Costole uterine varicose

Secondo le statistiche, ogni terza donna deve affrontare un problema come le vene varicose.

Le vene varicose sono una vasodilatazione patologica, accompagnata da una ridotta circolazione dell'area interessata e insufficienza valvolare delle vene. Una delle sottospecie di questa malattia sono le vene varicose uterine.

Le vene varicose uterine sono una malattia che non è facile da diagnosticare, poiché non presenta sintomi caratteristici. Spesso combinato con le vene varicose della cervice e delle grandi labbra. I pazienti spesso vanno dal medico, sospettando altre patologie ginecologiche.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Quadro clinico

I sintomi sono rilevati nelle donne in età riproduttiva, ma ci sono casi di malattia tra gli adolescenti. I reclami più comuni sono:

  1. Dolore di varia natura nell'addome inferiore;
  2. Irregolarità mestruali;
  3. Disagio e / o dolore durante o dopo il rapporto sessuale;
  4. Sensazioni spiacevoli nella regione inguinale dopo o durante lo sport;
  5. Dolore durante la minzione con l'assenza di patologie dai reni;
  6. A volte c'è una maggiore sensibilità delle pareti vaginali.

È importante ricordare che nella prima fase la malattia è asintomatica, il dolore appare nella seconda e nelle fasi successive. Sebbene le vene varicose nell'utero non siano una condizione pericolosa per la vita, il funzionamento del sistema riproduttivo può essere influenzato, portando alla sterilità.

Le cause della malattia Gruppi a rischio

Cause delle vene varicose nell'utero:

  • gravidanza (aumento del flusso sanguigno uterino, allungamento delle vene con una parete muscolare più debole, compromissione della funzione delle loro valvole);
  • attività fisica con pesi (aumento del flusso sanguigno agli organi pelvici);
  • costipazione frequente (il flusso sanguigno negli organi pelvici aumenta anche a causa dell'aumentata pressione intra-addominale);
  • uso a lungo termine di farmaci ormonali (sotto l'influenza degli estrogeni, le pareti dei vasi perdono la loro elasticità);
  • mancanza di esercizio;
  • cambiamenti congeniti nell'anatomia dell'utero (ad esempio, flessione);
  • incapacità di provare l'orgasmo;
  • interruzioni ormonali.

Anche a rischio sono le donne che hanno una storia di malattie infiammatorie a lungo termine degli organi pelvici. Donne che hanno avuto un parto difficile e hanno interrotto ripetutamente una gravidanza.

diagnostica

La malattia viene diagnosticata dall'ecografia dell'utero, che viene effettuata per via intravaginale.

  • Doppler;
  • Tomografia computerizzata degli organi pelvici;
  • Ovaricografia (eseguita mediante contrasto).

Durante la diagnosi, gli specialisti sono tenuti a condurre una diagnosi differenziale con altre patologie ginecologiche: prolasso / prolasso dell'utero o dei tubi vaginali, endometriosi, processi infiammatori dell'intestino e altri.

Caratteristiche della patologia durante la gravidanza

Durante la gravidanza, aumenta il volume di sangue che entra nell'utero, che, in combinazione con il resto del carico sul corpo, può portare a vene varicose uterine. Tali casi sono rari e principalmente nelle donne che rimangono incinte dopo 35 anni.

Sfortunatamente, con l'insorgenza di vene varicose nell'utero durante la gravidanza, la malattia è praticamente non trattabile.

A volte, in casi particolarmente gravi, un paziente subisce un taglio cesareo, poiché il parto con vene varicose dell'utero può causare gravi complicazioni con un alto grado di probabilità:

  1. tromboflebite;
  2. Funzione alterata della placenta;
  3. Sanguinamento interno;
  4. Trombosi del plesso venoso uterino, vene ovariche, ecc.

Come trattare le vene varicose uterine?

Indipendentemente dal fatto che la paziente sia incinta o meno, la nomina delle misure terapeutiche viene effettuata da un ginecologo insieme a un flebologo (un medico che si occupa di malattie vascolari). In caso di gravidanza, la questione del metodo del parto viene risolta anche dopo aver consultato il flebologo: con l'aiuto della diagnostica ecografica, lo specialista rivela il grado di danno vascolare.

In assenza di gravidanza e nella fase iniziale della malattia, i medici prescrivono una terapia conservativa, che include:

  • Normalizzazione del sonno e del riposo;
  • Rifiuto dell'attività fisica;
  • Una dieta ricca di frutta e verdura;
  • L'inclusione nella dieta di oli vegetali (olive, semi di lino), che sono ricchi di vitamina E e prevengono la formazione di coaguli di sangue;
  • Rifiuto di cattive abitudini;
  • Esercizi di Kegel (per mantenere in forma i muscoli della vagina e dell'utero);
  • Misure fisioterapiche

Delle medicine, di regola, vengono prescritti farmaci venotonici:

  • Troxerutin (capsule);
  • Anavenol;
  • Detraleks et al.

Sono spesso presi emorragie (in assenza di controindicazioni dal sistema cardiaco):

Le medicine non sono prescritte per le donne nella situazione, poiché esiste un certo rischio per il feto, quindi alle pazienti in gravidanza viene prescritta una fisioterapia, una doccia di contrasto, multivitaminici e biancheria intima a compressione che normalizzano il flusso sanguigno.

Se una donna partorirà in modo naturale o con l'aiuto di un taglio cesareo, il paziente decide dopo aver consultato il suo medico.

L'intervento chirurgico

Nel caso in cui una patologia venga rilevata in una fase avanzata della malattia e il trattamento conservativo non abbia portato risultati, i medici possono ricorrere a un metodo di trattamento operativo. Il metodo di correzione chirurgica è scelto dal medico e dal paziente.

Poiché esistono molti metodi di intervento chirurgico, uno specialista è in grado di scegliere il meno traumatico e il più efficace di essi.

Tipi di operazioni per le vene varicose uterine:

  • Flebectomia (rimozione di piccoli vasi varicosi attraverso incisioni);
  • Scleroterapia (un farmaco speciale viene iniettato nella vena danneggiata, la nave si attacca e alla fine scompare a causa dell'arresto della circolazione sanguigna attraverso di essa);
  • Coagulazione laser (normalizzazione del flusso sanguigno)
  • Coagulazione in radiofrequenza;
  • In presenza di gravi complicazioni, ricorrono alla rimozione dell'utero senza ovaie e talvolta con loro. Dopo tale intervento chirurgico, al paziente viene prescritta una terapia ormonale sostitutiva, che evita la menopausa precoce.

Профилактика

Come contro qualsiasi altra malattia, esiste la prevenzione contro le vene varicose uterine.

Il suo punto principale è una visita medica periodica. Particolarmente indicata è l'osservazione per i pazienti a rischio o la pianificazione di una gravidanza nel prossimo futuro.

  • Esercizio moderato, non sovraccaricare;
  • Rifiutare le cattive abitudini;
  • Segui una dieta;
  • Evita lo stress
  • Assumi farmaci venotonici e fluidificanti del sangue (su raccomandazione di un medico);
  • Monitora la tua salute;
  • Avere una vita sessuale regolare.

La prognosi di una malattia come le vene varicose uterine, nella maggior parte dei casi, è favorevole. Tuttavia, non sarà possibile curarlo completamente, quindi una donna dovrebbe seguire misure preventive, essere monitorata da un medico e non auto-medicare.

Identificazione dei segni e selezione del trattamento per le vene varicose uterine

Le vene varicose dell'utero sono tra le malattie ginecologiche con sintomi non specifici. Le difficoltà nel formulare una diagnosi accurata possono comportare ritardi nel trattamento e aggravamento della condizione patologica fino a disturbi ormonali e infertilità.

Cause delle vene varicose delle vene uterine

Le vene varicose dell'utero sono una malattia caratterizzata da un'eccessiva pletora di vasi sanguigni, il loro allungamento, assottigliamento delle pareti venose e formazione di nodi, a seguito dei quali viene disturbato il normale afflusso di sangue all'organo. La patologia più caratteristica è per le donne in età riproduttiva, meno comuni nelle ragazze adolescenti.

Nanovein  Cosa fanno le iniezioni con il dolore varicoso

Le possibili cause delle vene varicose includono:

  • predisposizione ereditaria dovuta a displasia (sottosviluppo) del tessuto connettivo;
  • tendenza alla trombosi;
  • insufficienza congenita delle valvole ovariche;
  • malattie acute o croniche degli organi pelvici;
  • anomalie dell'utero;
  • squilibrio ormonale;
  • precedente intervento chirurgico sull'utero (compreso l'aborto);
  • storia di nascita complicata;
  • disturbi del ciclo dovuti al ristagno di sangue nelle vene;
  • costipazione frequente.

Uso a lungo termine di contraccettivi orali, che aumenta il rischio di trombosi e può anche causare vene varicose uterine.

La gravidanza può anche innescare lo sviluppo della malattia. L'ormone progesterone prodotto per preservare il feto riduce il tono vascolare, espandendo così le vene e interrompendo il deflusso di sangue dall'utero. Il feto crea un'ulteriore ostruzione meccanica al flusso sanguigno: il suo peso non è distribuito uniformemente, quindi nelle fasi successive della gravidanza può comprimere le vene uterine.

Questa condizione è causata da cause naturali e non è sempre una patologia, tuttavia, se ci sono altri prerequisiti per lo sviluppo della malattia, portare un bambino può aggravare la condizione e causare un parto difficile.

I fattori di rischio per lo sviluppo della malattia includono:

  • l'obesità;
  • indossare biancheria intima attillata;
  • disfunzione sessuale;
  • storia di gravidanze multiple e parto;
  • mancanza di esercizio fisico (mancanza o mancanza di attività motoria);
  • lavoro in piedi o seduto.

Spesso, le vene varicose dell'utero sono combinate con l'espansione delle vene degli arti inferiori. Una diminuzione del tono delle vene uterine può provocare vene varicose della cervice, delle ovaie, della vagina, delle grandi e piccole labbra.

Sintomi e diagnosi della malattia

I segni delle vene varicose uterine includono fenomeni come:

  • dolori di trazione frequenti e intensi nell'utero e nelle ovaie, che possono dare al sacro e alla parte bassa della schiena;
  • dolore durante la minzione in assenza di patologie renali;
  • ipersensibilità delle pareti della vagina;
  • aumento del disagio e del dolore durante i rapporti, le mestruazioni, lo sforzo fisico, la permanenza prolungata in posizione eretta o seduta;
  • gravi irregolarità mestruali (durata totale fino a 50 giorni, con un lungo periodo di mestruazioni e scarso scarico durante esso);
  • è possibile individuare fuori dalle mestruazioni;
  • sindrome premestruale intensa;
  • sensazione di scoppio nel perineo (se c'è anche un'espansione dei vasi della vagina e delle labbra).

L'immagine delle vene varicose uterine è caratterizzata da cianosi e gonfiore delle mucose della vagina e della cervice, che sono chiaramente visibili all'esame iniziale. Una malattia avanzata si manifesta con noduli convessi formati su vene patologicamente dilatate.

La sintomatologia di questa malattia è simile ai segni di altre patologie ginecologiche, pertanto, quando si effettua una diagnosi, vengono presi in considerazione non solo i reclami del paziente e i dati dell'esame iniziale, ma anche i risultati di ulteriori studi.

Il principale metodo diagnostico per le sospette vene varicose delle vene uterine è l'ecografia intravaginale. Se la diagnosi è confermata, il paziente viene indirizzato a un flebologo che esegue una radiografia di contrasto delle vene uterine (flebografia intrauterina). Il vantaggio del metodo è il suo contenuto informativo: la flebografia consente di determinare con precisione lo stadio di sviluppo della malattia e di ottenere un quadro completo delle condizioni delle vene del paziente pelvico. Ci sono controindicazioni alla radiografia: è severamente vietato determinare le vene varicose uterine durante la gravidanza e l'intolleranza allo iodio in un paziente usando il metodo del contrasto.

Se necessario, i metodi di laparoscopia (incisioni chirurgiche non più lunghe di 1,5 cm) e la tomografia computerizzata possono essere utilizzati per chiarire la diagnosi principale o stabilire concomitanti.

Trattamento di patologia

Il trattamento delle vene varicose uterine comprende una serie di azioni volte ad eliminare i fattori di aumento del rischio di sviluppare la malattia, aumentare il tono vascolare, prevenire la trombosi, normalizzare la circolazione sanguigna nell'area pelvica e regolare la dieta.

Un corso conservativo di trattamento per le vene varicose dei vasi uterini comprende:

  • Farmaci venotonici a base di diosmina, esperidina, diidroergotamina, estratto di ippocastano e semi d'uva. I nomi commerciali dei farmaci sono Venarus, Angistax, Detralex, Flebodia, Eskuzan.
  • Agenti antipiastrinici orali (compresi i derivati ​​della vitamina P). Con sanguinamento, vengono presi emostatici, con sindrome del dolore grave – farmaci antinfiammatori non steroidei (indometacina, diclofenac, ecc.).
  • Una serie speciale di esercizi progettata per migliorare la circolazione sanguigna nell'area pelvica (ad esempio, esercizi di Kegel).

  • Indossare biancheria intima a compressione, riposare nella posizione "gambe sopra il corpo".
  • Procedure idriche con una temperatura dell'acqua contrastante che aumenta il tono delle vene.
  • Rifiuto dall'alcol e dal fumo.
  • Correzione della dieta (introduzione di prodotti che riducono la viscosità del sangue, nonché di complessi o fonti di iodio).
  • Conformità alla norma sull'acqua (1,5-2 litri di liquido al giorno).
  • Procedure fisioterapiche.
  • Ricezione di complessi vitaminici (E, C, P, B1).
  • Esclusione di intensa attività fisica.

Per un trattamento efficace, è anche necessario escludere l'influenza dei fattori di rischio.

I metodi chirurgici per il trattamento delle vene – flebectomia, coagulazione laser e radiofrequenza, scleroterapia e resezione uterina – sono utilizzati negli ultimi stadi della malattia, a condizione che la terapia conservativa sia inefficace.

Rispetto al caso clinico standard, sorgono molte difficoltà con il modo di trattare le vene varicose uterine nelle donne in gravidanza. A causa di un certo rischio dell'effetto negativo dei farmaci orali sul feto, il trattamento conservativo delle vene varicose nell'utero durante la gravidanza comprende una dieta, l'assunzione di complessi multivitaminici e venotonica a base vegetale, fisioterapia, procedure acquose contrastanti e indossare biancheria intima a compressione.

Qual è la pericolosa espansione della vena uterina

È quasi impossibile curare completamente la malattia, a condizione che non sia causata dalla compressione meccanica e dalla predominanza temporanea dell'ormone progesterone. Il trattamento conservativo ha lo scopo di inibire il processo patologico e prevenire gli effetti pericolosi della malattia sul corpo del paziente.

Qual è il pericolo di vene varicose in assenza di trattamento (complicanze della malattia):

  • tromboflebite delle vene della cervice;
  • processi infiammatori nel sistema riproduttivo;
  • trombosi venosa delle ovaie;
  • infertilità;
  • rottura di una vena e sanguinamento esteso;
  • insufficienza placentare.

Nel caso di un alto rischio di sanguinamento in una paziente incinta con vene varicose delle vene uterine, i ginecologi raccomandano un taglio cesareo.

Nonostante le pericolose conseguenze della malattia, con una diagnosi tempestiva e un approccio responsabile al trattamento, è possibile evitare la chirurgia e la formazione di coaguli di sangue nelle vene della piccola pelvi. Per migliorare l'effetto della terapia tradizionale, con il consenso del medico, vengono utilizzati metodi alternativi di trattamento (decotti a base di erbe, impacchi, tinture).

La varicosi nell'utero durante la gravidanza è pericolosa

Le vene varicose dell'utero sono una malattia che si riscontra più spesso nelle donne in età fertile. La malattia viene rilevata anche durante la gravidanza ed è un caso speciale di vene varicose. Oggi ti diremo perché le vene varicose nell'utero sono pericolose durante la gravidanza e come trattarla.

Cause delle vene varicose dell'utero

Il motivo principale è una patologia ereditaria delle pareti vascolari. Gli scienziati hanno scoperto un gene responsabile della funzione di sintesi nel corpo delle proteine ​​fibrillari di elastina e collagene. Il gene è associato al cromosoma X ed è ereditato da bambini di entrambi i sessi. Ma le ragazze hanno due cromosomi X, quindi il rischio di contrarre il gene è il doppio.

La malattia è più comune nelle donne anche perché la quantità di ormoni sessuali femminili influisce sulla sintesi dell'elastina e, durante i cambiamenti ormonali delle donne, aumenta il rischio di vene varicose nelle donne.

Altri fattori esacerbano solo la causa principale. In caso di vene varicose dell'utero, sono:

  • insufficienza ormonale di varie eziologie;
  • parto difficile;
  • la gravidanza;
  • aborti frequenti;
  • assunzione di alcuni steroidi (farmaci ormonali, contraccettivi orali);
  • ristagno di sangue nella vena ovarica;
  • processi infiammatori cronici;
  • aumento della pressione nelle vene del bacino;
  • l'obesità;
  • biancheria intima e corsetti dimagranti;
  • mancanza di esercizio;
  • postura forzata a lungo, ecc.
Nanovein  È possibile andare in bicicletta o allenarsi su una cyclette con vene varicose

Durante la gravidanza, si osservano diversi fattori contemporaneamente, aggravando la patologia congenita. I meccanismi fisiologici funzionano durante la gravidanza per ridurre al minimo il rischio di aborto.

Durante questo periodo, la concentrazione di estrogeni nel sangue diminuisce e aumenta la quantità di progesterone. L'ormone assicura l'attacco dell'ovulo fecondato all'endometrio dell'utero e ne riduce il tono. Tuttavia, l'ormone rilassa non solo i muscoli dell'utero, ma anche le pareti di tutti i vasi sanguigni.

Durante la gravidanza, il feto in crescita aumenta la pressione sugli organi interni, stringendo le vene e causando la stasi del sangue. Inoltre, la pressione intra-addominale aumenta, la funzione di aspirazione del diaframma viene interrotta, il carico sul corpo femminile e aumenta la congestione del fluido. Tutti questi fattori portano non solo alle vene varicose dell'utero, ma anche alle vene varicose delle gambe.

Durante la gravidanza, aumentano anche il flusso sanguigno uterino e il carico venoso, rispettivamente. Le sottili pareti venose con un costante aumento del movimento sanguigno vengono allungate e, a causa della mancanza di elasticità, non ritornano più nella posizione precedente. Il lume delle navi aumenta e le valvole delle vene cessano di svolgere la loro funzione.

Un problema comune durante la gravidanza è la costipazione. È determinato dallo stesso progesterone, che rilassa tutta la muscolatura liscia del corpo. La costipazione provoca un aumento della pressione intra-addominale e l'espansione delle vene.

Tuttavia, non solo nelle donne in gravidanza esiste un tale problema: una violazione del flusso sanguigno dovuta a indumenti stretti e compressivi viola l'emodinamica delle vene, che può anche causare vene varicose. Le vene varicose dell'utero sono anche osservate in donne molto giovani – l'assunzione di contraccettivi orali influisce sulla sintesi degli ormoni sessuali e non solo interrompe il ciclo mestruale, ma provoca anche vene varicose uterine durante la gravidanza. Le vene varicose causano anorgasmia, aborti frequenti. Inoltre influenzano il livello degli ormoni sessuali.

Spesso, le vene varicose dell'utero sono complicate da patologie concomitanti: un cambiamento nelle vene della cervice e delle ovaie.

Sintomi delle vene varicose uterine


La varicosi della cervice è accompagnata dai seguenti sintomi:

  • cintura, dolore lombare e grave nell'addome inferiore;
  • il dolore accompagna l'attività sessuale;
  • disagio nella zona inguinale dopo uno sforzo fisico;
  • violazione del ciclo;
  • sensazione di bruciore, dolore, in assenza di patologia renale, durante la minzione;
  • ipersensibilità della parte interna della vagina;
  • scarico con tracce di sangue;
  • aumento del flusso sanguigno durante le mestruazioni;
  • abbondante scarica sierosa, ecc.

Se il dolore è il risultato di stress fisico, sollevamento pesi e non è associato ad altre malattie ginecologiche, ma dura per un lungo periodo di tempo, allora questo può essere un segno diagnostico delle vene varicose. Di norma, questi dolori scompaiono quando si assumono venotonici e dopo aver riposato con le gambe sollevate.

Con danni alle vene non solo dell'utero, ma anche delle vene perineali, in quanto comunicanti con l'utero, puoi notare visivamente le vene convesse nelle cosce, glutei delle labbra.

L'insidiosità delle vene varicose è che le fasi iniziali della malattia sono generalmente asintomatiche e, spesso, il tempo perso porta a patologie più gravi. Inoltre, i sintomi delle vene varicose non sono specifici e spesso coincidono con altri complessi di sintomi. La diagnosi tempestiva può rilevare le vene varicose dell'utero all'inizio della malattia.

Test diagnostici per le vene varicose


Per chiarire la patologia, il ginecologo esamina, raccoglie un'anamnesi, analizza e classifica i sintomi, prescrive test clinici. Inoltre, può essere prescritto un esame ecografico, che viene eseguito in due modi:

Nel primo caso, le onde degli ultrasuoni passano attraverso la parete addominale anteriore e nel secondo, l'ecografia si verifica quando viene inserito uno speciale trasduttore: un sensore nei genitali. Questo tipo di ricerca è sicura anche all'inizio della gravidanza e ha grandi capacità diagnostiche rispetto al metodo transaddominale.
Se viene rilevata una patologia venosa durante l'esame intravaginale, il medico invia la donna a un flebologo. Lo specialista può prescrivere studi come:

  • flebografia intrauterina con un mezzo di contrasto;
  • tomografia computerizzata;
  • Doppler;
  • laparoscopia.

Questi metodi non vengono utilizzati durante la gravidanza, quindi la malattia è così pericolosa durante questo periodo che le condizioni della donna impongono alcune restrizioni sullo svolgimento di procedure diagnostiche e sull'uso di metodi terapeutici.

Secondo i risultati di una serie di studi, il medico sviluppa una strategia di trattamento che tiene conto di tutte le caratteristiche della condizione e delle patologie associate.

Trattamento delle vene varicose uterine

Il trattamento delle vene varicose dell'utero deve essere effettuato in modo completo, influenzando non solo i sintomi, ma, soprattutto, la causa della malattia.
Per il trattamento delle vene varicose vengono utilizzati:

  • trattamento farmacologico;
  • terapia non farmacologica;
  • metodi di trattamento chirurgico.

Venotonica e flebotonica sono utilizzate nel trattamento delle vene varicose uterine: Troxevasin, Phlebodia, Doppelherz, Detralex, ecc. Per i veterotonici varicosi uterini, si raccomanda di assumere veterotonici con anticoagulanti: Wessel Douay F, Aklotin, Agregal, Aspigrel, Cardo
Le vene varicose causano sanguinamento uterino, quindi vengono prescritti emostatici: Menadion, Vikasol, Ditsinon, ecc. Tuttavia, va ricordato che possono causare la formazione di coaguli di sangue.

Dai un'occhiata! Abbiamo preparato un video per te:

Il trattamento delle vene varicose uterine durante la gravidanza è complicato dal fatto che la nomina dei farmaci è limitata a causa degli effetti collaterali di molte sostanze sul corpo di una donna e del feto. Pertanto, molto spesso durante questo periodo, alle donne in gravidanza viene prescritto un trattamento non farmacologico e indossano calze speciali a compressione per le donne in gravidanza.
Il trattamento non farmacologico include:

  • fisioterapia;
  • akvaterapiю;
  • terapia dietetica;
  • esercizio terapeutico.

Se il trattamento conservativo non dà risultati positivi, viene prescritta la rimozione chirurgica dell'utero, la resezione delle vene ovariche. Dopo la procedura, al paziente viene prescritta una terapia ormonale sostitutiva per ridurre i sintomi della menopausa artificiale. La chirurgia moderna utilizza il trattamento laser per le vene varicose. Vengono anche utilizzati metodi mini-invasivi:

  • ablazione con radiofrequenza;
  • scleroterapia;
  • ablazione laser, ecc.

Durante la gravidanza, il trattamento chirurgico è controindicato. A volte, secondo la testimonianza di una donna incinta in ritardo, viene prescritto un taglio cesareo.

Complicanze delle vene varicose uterine

Se la malattia progredisce e non vengono eseguite azioni terapeutiche, le vene varicose dell'utero possono portare a:

  • alla rottura delle vene;
  • causare sanguinamento uterino;
  • infertilità;
  • causare infiammazione degli organi riproduttivi;
  • inibizione (ipofunzione) delle ovaie;
  • coaguli di sangue;
  • causare la sindrome addominale cronica.

Le vene varicose uterine sono pericolose durante la gravidanza perché possono provocare insufficienza placentare, sanguinamento. Se ci sono sintomi di vene varicose, la donna dovrebbe applicare i metodi di prevenzione delle malattie anche prima di pianificare la gravidanza.

Prevenzione della patologia della vena uterina

Semplici misure preventive mirano, innanzitutto, ad eliminare le cause esterne della patologia:

  • normalizzazione dello stile di vita;
  • esclusione di cattive abitudini;
  • nutrizione equilibrata;
  • aumento dell'attività fisica;
  • buon riposo;
  • armonizzazione delle relazioni sessuali;
  • indossare calze a compressione preventiva;
  • terapia preventiva (assunzione di farmaci venotonici e fluidificanti del sangue);
  • normalizzazione del peso;
  • esclusione di situazioni traumatiche, ecc.

Le vene varicose dell'utero hanno una prognosi favorevole se si seguono le raccomandazioni del medico e si adottano misure preventive.

Pensi ancora che liberarsi rapidamente delle vene varicose sia difficile?

Lo stadio avanzato della malattia può causare conseguenze irreversibili, come: cancrena, avvelenamento del sangue. Spesso la vita di una persona con uno stadio avanzato può essere salvata solo attraverso l'amputazione di un arto.

In nessun caso dovresti iniziare la malattia!

Raccomandiamo di leggere l'articolo di Viktor Mikhailovich Semenov, capo dell'Istituto di Flebologia del Ministero della Salute della Federazione Russa, dottore in scienze mediche della Russia.

Lagranmasade Italia