Espansione delle vene parametriche

Vene varicose della piccola pelvi – ectasia dei vasi del sistema venoso della piccola pelvi, che porta a una violazione del flusso sanguigno dagli organi genitali interni ed esterni. Si manifesta come un'espansione visibile delle vene perineali e vulvari, accompagnata da edema locale, sensazione di pesantezza, dolore di scoppio e sanguinamento. Il dolore pelvico, la dismenorrea, la dispareunia e altri sintomi sono caratteristici. Le vene varicose del bacino vengono diagnosticate mediante esame ginecologico ed ecografia con CDC, flebografia, TC, laparoscopia. Il trattamento della sindrome può essere conservativo (assunzione di venotonica, terapia fisica) o chirurgico (sclerobliterazione / embolizzazione delle vene gonadiche, flebectomia, ecc.).

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Panoramica

Le vene varicose pelviche (SRVMT) – una malattia delle vene pelviche associata a una violazione della loro architettura e al ristagno del sangue venoso nel bacino. In letteratura, le vene varicose pelviche sono anche indicate dai termini "sindrome da congestione venosa pelvica", "varicocele nelle donne" e "sindrome da dolore pelvico cronico". La prevalenza delle vene varicose pelviche aumenta in proporzione all'età: dal 19,4% nelle ragazze sotto il 17 all'80% nelle donne in perimenopausa. Molto spesso, la patologia delle vene pelviche viene diagnosticata nel periodo riproduttivo nei pazienti di età compresa tra 25 e 45 anni. Nella stragrande maggioranza dei casi (80%), la trasformazione varicosa colpisce le vene ovariche ed è estremamente rara (1%) nelle vene dell'ampio legamento dell'utero. Secondo i moderni approcci medici, il trattamento per la HRVMT dovrebbe essere effettuato non solo dalla posizione della ginecologia, ma, prima di tutto, dalla posizione della flebologia.

Cause di BPMT

Le basi patomorfologiche delle vene varicose della piccola pelvi sono considerate displasia del tessuto connettivo, che si verifica nel 35% delle persone praticamente sane. Questa condizione è congenita ed è caratterizzata da una diminuzione del contenuto di alcuni tipi di collagene, causando una diminuzione della forza del tessuto connettivo, compresa la parete del componente della nave. La manifestazione estrema di tale patologia può essere il sottosviluppo o l'assenza di qualsiasi componente morfologica della parete vascolare. Una lesione sistemica del tessuto connettivo spiega la frequente combinazione di BPMT con vene varicose degli arti inferiori ed emorroidi. Oltre alla displasia del tessuto connettivo, un certo effetto "indebolimento" sul tono del sistema venoso del bacino nelle donne è esercitato dagli ormoni sessuali (principalmente progesterone), PID e trombosi delle vene pelviche.

I fattori che aumentano il rischio di vene varicose del bacino piccolo sono uno sforzo fisico intenso; lavoro associato a posizione o seduta forzata a lungo termine; gravidanza e parto, lesioni pelviche, mancanza di orgasmo in una donna. Delle malattie ginecologiche, l'impatto più significativo sullo sviluppo della BPMT è esercitato dall'endometriosi, dal prolasso della vagina e dell'utero, dai tumori dell'utero e delle ovaie, dalla retroflessione uterina, ecc. Il ruolo scatenante della contraccezione ormonale e della terapia ormonale sostitutiva non è escluso.

Classificazione BPMT

Le vene varicose del bacino possono verificarsi in due forme: vene varicose della vulva e del perineo e sindrome da congestione venosa. In più della metà dei casi, entrambe queste forme determinano e si supportano a vicenda. Le vene varicose vulvare e perineale isolate spesso derivano dal reflusso sanguigno attraverso l'anastomosi safeno-femorale con lesioni della vena genitale esterna e l'afflusso della grande vena safena. Si verifica nel 30% delle donne in gravidanza, dopo che il parto persiste nel 2-10% delle donne. Il principale fattore che provoca le vene varicose del perineo e della vulva è la pressione dell'utero in crescita sulla vena cava iliaca e inferiore. Un prerequisito patologico per le vene varicose del bacino è il reflusso di sangue attraverso la vena ovarica.

Esistono 3 gradi di gravità delle vene varicose del bacino piccolo, tenendo conto del diametro e della localizzazione dell'ectasia venosa:

  • 1 grado – i vasi dilatati hanno un diametro fino a 0,5 cm e un decorso contorto; la lesione può interessare uno qualsiasi dei plessi venosi del bacino;
  • 2 gradi – i vasi dilatati hanno un diametro di 0,6-1 cm; la lesione può essere di natura totale o interessare il plesso ovarico, o le vene parametriche o le vene arcuate del miometrio;
  • Grado 3: i vasi dilatati hanno un diametro superiore a 1 cm con vene varicose di tipo totale o principale (localizzazione parametrica).

Sintomi di VRVMT

La base del quadro clinico delle vene varicose vulvare e perineale è l'espansione dei vasi venosi visibili nell'occhio in quest'area. I disturbi soggettivi possono includere sensazioni di prurito, disagio, pesantezza e dolore da scoppio nell'area genitale esterna. All'esame, può essere rilevato edema delle labbra. È possibile associare sanguinamento spontaneo o post-traumatico, spesso innescato da rapporti sessuali o dal parto. A causa dell'assottigliamento della parete venosa e dell'alta pressione nelle vene varicose, l'arresto di tale sanguinamento è irto di alcune difficoltà. Un'altra complicazione delle vene varicose di questa localizzazione può essere la tromboflebite acuta delle vene perineali. In questo caso, si verificano dolore intenso, iperemia e gonfiore della pelle del perineo. Le vene varicose diventano dense e dolorose al tatto. Si sviluppa la sindrome ipertermica – un aumento della temperatura corporea a 37,5-38,0 ° C.

Nanovein  Il medico con le vene varicose

Un'altra forma di vene varicose della piccola pelvi – la sindrome da congestione venosa – può dare un quadro clinico polimorfico, e quindi viene spesso scambiata per patologia ginecologica infiammatoria, colite, cistite, radicolite lombosacrale, ecc. Il sintomo più costante è il dolore nell'addome inferiore, avere varie intensità, carattere e irradiazione. Più spesso, i pazienti descrivono le loro sensazioni come dolori dolorosi che si irradiano nella regione lombosacrale, all'inguine o al perineo. Quasi la metà delle donne con vene varicose del bacino nota un aumento del dolore nella seconda fase del ciclo mestruale. Spesso i dolori sono provocati da rapporti sessuali, seduta o posizione prolungata, attività fisica. Per la sindrome della pletora venosa del bacino, è tipica la presenza di sindrome premestruale grave, algodismenorrea, dispareunia, disturbi disurici.

Diagnosi di VRVMT

La diagnosi delle vene varicose del bacino consiste in un esame ginecologico standard, una scansione ecografica dell'OMT e delle vene degli arti inferiori, una flebografia pelvica, una TC del bacino, laparoscopia. Un ginecologo e un flebologo dovrebbero partecipare all'esame dei pazienti con sospetta BPMT.

L'esame dei genitali esterni rivela vene superficiali dilatate nella vulva e nel perineo; con un esame vaginale, viene determinata la cianosi delle pareti della vagina, il dolore alla palpazione dell'addome. L'ecografia degli organi pelvici consente la conferma della HRVMT, mentre l'accesso combinato TA + TV a ultrasuoni è il più informativo. Lo studio non solo consente di identificare la patologia organica, ma anche l'uso del regime CDK per rilevare conglomerati di vene varicose con flusso sanguigno alterato, reflusso patologico del sangue. Secondo i dati ecografici dei vasi sanguigni, viene determinata una diminuzione della velocità di picco del flusso sanguigno nelle vene iliache uterine, ovariche e interne. Come parte della valutazione dello stato flebologico del paziente, è consigliabile condurre l'angioscanning ad ultrasuoni delle vene degli arti inferiori.

Al fine di studiare la localizzazione e la prevalenza delle vene varicose della piccola pelvi, lo stato del sistema valvolare e le anastomosi venose, nonché il rilevamento di coaguli di sangue, viene eseguita una flebografia intrauterina. Con la sindrome da congestione venosa, può essere indicata l'ovarianografia selettiva, che suggerisce l'introduzione del contrasto direttamente nelle vene ovariche. Con le vene varicose vulvari-perineali isolate, viene utilizzata la varicografia – contrasto delle vene perineali. Attualmente, la TAC degli organi pelvici sta sostituendo lo studio del contrasto ai raggi X, non inferiore a loro nel significato diagnostico. Come parte della diagnosi differenziale, oltre che con un contenuto informativo insufficiente dei metodi di cui sopra, ricorrere alla laparoscopia diagnostica.

Trattamento VRMT

Durante la gravidanza è possibile solo la terapia sintomatica per le vene varicose del piccolo bacino. Si consiglia di indossare collant a compressione, prendendo flebotonici (diosmina, esperidina) su raccomandazione di un chirurgo vascolare. Nel II-III trimestre, può essere effettuata la flebosclerosi delle vene varicose perineali. Se, a causa delle vene varicose, esiste un alto rischio di sanguinamento durante un parto indipendente, la scelta viene fatta a favore del parto chirurgico.

Le tattiche conservative possono essere efficaci nei casi di BPVMT di 1-2 gradi. L'assunzione del corso di farmaci venoattivi e antipiastrinici, FANS, terapia fisica, doccia ascendente, normalizzazione delle condizioni di lavoro e attività fisica, selezione di maglieria a compressione e altre misure può rallentare la progressione delle vene varicose e migliorare significativamente il benessere. Se si verifica sanguinamento uterino disfunzionale, viene prescritta una terapia emostatica. In alcuni casi, il paziente può richiedere l'aiuto di uno psicoterapeuta.

La sindrome del dolore non sostenibile, così come le vene varicose del bacino di 3 ° grado, sono un'indicazione per il trattamento chirurgico della patologia. La sclerobliterazione o l'embolizzazione delle vene ovariche, che vengono eseguite sotto controllo angiografico, sono metodi moderni di chirurgia mini-invasiva. Durante l'intervento, uno sclerosante viene introdotto nel lume della nave in anestesia locale o viene stabilita una spirale di embolizzazione, con conseguente obliterazione / occlusione della vena gonadica. Una possibile alternativa è la resezione delle vene ovariche mediante accesso laparotomico o retroperitoneale o il loro taglio endoscopico. Se la retroflessione uterina è la causa della BPVMT, viene eseguita la chirurgia plastica del suo apparato legamentoso.

Con le vene varicose vulvare e perineale isolate, è possibile eseguire una miniflebectomia o una flebectomia nel perineo. L'operazione è spesso integrata dalla resezione delle piccole labbra o grandi labbra. Nel caso di una combinazione di vene varicose del perineo e degli arti inferiori, è indicata una crossectomia.

Prevenzione VRVMT

Le misure preventive volte a ridurre il rischio di insorgenza e progressione delle vene varicose del bacino, sono ridotte principalmente alla normalizzazione dello stile di vita. In questa serie, il ruolo principale appartiene all'esclusione dello sforzo fisico statico e pesante a lungo termine, alla correzione dietetica (inclusione di un gran numero di frutta e verdura) e all'abbandono dell'alcool e del fumo. Ai segni iniziali delle vene varicose, si raccomandano esercizi terapeutici e respiratori, indossare calze a compressione e corsi di terapia conservativa profilattici e anti-ricaduta. In questo caso, è possibile ottenere una remissione a lungo termine e migliorare la qualità della vita dei pazienti.

Medico ostetrico-ginecologo. La più alta categoria medica. Esperienza lavorativa 26 anni.

Si è laureata presso la residenza clinica in ostetricia e ginecologia presso il Dipartimento di Ostetricia, Ginecologia e Reproduttologia KMAPO. È membro dell'Associazione russa di ginecologi-endocrinologi.

Sfera di interessi professionali: endocrinologia ginecologica, selezione contraccettiva individuale, trattamento dell'infertilità, irregolarità mestruali, sindrome premestruale, sindrome della menopausa, malattie cervicali, malattie infiammatorie degli organi pelvici, malattie sessualmente trasmissibili, endometriosi, fibromioma uterino, processi iperplastici endometriali, gestione della gravidanza, perimenopausa , omeopatia, fitoterapia, ecc. Conosce i metodi dell'ecografia pelvica, della colposcopia, della diatermocoagulazione, del cryodest uktsiii, chirurgia onde radio, argon plasma ablazione.

Luogo di lavoro: centro medico "Savon", Kiev, discesa Andreevsky, 38.

Ho sentito molto e letto delle vene varicose nell'utero, perché mia sorella ha rivelato una tale patologia. Questa malattia è riconosciuta come mal diagnosticata, poiché non ha sintomi pronunciati. Ora so quasi tutto della malattia, quindi mi affretto a condividere con te.

Che cosa sono le vene varicose uterine

Innanzitutto, definiamo il termine di cosa si tratta: vene varicose dell'utero. Il problema si sviluppa di solito in una delle aree dell'organo, sebbene ci siano situazioni e lesioni multiple. Con una condizione trascurata, la malattia copre tutti gli organi del bacino femminile.

Nanovein  Cause di vene varicose negli adolescenti e sintomi del suo aspetto

Quando le vene si espandono nelle gambe, si sviluppa una disfunzione interna. Provoca il suo sovraccarico. In questa situazione, vengono colpiti i vasi sulle pareti o sulla cervice. Spesso il problema colpisce le tube di Falloppio. Le donne soffrono di questa malattia nel periodo di 25-45 anni. La malattia può svilupparsi prima nell'utero e quindi diffondersi in tutto il perineo.

Le navi si dilatano in diversi modi. Sono in grado di allungarsi, le loro pareti diventano più sottili, si formano dei nodi. Il disturbo è totale o isolato in natura. Nella seconda situazione, sono interessate solo le vene ovariche, arcuate o parametriche. Nel caso di un tipo di malattia arcuata, i parametri uterini di solito si espandono contemporaneamente.

Sintomi delle vene varicose

La probabilità di vene varicose è determinata solo da due sintomi caratteristici:

  • sviluppo di dolore cronico al di sotto del peritoneo, aggravato dal rapporto sessuale, dallo sforzo fisico, prima delle mestruazioni e durante la gravidanza;
  • aumento delle perdite vaginali.

Le vene varicose vulvari

Con le normali vene varicose vulvari, l'espansione delle vene è evidente visivamente. Compaiono lamentele di disagio, potenti dolori di scoppio avvertiti nei genitali. L'ispezione rivela il gonfiore delle labbra. A volte viene aggiunto sanguinamento spontaneo, di solito è provocato dal parto o dai rapporti sessuali.

Sindrome pletora venosa

Con questa variante delle vene varicose, il quadro clinico è molto polimorfico, quindi il problema viene spesso preso come patologia infiammatoria. Un segno costante del problema è il dolore al di sotto del peritoneo, che cambia intensità, luoghi di irradiazione, carattere. Di solito fanno male, dato nel perineo o nella parte bassa della schiena.

Le vene varicose nell'utero durante la gravidanza

Quando viene identificato un problema prima del concepimento, i suoi sintomi si intensificano durante la gravidanza. Ciò è causato da cambiamenti ormonali. Se una donna è costantemente controllata da un ginecologo, il disturbo del flusso sanguigno non è pericoloso per lei. Molto raramente, le vene varicose diventano la ragione per la nomina di un taglio cesareo, in situazioni molto isolate provoca insufficienza placentare.

Trattamento delle vene varicose del piccolo bacino

Con il rilevamento tempestivo della patologia, viene prescritta una terapia complessa. Si basa sul trattamento in più fasi. In situazioni avanzate, è necessaria un'operazione.

Trattamento di base

Il trattamento principale è suddiviso in diverse fasi:

  • attività fisica riducendo lo stress;
  • divieto di alcol e nicotina;
  • adattamento dietetico;
  • docce;
  • comodo intimo a compressione;
  • sonno di qualità.

medicazione

La terapia prevede la nomina di farmaci. Compresse efficaci: Troxerutin, Detralex o Anavenol. Con il restringimento delle pareti dei vasi uterini, è probabile che si formino coaguli di sangue. I fluidificanti del sangue sono prescritti per prevenirli, sebbene abbiano controindicazioni. Tali farmaci sono vietati in presenza di sanguinamento.

Trattamento chirurgico delle vene varicose

Il trattamento chirurgico prevede le seguenti azioni:

  • resezione vascolare;
  • escissione dell'utero.

Sono state sviluppate tecniche intermedie per evitare la rimozione di organi cardinali.

Metodi non invasivi

Se è impossibile fermare il dolore, si raccomandano metodi di intervento minimamente invasivo. Spesso prescritto embolizzazione o scleroobliterazione delle vene ovariche. Al momento dell'operazione, uno sclerosante viene lanciato nella nave o viene introdotta una spirale di embolizzazione.

Un'alternativa è l'asportazione delle vene ovariche. Quando la retroflessione uterina crea un problema, viene eseguita la chirurgia plastica dei legamenti uterini.

Metodi invasivi

In situazioni con vene varicose vulvari, si raccomanda la flebectomia nell'area perineale. È spesso integrato dall'escissione delle labbra. Con una combinazione di problemi con le vene varicose delle gambe, è indicata una crossectomia.

Rimedi popolari

Il trattamento alternativo è una tecnica ausiliaria. Si raccomanda contemporaneamente alla terapia farmacologica. Le ricette aiutano a pulire i vasi sanguigni:

  1. Tintura di castagne. Per cucinare, prendi 5 cucchiai. l. castagne, versale con alcool. Immergi il fluido per una settimana al buio. Quindi filtrare e bere prima di ogni pasto 30 gocce del farmaco risultante.
  2. Decotto alle erbe. Prendi le noci, i fiori di melo e le foglie di betulla da 20 g l'una, l'assenzio e il cardo selvatico da 30 g l'uno e versa tutti e tre i bicchieri di acqua bollente. Tieni a fuoco un terzo dell'ora, poi insisti per 4 ore. Bevi un terzo di bicchiere prima di tutti i pasti.

Ricezione di venotonica

Cominciano a trattare le vene varicose uterine con la venotonica. Sono nominati da un flebologo, dopo aver eseguito un esame completo. Si consiglia di bere compresse Detralex o Phlebodia per 2-3 mesi. Durante questo periodo, il dolore di solito scompare. Tale trattamento è efficace nell'esecuzione di esercizi di benessere.

esercizi

Consigliato per le vene varicose uterine esercizi di Kegel. Tale ginnastica è mirata alla tensione muscolare del bacino. È necessario eseguire più volte la compressione alternata dei muscoli con il loro rilassamento. A casa, tali esercizi aiuteranno anche:

  • sdraiati in alto, alza le gambe, cerca di imitare un giro in bicicletta;
  • mentre giaci, alza le gambe in alto, raddrizzale e poi incrocia.

Dietetico

È estremamente importante stabilire la nutrizione. Gli esperti raccomandano di dimenticare il tè forte con il caffè, limitare bruscamente l'uso di sale con lo zucchero. È molto utile riempire la dieta con frutta fresca, eventuali oli vegetali, la maggior parte delle verdure. Tale dieta ripristinerà il flusso sanguigno, migliorerà il tono vascolare, prevenirà la congestione dei liquidi, eliminando così il carico venoso. Durante la gravidanza, l'assunzione di liquidi dovrebbe essere limitata, poiché lo sfondo ormonale contribuisce alla stasi del sangue.

motivi

Le seguenti cause causano patologia:

  • ereditarietà;
  • insufficienza ormonale;
  • aborto;
  • mancanza di trattamento per l'infiammazione;
  • fallimento del ciclo mestruale;
  • patologia delle valvole vascolari;
  • patologia del sistema ematopoietico;
  • flessione dell'utero.

I fattori provocatori

Oltre ai motivi principali, ci sono fattori che provocano la probabilità di un tale disturbo:

Lagranmasade Italia