivo, è necessario consultare tali specialisti:

  1. Se, oltre a un aumento dei linfonodi inguinali, si nota un aumento di altri linfonodi, nonché un aumento della temperatura e debolezza generale, è necessario contattare uno specialista in malattie infettive ed eseguire i test necessari per identificare la fonte di infezione;
  2. Si consiglia inoltre di visitare un chirurgo per escludere un'ernia inguinale. Con questa diagnosi, è indicato un trattamento chirurgico per prevenire la violazione del sacco erniario;
  3. In presenza di una formazione simile a un tumore, è necessario indagare sulla sua struttura istologica. Per fare questo, condurre una biopsia di compattazione e studiarne la composizione cellulare. Questo studio è necessario per escludere neoplasie maligne;
  4. Se si sospetta l'idradenite, è necessario un esame da parte di un dermatovenerologo;

L'aspetto di un sigillo o gonfiore dovrebbe essere considerato come un sintomo allarmante che richiede un esame medico. Prima di tutto, una donna dovrebbe consultare un ginecologo. Dopo aver interrogato, esaminato e ottenuto i risultati di un esame batteriologico di uno striscio vaginale, il medico confermerà o negherà la presenza di malattie degli organi genitali esterni o interni, che potrebbero portare alla comparsa di linfonodi inguinali ingrossati nelle donne.

Lagranmasade Italia