Cosa causa le vene varicose

Le vene varicose sono una delle malattie più comuni del sistema vascolare. È caratterizzato da un'espansione del lume vascolare, un aumento della lunghezza dell'area interessata, un cambiamento nella struttura e una perdita di funzionalità dell'apparato valvolare. Questa patologia non solo influisce negativamente sull'aspetto di una persona, ma può anche portare a formidabili complicazioni. Secondo le statistiche, fino al 20% dell'umanità soffre di manifestazioni più o meno pronunciate di vene varicose. La patologia colpisce le donne molto più spesso degli uomini (3-4 volte). Perché questa malattia si sviluppa?

Il campo della medicina coinvolto nello studio, nel trattamento e nella prevenzione delle patologie venose si chiama flebologia. Lo specialista in flebologia è un flebologo.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Brevi informazioni sulla circolazione sanguigna di una persona

Il sistema cardiovascolare combina cuore umano e vasi sanguigni. A loro volta, i vasi sono dei due principali tipi: i primi trasportano il sangue nella direzione dal cuore e sono chiamati arterie. Al secondo, il sangue si precipita nel cuore: questi vasi sono chiamati vene. Tutte le arterie e le vene formano due cerchi di circolazione del sangue: grande e piccolo (polmonare). Le vene del grande cerchio sono piene di sangue saturo di anidride carbonica, le vene polmonari contengono sangue ossigenato.

Poiché le vene varicose sono caratterizzate da alcuni cambiamenti patologici, è necessario soffermarsi sulla normale struttura delle vene.

La struttura dei vasi venosi e le caratteristiche del deflusso venoso

I vasi umani sono composti da tre strati, con cellule muscolari molto meno lisce nelle vene rispetto alle arterie. Hanno anche uno strato più sottile di tessuto connettivo. Il lume delle vene è più grande del lume delle arterie di dimensioni simili. Le cellule endoteliali (cellule del rivestimento interno) producono sostanze che influenzano il tono vascolare.

La pressione sanguigna nelle vene è molto più bassa di quella nelle arterie. I vasi venosi della metà inferiore del tronco contengono pieghe lunate del guscio interno. Queste pieghe formano valvole le cui valvole sono orientate verso il cuore e impediscono il flusso inverso del sangue sotto l'influenza della gravità.

Le vene degli arti inferiori si trovano nelle immediate vicinanze di grandi muscoli. A causa della tensione muscolare, il lume dei vasi adiacenti diminuisce, il sangue viene spinto verso il cuore. Questo meccanismo è chiamato pompa muscolare (pompa muscolo-venosa).

L'azione di aspirazione del diaframma: la respirazione, accompagnata dall'espansione e dalla contrazione dei polmoni, porta a movimenti del diaframma (verso il basso – verso la cavità addominale – durante l'inspirazione e verso l'alto – verso la cavità toracica – durante l'espirazione) – la struttura che separa la cavità toracica dalla cavità addominale. Il diaframma ha buchi attraverso i quali passano grandi vene. Il setto agisce meccanicamente sulle vene come una pompa, fornendo un deflusso adeguato.

Nanovein  Prevenzione delle vene varicose come mantenere le vene sane ed evitare il gonfiore

La presenza di fibre muscolari lisce e tessuto connettivo fornisce tono venoso.

Le vene superficiali sono visibili ad occhio nudo: brillano attraverso la pelle. Le principali fonti di vene varicose degli arti inferiori sono le vene safene grandi e piccole.

Le cosiddette vene profonde sono più profonde. Di solito accompagnano le arterie con lo stesso nome. I vasi superficiali e profondi sono collegati tra loro mediante le cosiddette vene perforanti. Il sistema di vene comunicative (perforanti) è ben sviluppato nelle estremità inferiori di una persona. Con il suo aiuto, il sangue dai vasi superficiali viene raccolto in profondità.

Cambiamenti nello sviluppo della patologia

Le vene varicose sono caratterizzate da una violazione della struttura di tutti e tre gli strati vascolari. Il tono venoso diminuisce, il lume della nave si espande. Le valvole non si avvicinano all'estremità e quindi non riescono a far fronte alla loro funzione, a causa della quale, sotto l'influenza della gravità, si verifica il reflusso di sangue inverso (reflusso). Il sangue che si accumula in una certa sezione della vena allunga il muro. Visivamente, si nota la comparsa di una "vena ragno". Nel tempo, in assenza di un trattamento adeguato, si formano nodi.

Gli endoteliociti (cellule endoteliali) producono sostanze significativamente meno attive. Di conseguenza, c'è una violazione dell'afflusso di sangue ai tessuti (ad esempio, la pelle, se stiamo parlando di disfunzione dei vasi superficiali della pelle). A causa di un significativo trabocco di vasi sanguigni venosi, il flusso di sangue arterioso saturo di ossigeno e sostanze nutritive rallenta.

Perché si sviluppano le vene varicose?

Si ritiene che il principale fattore che determina il grado di rischio delle vene varicose sia ereditario. Senza principi, quale forma di vene varicose è stata osservata nei parenti diretti più anziani (la patologia può influenzare non solo le vene degli arti inferiori, ma anche i vasi che drenano il sangue dall'esofago, dal retto, dal cordone spermatico).

Le caratteristiche ereditate della struttura delle vene, ad esempio la disfunzione congenita dell'apparato valvolare (i primi sintomi possono già essere rilevati nei bambini) sono ereditate. Anche le patologie della struttura del tessuto connettivo (displasia del tessuto connettivo) sono ereditate.

Nelle persone con una predisposizione ereditaria, si forma una malattia sotto l'influenza di condizioni ambientali avverse.

I medici distinguono le seguenti cause di vene varicose:

  1. Trauma alle ossa o ai tessuti molli della gamba.
  2. L'alcolismo, il fumo di tabacco, l'abuso di bevande contenenti caffeina, portano a una violazione del tono vascolare.
  3. Inattività: uno stile di vita sedentario (camionisti, impiegati), mancanza di attività fisica, inosservanza di lavoro e riposo. I muscoli del piede e dei polpacci, che non subiscono lo sforzo fisico necessario, rimangono praticamente non coinvolti nella formazione della pompa muscolare. Al contrario, i muscoli completamente sviluppati spingono il sangue al cuore in modo più efficiente.
  4. Aumento del carico sugli arti inferiori: lavoro in piedi (parrucchieri, insegnanti, dottori delle specialità chirurgiche, venditori, corrieri), estenuante attività fisica (atleti professionisti).
  5. Processi infiammatori cronici nel corpo (in particolare infiammazione degli organi pelvici).
  6. Condizioni di lavoro che comportano il sollevamento regolare dei pesi (motori, atleti).
  7. Patologie e alterazioni sovrappeso e spesso associate (aumento della concentrazione di glucosio e lipidi nel sangue, aterosclerosi). Inoltre, le persone con obesità aumentano la pressione intra-addominale.
  8. Disturbi endocrini.
  9. Alta statura. Il sangue deve percorrere una grande distanza dai capillari al muscolo cardiaco.
  10. L'uso di alimenti prevalentemente trattati termicamente e raffinati, un'alimentazione squilibrata, un'assunzione insufficiente di fibre. Questi fattori portano sia ad un aumento del peso corporeo (e l'obesità in sé può provocare la comparsa dei primi sintomi delle vene varicose o la progressione di una patologia esistente), sia una costipazione cronica.
  11. Piedi piatti, a causa dei quali i muscoli del polpaccio non possono partecipare pienamente alla formazione della pompa muscolo-venosa.
  12. Indossare costantemente abiti attillati (soprattutto biancheria intima), spremere i vasi nella regione inguinale.
  13. Indossare regolarmente scarpe strette, così come le scarpe col tacco alto, influisce negativamente sulla contrattilità dei muscoli del polpaccio.
  14. Malattie croniche in cui il paziente deve sforzarsi regolarmente (sforzare volontariamente i muscoli della parete addominale anteriore), che aumenta la pressione intra-addominale e aumenta il lume delle vene degli arti inferiori. Esempi di tali malattie: costipazione cronica, iperplasia prostatica benigna (per garantire un adeguato deflusso di urina attraverso l'uretra ristretta, un uomo è più spesso del normale costretto a visitare il bagno, oltre a utilizzare i muscoli addominali).
  15. Gravidanza, parto Un utero in gravidanza, che aumenta gradualmente di volume, stringe i vasi vicini, il che peggiora il deflusso di sangue. Anche durante la gravidanza, aumenta il volume del sangue circolante. Più è lungo il periodo gestazionale, più diventano evidenti le manifestazioni della patologia. Durante il periodo faticoso, la pressione addominale aumenta in modo significativo. Inoltre, gli ormoni sessuali femminili (progesterone, estrogeni) influenzano le condizioni dei vasi. Più gravidanze ha subito una donna, maggiore è il rischio di sviluppare le sue vene varicose.
  16. L'uso di farmaci i cui principi attivi sono ormoni sessuali femminili: contraccettivi, farmaci usati nel trattamento dell'infertilità.
  17. Sfortunatamente, nelle donne, le cause delle vene varicose si trovano spesso nel normale sfondo ormonale caratteristico del corpo femminile. A volte la malattia appare nelle ragazze già durante la pubertà, durante le quali le ghiandole sessuali iniziano a funzionare attivamente.
  18. Spesso il problema si aggrava durante la menopausa e il periodo postmenopausale. Nelle giovani donne che soffrono di vene varicose, i sintomi possono aumentare a seconda della fase del ciclo mestruale: i pazienti lamentano che il dolore si intensifica nella seconda fase del ciclo, poco prima dell'inizio della successiva mestruazione. Questo perché gli ormoni prodotti dal corpo luteo colpiscono i muscoli lisci, rilassandoli (questa azione si estende alle fibre muscolari delle pareti venose).
  19. Secondo le osservazioni, anche la razza gioca un ruolo: le persone dalla pelle scura hanno molte meno probabilità di soffrire di vene varicose rispetto ai rappresentanti della razza caucasica.
  20. Spremere il muro di una vena con una grande cicatrice o tessuto tumorale.
  21. Malattie neurologiche, stress frequenti.
Nanovein  Dossi intimi

Spesso, le cause delle vene varicose si trovano in pazienti in combinazione. La malattia in questo caso appare prima rispetto al caso dell'esposizione a un fattore di rischio.

Manifestazioni principali

Le vene varicose sono caratterizzate da un decorso graduale. La durata di ogni fase è individuale, può variare da diversi mesi a decenni.

  • sentirsi le gambe stanche dopo il solito carico;
  • la sera si nota gonfiore, che scompare completamente durante la notte;
  • di tanto in tanto le gambe possono crampi.

La progressione graduale comporta i seguenti sintomi:

  • la comparsa di "vene di ragno" visivamente distinguibili, il cui numero aumenta con il tempo;
  • piccoli nodi di una tinta bluastra compaiono sotto la pelle, la cui dimensione aumenta con il tempo;
  • gambe doloranti;
  • aumento delle convulsioni;
  • un cambiamento nel colore e altre caratteristiche della pelle sui vasi alterati: comparsa di iperpigmentazione dovuta a depositi di emosiderina, pelle secca, tendenza a lesioni anche con un leggero effetto meccanico;
  • se l'integrità della pelle è compromessa, i difetti non guariscono a lungo, l'ammollo è caratteristico;
  • nel tempo, la pelle dei piedi, delle caviglie e della parte inferiore delle gambe diventa brunastra e talvolta nera;
  • la formazione di focolai di atrofia cutanea, ulcere trofiche;
  • dopo una guarigione prolungata, l'ulcera trofica guarisce con la formazione di una cicatrice.

Lagranmasade Italia