Farmaci per le vene varicose (2)

Farmaci per le vene varicose

La moderna industria farmaceutica, con l'approvazione dei flebologi praticanti, ha rilasciato una serie di farmaci raccomandati per l'uso nello sviluppo delle vene varicose. Inoltre, ci sono i cosiddetti metodi di trattamento ausiliario per la terapia farmacologica, che vengono utilizzati in tutte le cliniche moderne e strutture ospedaliere.

L'uso di droghe è consigliabile solo nella fase iniziale delle vene varicose, cioè in presenza delle cosiddette stelle venose. Con l'ulteriore progressione della malattia, sono necessari altri metodi di trattamento, in particolare la sclerosi delle vene e la chirurgia.

Il trattamento viene effettuato sotto la supervisione del medico curante, che seleziona il farmaco necessario e prescrive un corso di trattamento.

Tipicamente, il corso della somministrazione interna di farmaci venotonici è di 1 mese e viene eseguito almeno 2 volte in un anno. Vengono utilizzate creme, gel e unguenti che contengono eparina e venotonica che aiutano ad alleviare gonfiore, dolore e pesantezza alle gambe. Queste sostanze aumentano il tono della parete venosa interessata, migliorano la circolazione sanguigna.

Tutti i farmaci aumentano il tono delle vene sane e prevengono il rapido sviluppo delle vene varicose.

Anavenol

Anavenol è un farmaco appartenente al gruppo flebotonico.

I componenti attivi esculina e rutoside inclusi nella sua composizione influenzano efficacemente i muscoli della parete venosa, aumentandone il tono.

L'obiettivo principale del farmaco è l'effetto sui piccoli vasi sanguigni (capillari e arteriole), che aiuta a ridurne la fragilità e la permeabilità. Inoltre, questo farmaco rimuove perfettamente il grave gonfiore.

Aestsin

L'escina è un farmaco che prende il nome dal termine che definisce il suo componente attivo.

Il farmaco è composto da un estratto (estratto) di semi di ippocastano contenente triterpensaponine (sostanze che migliorano l'attività degli organi). A queste sostanze viene assegnato collettivamente il termine generale – escina. È lui che provoca l'attivazione dei capillari, riduce la loro permeabilità, che porta alla scomparsa delle stelle. Un ulteriore effetto dell'escina si manifesta nella rimozione di edema, infiammazione dei tessuti, un aumento del tono delle pareti venose, un miglioramento della microcircolazione del sangue e una diminuzione della sua coagulabilità e un effetto antiessudativo.

Vazobral

Vazobral – un farmaco, uno dei componenti del quale è la caffeina.

Il farmaco aiuta ad aumentare il tono periferico delle vene, a ridurre la permeabilità dei vasi sanguigni e impedisce l'aggregazione (unificazione) degli elementi del sangue – globuli rossi e piastrine.

VENITAN

Venitan è un farmaco a base di estratto di semi di ippocastano.

Le indicazioni terapeutiche sono le stesse dell'escina. Si può aggiungere che Venitan aumenta le proprietà protettive e immunizzanti dei capillari.

Venoruton

Venoruton è un medicinale contenente il principio attivo oxerutina.

Il suo effetto si estende alle vene e ai capillari. Ha un effetto antinfiammatorio, influisce efficacemente sulle cellule endoteliali, rallenta i processi di connessione degli eritrociti nel sangue, aumenta il grado della loro deformazione, contribuendo a questo ripristino del sistema circolatorio. Il vantaggio del venoruton è che aumenta la stabilità e riduce la permeabilità dei capillari e previene anche la comparsa di coaguli di sangue.

Gepatrombin

L'epatrombina è un farmaco contenente eparina, allantoina e despantenolo. Il vantaggio del farmaco è la sua composizione. È fatto sulla base di sostanze naturali naturali, quindi, con il suo utilizzo praticamente non sono state rilevate reazioni avverse.

Il farmaco è disponibile sotto forma di gel o unguento in due dosaggi: 30 e 000 unità. Il suo uso è possibile nelle fasi iniziali e successive dello sviluppo della malattia. L'epatrombina viene applicata in uno strato sottile sulla superficie interessata 50-000 volte al giorno. In primo luogo, utilizzare il farmaco 2 unità e con la comparsa di segni di miglioramento, passano a un dosaggio inferiore. L'uso regolare di un gel o unguento aiuta a migliorare il flusso sanguigno venoso, prevenire i coaguli di sangue ed eliminare le manifestazioni spiacevoli del processo infiammatorio (arrossamento della pelle, dolore e gonfiore). Inoltre, l'epatrombina elimina i cambiamenti trofici nella pelle: peeling, crepe e ulcere.

Ginkor Fort

Ginkor Fort è un farmaco contenente estratto di ginkgo biloba e troxerutina.

Un farmaco con un pronunciato effetto angioprotettivo (immunizzante), riduce efficacemente la permeabilità delle pareti vascolari. I componenti attivi di Ginkor Fort contribuiscono ad un aumento del ritorno del sangue attraverso le vene al cuore e l'inibizione degli effetti di istamina, serotonina e bradichinina sotto la sua influenza riduce la possibilità di reazioni allergiche nel corpo.

Hlyvenol

Glevenol è un farmaco che ha un'ampia sfera di influenza.

Il farmaco contenente glucofuranosidi ha un effetto immunizzante sui capillari, migliorando così la microcircolazione del sangue, ha effetti antiallergici e antinfiammatori e aiuta ad aumentare il tono delle pareti dei vasi venosi. Consigliato per l'uso nell'insufficienza venosa cronica.

detraleks

Detralex è un farmaco che ha una pronunciata azione flebotonica e linfotonica.

Ha un effetto diretto sulla microvascolatura, sulla contrattilità della parete venosa, aumenta il volume del flusso linfatico, aumenta il deflusso di liquidi, migliora la nutrizione dei tessuti a livello cellulare e aiuta anche ad eliminare la congestione venosa e la vasocostrizione. Il farmaco rafforza i capillari e aumenta la loro resistenza all'influenza di fattori dannosi (resistenza).

Doksium

Doxium è un farmaco contenente dobsilato di calcio.

Il farmaco elimina efficacemente il gonfiore, rafforza la resistenza dei capillari, migliorando così la microcircolazione del sangue. Prevenendo il collegamento delle piastrine, riduce la viscosità del sangue.

Reparil

Reparil – un farmaco che contiene un estratto (estratto) di semi di ippocastano.

Le indicazioni terapeutiche sono le stesse dell'escina, veneta.

Ruthin

La rutina è un farmaco efficace, il cui principio attivo è il rutoside. Non è una vitamina, ma il suo derivato.

L'azione si estende principalmente alle vene e ai capillari. Aiuta a ridurre gli spazi tra le cellule endoteliali, rafforzando le pareti dei vasi sanguigni venosi. Il suo utilizzo previene l'aggregazione (unione) dei globuli rossi, influenza la permeabilità dei capillari, riduce il tasso di assorbimento inverso dell'acqua al loro interno, ripristina le funzioni della microvascolatura. Ha un pronunciato effetto anti-infiammatorio. Consigliato per l'uso nell'insufficienza venosa cronica, allevia efficacemente manifestazioni di edema, affaticamento, crampi alle gambe, previene la comparsa di manifestazioni trofiche e ulcere varicose.

troksevazin

La troxevasina è un farmaco contenente troxerutina (un flavonoide, un derivato della rutina) come componente attivo, che ha una vasta gamma di effetti sullo stato del sistema circolatorio.

L'unguento di Troxevasin era originariamente usato localmente. Quando si rileva la progressione del processo delle vene varicose reticolari, i medici hanno prescritto troxevasin in capsule, che deve essere assunto per via orale. Successivamente, il principio attivo (troxerutina) ha iniziato ad essere introdotto in altri farmaci.

Troxevasin ha una serie di azioni: decongestionante, antinfiammatorio, venotonico, immunizzante (protettivo) e antiossidante. Il suo utilizzo è indispensabile per l'attivazione di reazioni redox, prevenendo la rottura dell'acido ialuronico, che provoca una rapida permeabilità dei tessuti vascolari e una riduzione della fragilità dei capillari. Questi effetti provocano una risposta: un aumento del tono dei vasi sanguigni.

Nanovein  L'inizio del trattamento delle vene varicose

Il farmaco viene efficacemente utilizzato per ripristinare l'elasticità delle pareti dei vasi venosi, ridurre il deflusso della parte liquida del plasma sanguigno e come barriera all'uscita delle cellule del sangue attraverso le pareti delle vene e dei capillari. Rimuove facilmente e rapidamente l'infiammazione esistente nelle pareti dei vasi sanguigni, a causa dell'inammissibilità dell'adesione delle piastrine alle superfici delle pareti.

Consigliato per l'uso nell'insufficienza venosa cronica. Per migliorare l'effetto terapeutico e ridurre la permeabilità dei vasi sanguigni, a volte viene utilizzato (come indicato da un medico) in combinazione con acido ascorbico.

Ciclo 3 Fort

Cyclo 3 Fort – Un farmaco contenente acido ascorbico, estratto di menta piperita ed estratto di ago.

Il farmaco non ha effetti flebotonici manifesti in termini di forza, poiché i suoi componenti costitutivi (specialmente quest'ultimo) hanno un effetto diretto sui recettori nervosi situati nei muscoli delle pareti dei vasi sanguigni. Ripristina il lavoro e la struttura dei capillari, riducendone la permeabilità e aumentando la resistenza.

Endotelon

Endotelon – una medicina creata su base naturale – dall'estratto di semi d'uva.

È raccomandato per l'uso da parte di pazienti con maggiore fragilità dei capillari, in quanto ripristina la loro struttura e funzioni, migliorando il funzionamento del sistema circolatorio periferico. Ma la cosa più importante è che è in grado di agire sull'endotelio (da cui il nome) dei vasi, che comporta il rafforzamento delle pareti venose e quindi il miglioramento della circolazione sanguigna.

Aescusan

Aescusan è una medicina creata sulla base dell'escina.

Un farmaco naturale che non provoca effetti collaterali e ha un elevato effetto terapeutico. Le indicazioni terapeutiche sono le stesse di escina, venetan e repar.

È a base di cloridrato di tiamina ed estratto di semi di ippocastano. Questo strumento è raccomandato per l'uso nelle vene varicose, poiché aumenta il tono vascolare e normalizza l'emodinamica, previene la progressione della malattia, rinforza le pareti delle vene.

Un ulteriore apporto di agenti antipiastrinici (ad esempio, trental), diuretici migliora l'efficacia di questi farmaci.

Metodi ausiliari di trattamento con terapia farmacologica

I trattamenti ausiliari per le vene varicose sono usati solo come terapia aggiuntiva al trattamento principale. Questi includono la terapia laser, la darsonvalorizzazione, l'elettromagnetoterapia, la stimolazione elettrica, il drenaggio linfatico manuale (RLD).

Laser terapia

La terapia laser è un adiuvante efficace nel trattamento medico delle vene varicose. Nella terapia conservativa vengono utilizzati dispositivi con diverse lunghezze di radiazione, il più delle volte laser a diodi a onde lunghe.

Il laser aiuta a rimuovere gli asterischi venosi mediante coagulazione del sangue (coagulazione) e successiva "sigillatura" delle vene. Il vantaggio di questo metodo ausiliario, oltre all'elevata efficienza, è la quasi totale indolore della procedura. Inoltre, quando il laser viene applicato nei punti più sensibili (ad esempio, sulla superficie interna della coscia), l'anestesia locale viene applicata utilizzando una crema speciale.

Lo svantaggio di questo metodo è l'insorgenza di edema grave, se l'effetto viene effettuato su una vasta area della pelle con vasi sanguigni situati vicino alla sua superficie. Dopo la terapia laser, possono verificarsi ustioni, arrossamenti, cicatrici e iperpigmentazione.

darsonvalizzazione

La darsonvalizzazione è un trattamento ausiliario per i disturbi circolatori.

La base di questo metodo è l'uso di un trasformatore Tesla ad alta frequenza per scopi terapeutici.

Il principio di azione è l'impatto sulle terminazioni nervose della corrente alternata di alta tensione e frequenza e una piccola forza, sviluppata dal fisiologo francese d'Arsonval. La corrente viene fornita (tensione 30 kV e frequenza 50 Hz) attraverso uno speciale elettrodo per vuoto in vetro, che viene spostato lungo la superficie del corpo precedentemente trattata con talco. Pertanto, vi è un'espansione dei vasi sanguigni e una migliore nutrizione dei tessuti.

Utilizzando questo metodo, è possibile curare le vene varicose delle vene safena e della cavità, aumentare l'elasticità della pelle ed eliminare il dolore. Ma ha anche controindicazioni per l'uso: la presenza di sanguinamento, neoplasie maligne, tubercolosi polmonare.

Elektromagnitoterapiya

L'elettromagnetoterapia è un metodo di terapia adiuvante, che ha recentemente ricevuto un'ampia distribuzione. Con una complessa combinazione di trattamento farmacologico ed elettromagnetoterapia, è possibile migliorare la microcircolazione del sangue, che a sua volta porta ad un'accelerazione del processo di guarigione.

Il campo magnetico ha attività biologica e la capacità di fornire effetti preventivi e curativi sul corpo umano. Agisce sulle macromolecole (proteine, acidi nucleici e altri composti), aumentandone l'energia. E questo influenza la velocità dei processi biologici e delle reazioni che si verificano nel corpo umano.

La reazione alle procedure magnetiche è individuale per ogni persona. Una proprietà comune dell'effetto della terapia è l'effetto correttivo sul lavoro di tutti i sistemi di organi: la maggiore funzione della magnetoterapia si riduce e la diminuita – aumenta. Cioè, le reazioni patologiche del corpo sono sostituite dal contrario. Un campo magnetico variabile (variabile o in corso) ha un effetto curativo più pronunciato rispetto a una costante.

Un'indicazione per l'uso della magnetoterapia è l'insufficienza venosa. La magnetoterapia è prescritta al paziente solo dopo l'esame, identificando le singole proprietà del corpo e facendo una diagnosi accurata. Il metodo non è raccomandato per l'uso se il paziente soffre di emofilia, malattie acute del sangue e dei vasi sanguigni, gravi malattie mentali, malattie infettive acute, esacerbazioni di malattie croniche, con tumori maligni, gravi condizioni e stanchezza, intolleranza individuale.

Lo sviluppo dell'industria ha permesso agli scienziati di creare dispositivi di magnetoterapia che non solo influenzano il corpo, ma hanno anche la capacità di regolare i parametri fisici di questo effetto. In medicina, vengono utilizzate fonti artificiali di un campo magnetico. Vengono prodotti dispositivi elettromagnetici e dispositivi che non usano corrente elettrica (magneti solidi ed elastici).

Il trattamento viene effettuato sotto forma di un ciclo di procedure che dura da 1 a 1,5 mesi. La durata di una procedura è di 1 settimana. A volte è richiesto un secondo corso dopo una pausa (6 giorni).

Sono ora disponibili fonti di campo magnetico disponibili e facili da usare: cuscini magnetici, coperte, materassi, solette, bracciali. Ci sono anche rulli magnetici con cui massaggiare. Qualsiasi dispositivo da indossare può essere utilizzato costantemente, il più vicino possibile alla superficie della pelle, rimuovendolo solo durante l'adozione di procedure idriche. Gli esperti consigliano di effettuare il trattamento per 3 settimane, facendo una pausa ogni 7 giorni per 3 giorni.

elettrostimolazione

La stimolazione elettrica è un metodo della moderna terapia ausiliaria, il cui uso elimina i disturbi circolatori, rafforzando i vasi sanguigni. La procedura consiste nell'installazione di elettrodi su alcune parti del corpo (coscia o suola venosa), quindi viene fornita una corrente elettrica a bassa frequenza, che stimola i vasi sanguigni nello strato del derma.

Uno stimolatore elettrico è un generatore di corrente che genera una carica elettrica che agisce sulle cellule muscolari o nervose, rimuovendole da uno stato di riposo. Una corrente a bassa frequenza (fino a 120 Hz) provoca la contrazione muscolare, ma non c'è irritazione cutanea o sensazione di bruciore.

Nanovein  Medicinali per le vene varicose

Per eseguire la procedura a casa, è possibile acquistare un dispositivo elettrostimolante. Tali dispositivi sono economici e facili da maneggiare. Le sessioni della durata massima di 20 minuti possono alleviare la sensazione di pesantezza e dolore alle gambe. Consultare un medico prima che sia necessaria la procedura.

Va tenuto presente che le donne in gravidanza e le persone che soffrono di epilessia, malattie della pelle, questo metodo è controindicato.

Drenaggio linfatico manuale (RLD)

Il drenaggio linfatico manuale è un metodo di terapia ausiliaria che provoca l'attivazione del sistema linfatico.

Efficace nel periodo postoperatorio dopo un intervento chirurgico alle vene varicose, per alleviare gonfiore e tumori. Attualmente, il drenaggio linfatico è considerato uno dei metodi cosmetici più alla moda. Il suo effetto benefico sulla pelle è migliorare la circolazione sanguigna.

Come sapete, le funzioni della linfa consistono nel fornire i nutrienti necessari ai tessuti insieme al flusso sanguigno e rimuovere le tossine e le tossine dal corpo con il sangue. Se la circolazione linfatica è disturbata nel corpo, compaiono vari problemi, il più innocuo – la cellulite.

La purificazione e la filtrazione del sangue si verificano nei linfonodi, il che impedisce a batteri, cellule malate e altre infezioni di entrare nel flusso sanguigno e diffondersi in tutti gli organi. Il segnale che indica l'insorgenza dell'infezione è un aumento dei linfonodi.

Drenaggio linfatico manuale – il cosiddetto metodo di esecuzione di un massaggio speciale volto a migliorare la stimolazione del flusso linfatico. Provoca il deflusso di liquido accumulato nei tessuti sottocutanei, ripristina e normalizza la microcircolazione del sangue, migliora il tessuto trofico. Il massaggio deve essere eseguito solo da uno specialista qualificato sui problemi del sistema linfatico o da un massaggiatore che ha superato la scuola superiore di formazione speciale, istruzione. Questo è un lavoro molto delicato.

La forma classica ed efficace di drenaggio linfatico manuale viene eseguita solo dalle mani di un medico o di un massaggiatore senza l'uso di metodi meccanici.

La durata del corso e il numero di procedure sono prescritti dal medico curante e sono selezionati individualmente tenendo conto delle controindicazioni esistenti e dell'età di ciascun paziente.

Compressione delle gambe

La compressione elastica delle gambe è un metodo ausiliario di trattamento per le vene varicose, il più comune, particolarmente efficace nella fase iniziale delle vene varicose, con l'aspetto delle vene del ragno. Prevede l'uso quotidiano di speciali calze mediche, collant, golf – la cosiddetta calzetteria a compressione.

L'esistenza di questo metodo per le persone con vene varicose era nota da molto tempo, al posto della biancheria intima a compressione venivano utilizzate solo bende tubolari elastiche e la procedura aveva il termine medico – bendaggio. La fasciatura è stata eseguita al mattino, sdraiata a letto, su una gamba leggermente sollevata, posizionando il piede ad un angolo di 90 ° rispetto alla parte inferiore della gamba. Prima di applicare la benda, le gambe sono state trattenute per 10 minuti per provocare un deflusso di sangue dalle estremità inferiori al cuore. Il bendaggio veniva eseguito nella direzione dalle dita dei piedi al terzo inferiore della coscia. L'area di sovrapposizione è stata determinata dal medico. Hanno tirato uniformemente la benda, monitorando la conformità ai requisiti obbligatori: ogni nuovo round dovrebbe sovrapporsi a metà a quello precedente. Affinché la fasciatura non diventi un motivo che impedisce il movimento, non è imposta sulla zona del tallone.

Questo metodo di compressione, già un ricordo del passato, presentava numerosi svantaggi. Da un lato, la benda non era adatta per un uso continuo, dall'altro, l'accuratezza e la correttezza dell'applicazione dei turni era difficile da implementare nella pratica. Tuttavia, tutti i pazienti con vene varicose hanno utilizzato questo metodo fino a quando non è stato trovato un nuovo modo di risolvere il problema: l'uso della biancheria intima a compressione medica.

L'effetto terapeutico di tale lino consiste nella pressione esercitata sui vasi sanguigni. In primo luogo, la pressione prodotta da tali vestiti viene concentrata nella parte superiore delle caviglie, quindi diminuisce gradualmente, si indebolisce, causando un deflusso di sangue al cuore attraverso i vasi venosi. Quest'ultimo si espande, passando grandi volumi di sangue, che sta già avvenendo a una certa velocità, il che rende più attive le valvole venose accoppiate. Il risultato di questo processo è il riassorbimento della stasi del sangue, l'eliminazione dell'edema e la formazione di coaguli di sangue causati da insufficienza venosa.

La maglieria a compressione è divisa in due tipi: terapeutica e profilattica. La prevenzione è raccomandata per le persone che lavorano a lungo in piedi o seduti, con una predisposizione genetica allo sviluppo della malattia. Calze, calze, calze sono selezionati in base alla misura, altezza, peso della scarpa. Giustificando il suo nome, la maglieria preventiva crea una leggera pressione nelle caviglie (fino a 18 mmHg), misurata in tana, che caratterizza solo la densità del materiale e non il livello di pressione. Questo tipo di biancheria intima a compressione non porterà sollievo ai pazienti con gravi segni di vene varicose, in quanto non avrà l'effetto necessario sui vasi sanguigni.

La pressione che caratterizza la maglieria medica va da 18 a 49 mmHg; la sua compressione nella coscia raggiunge il 40%, nel ginocchio – 70%, nella caviglia – fino al 100%. Per scegliere un prodotto in base alle sue dimensioni, è necessario misurare la circonferenza della gamba in questi punti.

Gli indumenti a compressione (calze, calze, gambaletti) devono essere conformi agli standard internazionali accettati, che sono fissati da speciali marcature applicate al prodotto e alla sua confezione. Preferibilmente, tale biancheria intima ha un certificato di sicurezza ambientale. È auspicabile che la maglieria medica sia realizzata in elastan, una moderna fibra sintetica che aiuta a preservare la compressione iniziale e l'assenza di reazioni allergiche. La calzetteria a compressione di alta qualità mantiene la temperatura e l'equilibrio idrico della pelle normali in qualsiasi condizione atmosferica.

Questo testo è una scheda tecnica.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.
Lagranmasade Italia