Complicanze del trattamento laser per le vene varicose

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

L'essenza e le varietà della procedura

In precedenza, se il trattamento conservativo delle vene varicose non produceva i risultati desiderati o le complicanze rappresentavano un grave rischio per la salute del paziente, i medici prescrivevano un intervento chirurgico. In questo caso, la vena interessata è stata completamente rimossa e, dopo l'operazione sulla pelle, sono rimaste cicatrici. La medicina moderna consente in alcuni casi di sostituire la chirurgia obsoleta con una terapia laser più avanzata.

L'essenza dell'effetto è che un raggio laser con una certa lunghezza d'onda viene inviato alla vena espansa. Le cellule del sangue convertono l'impulso in arrivo in energia termica, a seguito della quale la vena interessata sembra essere sigillata e il sangue inizia a circolare in modi più profondi e sani.

In questo caso, tutti i tessuti adiacenti rimangono incolumi, poiché il raggio laser agisce selettivamente e la parte del corpo su cui è stata successivamente eseguita la manipolazione non provoca disagio a causa di una vena disabilitata.

La chirurgia laser per le vene varicose è divisa in due tipi, che vengono utilizzati in diverse situazioni. La correzione laser percutanea viene utilizzata nella maggior parte dei casi per il trattamento della rete venosa, che può essere definita una fase iniziale delle vene varicose. La procedura viene eseguita senza contatto diretto con la pelle e il risultato non è diverso da un'altra varietà della procedura, ma in questo caso la vena non deve superare i 3 mm di diametro.

La coagulazione laser endovasale (EVLK) viene utilizzata più spesso, in Europa, questa procedura è diventata un metodo di trattamento prioritario e il trattamento chirurgico delle vene varicose viene gradualmente retrocesso in background. EVLK fornisce un'incisione microscopica della pelle attraverso la quale una fibra viene inserita nella vena danneggiata. Questa funzione consente di "incollare" liberamente qualsiasi vena dilatata, non superiore a 1 cm di diametro. L'intero processo è controllato dalla diagnostica ecografica, quindi il rischio di errore medico è minimo.

Le recensioni negative sulla coagulazione laser delle vene sono spesso lasciate da persone che si sono fidate di un medico inesperto o ignorato il consiglio di uno specialista.

Indicazioni e controindicazioni

Qualsiasi procedura ha indicazioni e controindicazioni, di cui il medico curante dovrebbe parlare. Nel caso del trattamento delle vene varicose nelle gambe con coagulazione laser, uno specialista dovrebbe controllare attentamente i prerequisiti per la procedura.

Innanzitutto, la vena dovrebbe essere espansa in bocca di non più di 10 mm, altrimenti la terapia sarà inutile e presto il problema tornerà.

In secondo luogo, la vena deve avere un percorso uniforme del tronco in modo che la guida della luce possa attraversarla liberamente dall'inizio alla fine.

In terzo luogo, non dovrebbero esserci troppe vene varicose.

Prima di iniziare il trattamento laser, è necessario tenere conto delle controindicazioni esistenti alla procedura:

  • tendenza alla tromboflebite;
  • eventuali malattie croniche nella fase acuta;
  • patologia della circolazione sanguigna;
  • espansione della vena superiore a 1 cm;
  • processi infiammatori nella zona interessata;
  • malattie infettive accompagnate da febbre;
  • scarsa mobilità del paziente per motivi di salute.

Se si ignorano le controindicazioni esistenti, possono verificarsi conseguenze negative che saranno molto più difficili da eliminare. Affinché la procedura abbia esito positivo, è necessario contattare solo un'istituzione medica specializzata in cui lavorano specialisti esperti e responsabili.

Come è la procedura

In una consultazione preliminare con un medico, il paziente risponde a tutte le domande necessarie e viene sottoposto a un esame in modo che lo specialista possa decidere se il trattamento laser delle vene varicose aiuta in questo caso e se è assolutamente necessario. Successivamente, vengono prescritti dei test e, se non vengono rilevate controindicazioni, viene annunciata la data della sessione.

Non esiste una preparazione specializzata per la coagulazione laser, ma il paziente deve seguire alcune raccomandazioni specialistiche:

  • Indossare abiti e scarpe spaziosi e comodi, specialmente negli ultimi giorni prima della data stabilita;
  • pochi giorni prima della procedura, è necessario interrompere l'assunzione di farmaci che influenzano la viscosità del sangue.

Nella prima fase, il flebologo, insieme allo specialista in diagnostica ecografica, esegue la marcatura e segna la posizione dell'intera parte della vena interessata dalle vene varicose sulla zona interessata del paziente. Questa fase può durare in diversi modi: se la vena è diritta e corta, il processo richiede solo pochi minuti e se è spesso piegato e colpito in una sezione lunga, la marcatura può essere ritardata.

Il secondo stadio è l'uso dell'anestesia locale, che è più spesso usata Novocaina, se il paziente non è allergico ad essa. Il medico, sotto la supervisione dell'ecografo, divide accuratamente la vena interessata senza danneggiarla. Questa fase è molto importante perché non solo anestetizza la procedura, ma impedisce anche al raggio laser di colpire i tessuti vicini.

La rimozione laser delle vene varicose inizia con il flebologo che sceglie il regime di radiazioni appropriato per il paziente. Successivamente, viene praticata una piccola incisione attraverso la quale viene inserita una fibra nella vena se viene eseguita la coagulazione endovasale o il laser agisce superficialmente se viene scelto il metodo percutaneo. Usando una macchina ad ultrasuoni, un flebologo monitora il processo e sposta la sorgente del raggio laser lungo l'intera lunghezza della vena dilatata.

Dopo il trattamento laser delle vene degli arti inferiori, saranno necessari indumenti compressivi per due settimane, inoltre, nei primi giorni dopo la procedura, non solo durante il giorno, ma anche di notte. Inoltre, immediatamente dopo l'esposizione e successivamente per due settimane dovrai fare delle passeggiate della durata di almeno 30 minuti.

Effetti della terapia

Nella maggior parte dei casi, le vene varicose sulle gambe e altre parti del corpo possono essere coagulate al laser senza effetti collaterali e recidive. All'inizio, il paziente può provare disagio, dolore o altre sensazioni spiacevoli nell'area di influenza, possono apparire anche lividi, ma gradualmente questo scompare. Altrimenti, hai bisogno dell'aiuto di un medico.

Se il corso del trattamento laser delle vene varicose sulle gambe e altre parti del corpo era compromesso o il paziente ha trascurato il consiglio di uno specialista, possono sorgere complicazioni più gravi. Il più innocuo di questi è la penetrazione dell'infezione attraverso una ferita aperta, che viene trattata con antibiotici. Una complicazione più grave è la comparsa di un trombo di vene superficiali o profonde, che può essere trattato solo prontamente.

Come viene eseguita la rimozione laser delle vene varicose?

Il trattamento laser delle vene varicose è un metodo avanzato, affidabile e poco traumatico. Questa malattia provoca problemi estetici ed è una patologia che rappresenta un pericolo per la salute umana e contribuisce anche alla modifica dei vasi venosi. In questo caso, esiste la probabilità di un coagulo di sangue, che può staccarsi in qualsiasi momento e quindi si verifica la morte. La terapia laser eseguita nelle prime fasi aiuta a superare le vene varicose e ad ottenere un risultato estetico eccellente.

Le vene varicose causano problemi estetici ed è una patologia che rappresenta un pericolo per la salute umana e contribuisce anche alla modifica dei vasi venosi.

Indicazioni e controindicazioni

La ragione della chirurgia laser sono le vene varicose delle vene safene degli arti inferiori. Il trattamento laser viene utilizzato quando le loro bocche sono allargate di non più di 1 cm Le navi dovrebbero avere un decorso uniforme senza curve acuminate e le convoluzioni che si estendono da esse devono essere sane o leggermente allargate. Una tale tecnica terapeutica dà un effetto positivo solo in una fase precoce della malattia, se le vene varicose sono espresse in piccola parte.

Nanovein  Psicosomatici del fungo

Il trattamento laser delle vene varicose è un metodo avanzato, affidabile e poco traumatico.

La terapia laser è indicata in una piccola area, quindi non è in grado di influenzare negativamente i tessuti vicini. Non viene utilizzato su imbarcazioni danneggiate se occupano una vasta area. Questo metodo ha anche mostrato la sua inefficienza con le vene varicose delle vene profonde.

L'elenco delle controindicazioni per il trattamento della coagulazione laser comprende:

  • la gravidanza;
  • l'allattamento al seno;
  • farmaci ormonali;
  • diabete mellito;
  • processi infiammatori e purulenti alle estremità inferiori;
  • tromboflebite;
  • intolleranza alla compressione elastica.

Sebbene ci siano abbastanza controindicazioni per l'intervento chirurgico volto a liberarsi delle vene varicose, sono specifiche e soggette a considerazione individuale.

Come è la procedura di coagulazione laser

Grazie all'attrezzatura clinica, viene fornito un effetto terapeutico selettivo e delicato sulla regione della parete venosa. Un laser freddo impedisce il riscaldamento del sangue e l'ulteriore formazione di un coagulo di sangue.

La rimozione della vasodilatazione nelle estremità inferiori inizia con la marcatura delle vene. Utilizzando un marcatore a ultrasuoni, viene eseguita la marcatura della rete venosa interessata. Queste manipolazioni ti permettono di entrare ulteriormente attraverso un LED di puntura poco appariscente (3 mm di diametro).

Quindi viene eseguita l'anestesia locale, il più delle volte viene utilizzata la novocaina, ma possono essere utilizzati anche altri anestetici. Questo è deciso dall'anestesista. I compiti di questa procedura sono di anestetizzare e creare una copertura protettiva vicino all'area operata. L'anestesia con ago sottile viene eseguita sotto la guida degli ultrasuoni.

Un laser freddo impedisce il riscaldamento del sangue e l'ulteriore formazione di un coagulo di sangue.

Successivamente, viene eseguita l'operazione stessa. Il flebologo seleziona il regime e la forza di azione ottimali sulle aree interessate. Attraverso una puntura, un LED monouso viene iniettato in una vena. Quando viene tirato, le pareti della nave vengono trattate con un impulso laser. Questo porta al loro legame. Durante l'operazione, la persona più spesso non sente nulla o avverte una leggera sensazione di formicolio.

Effetti laser delle vene varicose

In rari casi si verificano complicanze dopo la coagulazione laser delle vene varicose. Le conseguenze dell'operazione includono:

  • coaguli di sangue;
  • lo sviluppo di processi infiammatori;
  • ascessi;
  • derma burn;
  • accumulo di sangue sotto la pelle;
  • la comparsa di lividi.

Durante i primi due giorni dopo il trattamento, si può osservare dolore alle gambe, in particolare questo vale per la vena su cui è stata eseguita l'operazione. Le suture nel sito dell'intervento chirurgico durante il periodo di riabilitazione devono essere attentamente elaborate. Per fare questo, vengono applicate le bende. Se le cuciture non sono finite in tempo e le bende non vengono sostituite con nuove, le ferite possono peggiorare.

Periodo postoperatorio

L'uso della compressione degli arti inferiori è obbligatorio durante il periodo di riabilitazione dopo il trattamento laser delle vene varicose degli arti inferiori. Al termine della procedura laser, quando vengono rimosse le vene interessate, il medico applica necessariamente una benda elastica.

Successivamente, la benda viene cambiata in biancheria intima a compressione speciale. A causa della compressione nelle vene profonde delle gambe, il flusso sanguigno migliora, i vasi superficiali smettono di espandersi. Indossa calze speciali, collant o gambaletti ogni giorno. Dopo l'intervento chirurgico, è vietato rimuovere anche di notte.

Nel periodo postoperatorio, è necessario seguire una serie di semplici regole. Dopo l'intervento laser per eliminare le vene varicose, una persona dovrebbe muoversi. Si consiglia di camminare per almeno 1 ora. È necessario per un po 'rifiutare di visitare:

È vietato allenarsi in palestra. Il trattamento profilattico delle vene varicose consiste in uno stile di vita attivo e sano. Dopo aver completato il trattamento, una persona dovrebbe:

  • mangia bene e controlla il tuo peso;
  • smettere di bere alcolici e sigarette;
  • fare passeggiate e andare in bicicletta.

I medici raccomandano di eseguire esercizi volti ad aumentare l'elasticità delle vene.

Il costo totale del trattamento laser per le vene varicose è costituito dai seguenti fattori:

  • consultazione flebologo;
  • esame ecografico preliminare;
  • anestesia;
  • complessità dell'intervento chirurgico;
  • osservazione postoperatoria da parte di un medico.

Il costo della coagulazione laser delle vene varicose è anche influenzato dallo stadio di sviluppo della malattia, dalla localizzazione delle lesioni e dal loro numero.

Recensioni sulla rimozione laser delle vene varicose

Larisa, 40 anni, Ekaterinburg: “Il costo della procedura laser per la rimozione delle vene varicose è accettabile, ma ciò che mi ha attratto di più è che ci vuole solo un giorno. In questo caso, non senti dolore. Il risultato va bene. "

Igor, 45 anni, Voronezh: “Ho scoperto le vene varicose degli arti inferiori. Fu trattato con rimedi popolari, ma si rese conto in tempo che era meglio fare l'operazione. Dopo il laser, ho dimenticato questo problema. "

Tamara, 34 anni, Wedge: “Questa malattia è accompagnata da pesantezza alle gambe e dall'incapacità di resistere a lungo, oltre a brutti difetti esterni. Pertanto, ho deciso di eseguire un'operazione laser per eliminare le vene varicose. È andato tutto bene. Adesso sto bene. "

L'efficacia della terapia laser nel trattamento delle vene varicose

Le vene varicose sulle gambe non sono solo un problema estetico, ma anche una grave malattia. La varicosi non deve essere presa alla leggera, perché se questa malattia non viene curata e lo stile di vita non viene modificato, sono possibili gravi complicazioni, fino alla trombosi e all'amputazione degli arti.

Non appena il paziente si rende conto della gravità della malattia, di solito pensa al modo più efficace per sbarazzarsi della malattia. Il trattamento laser delle vene varicose è considerato uno dei metodi tecnologicamente più avanzati, poco traumatici ed efficaci disponibili nell'arsenale dei medici. Questo articolo discuterà le caratteristiche della terapia laser.

L'essenza del trattamento laser

L'essenza della terapia laser consiste nell'utilizzare l'effetto termico con cui viene eseguita la coagulazione vascolare.

L'essenza semplificata del processo può essere descritta come segue:

  1. Viene praticata una piccola puntura nella parte inferiore della gamba.
  2. Una fibra ottica collegata ad apparecchiature laser viene inserita nella vena interessata. Questo dispositivo è progettato per fornire flusso di energia.
  3. La radiazione della fibra viene assorbita dall'emoglobina, a seguito della quale viene rilasciato calore. Questo calore riscalda le cellule del sangue e le pareti venose.
  4. Come risultato dell'esposizione al calore, il sangue viene espulso dal sistema vascolare e la stessa vena viene, per così dire, saldata.
  5. Successivamente, il flusso sanguigno attraverso la vena "sigillata" si interrompe completamente. Il deflusso venoso viene ora effettuato attraverso altre vene – sane -.
  6. Al termine dell'operazione, il sito di puntura viene trattato con un antisettico locale e chiuso con una medicazione sterile. L'intera operazione dura circa 15-30 minuti.

Prima dell'operazione, i medici studiano le condizioni del paziente per determinare la posizione della vena interessata e scegliere l'opzione più efficace per la coagulazione laser. Al paziente viene assegnato un esame ecografico duplex. Durante lo studio, i medici sono determinati con una struttura venosa, il grado del processo patologico e la natura del disturbo del flusso sanguigno.

Nessuna procedura speciale di preparazione del paziente viene utilizzata il giorno dell'intervento chirurgico. In alcuni casi, è prescritto un sedativo per i pazienti. Poco prima dell'intervento, viene eseguito un altro angioscanning duplex.

La rimozione laser delle vene varicose si riferisce a una procedura che si distingue per la sua bassa invasività, la mancanza di perdita di sangue e le grandi incisioni. In connessione con questi fattori, il rischio di infezione postoperatoria è nettamente ridotto. Inoltre, il risultato di una minima invasività è l'assenza di danni ai tessuti e agli organi adiacenti, inevitabili durante un'operazione chirurgica eseguita con metodi tradizionali.

Un'operazione viene eseguita in anestesia locale in un istituto medico specializzato. Il processo operativo (movimento del LED e altre azioni) è controllato dal chirurgo mediante ultrasuoni in tempo reale.

Indicazioni per la chirurgia

Il trattamento laser delle vene varicose è indicato per le dilatazioni varicose delle vene safene grandi e piccole. Tuttavia, la terapia sarà efficace solo se le vene non saranno dilatate per non più di un centimetro. In questo caso, i vasi dovrebbero differire in modo uniforme, non presentare curve acuminate e i rami vascolari devono essere sani o leggermente dilatati.

In altre parole, l'operazione è indicata solo nella fase iniziale delle vene varicose, quando il processo è ancora debolmente espresso. Se la malattia viene iniziata e l'area interessata della nave viene espansa troppo, i chirurghi molto probabilmente non la prenderanno, perché c'è troppo rischio che l'effetto del trattamento scompaia rapidamente.

Nanovein  Ape gel salvata dalle recensioni sulle vene varicose

Va inoltre tenuto presente che il laser colpisce un'area molto piccola. Da un lato, questo è buono, dal momento che ti consente di non influenzare praticamente le aree circostanti. Tuttavia, d'altra parte, quando si tratta di una vasta area della lesione, così come delle vene profonde, il laser sarà inefficace. Con estese lesioni delle vene, si raccomandano altri metodi di terapia, inclusa la flebectomia classica.

Controindicazioni alla terapia laser

Oltre ai casi sopra descritti, esiste un elenco di controindicazioni per la correzione laser delle vene. In questo caso, le controindicazioni sono divise in relative e assolute.

Il trattamento laser per le vene varicose non è possibile con i seguenti problemi:

  • tendenza a formare coaguli di sangue e tromboflebite;
  • disturbi della circolazione sanguigna cronica e linfatica;
  • gravi cambiamenti patologici nelle pareti venose.

Nelle condizioni di cui sopra, l'operazione potrebbe causare danni ai vasi sanguigni o portare a grossi coaguli di sangue. Inoltre, l'operazione verrà rifiutata se per qualsiasi motivo il paziente non è in grado di spostare attivamente o indossare biancheria intima a compressione nel periodo postoperatorio. Senza l'attività motoria e l'uso di calze a compressione, l'operazione perde la sua efficacia in larga misura.

Esistono anche controindicazioni relative, in presenza delle quali l'operazione è in linea di principio possibile, ma deve essere temporaneamente rinviata.

Le controindicazioni relative includono:

  • processi infiammatori sulla pelle degli arti (specialmente se i fuochi si trovano vicino al sito della futura puntura);
  • eventuali malattie croniche nella fase acuta.

La ragione principale del fallimento in questi casi è la paura di possibili complicanze postoperatorie. Se il paziente ha risolto controindicazioni relative, si consiglia di curare prima i processi patologici esistenti e solo dopo che lo invitano alla chirurgia.

Inoltre, la terapia laser non viene eseguita durante la gravidanza o durante l'allattamento, poiché durante questo periodo il sistema immunitario umano è indebolito e il carico sulle gambe è maggiore del solito.

I chirurghi non sono troppo disposti ad accettare persone in sovrappeso. Tali pazienti hanno meno probabilità di tollerare l'anestesia. Inoltre, il sovrappeso ha un carico significativo sugli arti inferiori, che è irto di complicanze postoperatorie.

Periodo postoperatorio

Dopo il trattamento delle vene varicose con un laser, il paziente deve spostarsi lentamente e gradualmente in posizione verticale. Per prima cosa devi sederti e solo allora alzarti. Questo requisito è dettato dalla necessità di prevenire la possibilità di collasso della nave a causa di rapidi cambiamenti nella posizione del corpo.

Nella prima settimana dopo l'intervento chirurgico, i carichi significativi sulle estremità inferiori devono essere completamente eliminati, gli oggetti pesanti non devono essere sollevati, gli effetti termici sulle gambe devono essere evitati e non si deve visitare alcuna piscina. È gradualmente necessario aumentare gradualmente l'attività fisica – per camminare e andare in bicicletta, fare jogging leggero o nuotare.

Se l'occupazione del paziente non è associata a una significativa tensione delle gambe, è possibile tornare al lavoro il giorno dell'intervento. Si consiglia di camminare immediatamente dopo la rimozione laser delle vene varicose.

Dopo il trattamento laser delle vene varicose, si consiglia di indossare calze a compressione, necessarie per consolidare l'effetto terapeutico. I primi 2-3 giorni, gli indumenti compressivi vengono indossati senza decollare. Il grado di compressione è determinato dal medico curante. Dopodiché, se non ci sono complicazioni, il medico può permetterti di rimuovere la maglieria di notte.

Presta attenzione! Poiché indossare indumenti intimi a compressione è associato a qualche disagio, la terapia laser è di solito prescritta per la stagione fredda. Inoltre, il benessere dei pazienti nel periodo postoperatorio è generalmente migliore se l'operazione viene eseguita in un periodo non caldo.

La biancheria intima a compressione comprime leggermente la vena bloccata, impedendo il recupero della circolazione sanguigna nelle aree danneggiate. La durata di indossare biancheria intima a compressione viene gradualmente ridotta, poiché la nave su cui è stata eseguita l'operazione viene gradualmente stretta dal tessuto connettivo.

Se nel periodo di recupero aderire a tutte le raccomandazioni di un medico, eseguire la profilassi, allora le complicazioni possono essere evitate e la malattia sarà completamente guarita.

Possibili complicazioni e prevenzione

Il trattamento laser delle vene varicose è caratterizzato da un breve periodo di riabilitazione, indolore e una bassa probabilità di complicanze. Tuttavia, qualsiasi operazione comporta ancora un certo rischio. Tra le possibili complicanze, il dolore si trova più spesso nell'area della sezione operata della vena. Se il dolore persiste entro 48 ore, è necessario consultare un medico, poiché il dolore in corso può essere un sintomo di complicanze.

In caso di errori durante l'intervento chirurgico, sono possibili ustioni dei tessuti molli e della pelle, infiammazione e suppurazione dei tessuti e formazione di ematomi. Una complicazione molto rara è la trombosi venosa.

Oltre alla sindrome del dolore in corso, ci sono molti altri motivi per consultare un medico:

  1. I segni di un processo infiammatorio (pelle arrossata) sono visibili vicino al sito di puntura. Inoltre, l'aumento della temperatura locale e la comparsa di ulcere indicano infiammazione.
  2. Quando si cammina, si avverte dolore ai muscoli. Le gambe si gonfiano. La gravità degli arti operati è inquietante.
  3. La pigmentazione espressa apparve improvvisamente sulla pelle delle gambe.
  4. La temperatura corporea aumenta.
  5. Ci sono sensazioni insolite negli arti, ad esempio perdita di sensibilità.

Per rilevare i problemi in modo tempestivo, il giorno successivo all'intervento, si consiglia di visitare un flebologo. In futuro, secondo il programma stabilito dal medico, il paziente viene sottoposto a ulteriori esami programmati.

Per prevenire il ripetersi della malattia, il paziente sottoposto a intervento chirurgico deve eseguire alcune misure preventive:

  1. Mantenere un peso corporeo normale.
  2. Evita uno stile di vita sedentario o una posizione prolungata su una gamba. Devi anche abbandonare il lancio delle gambe a piedi mentre sei seduto.

  1. Mantieniti in forma mentre fai esercizi semplici senza sforzare le gambe.
  2. Mangia
  3. Rifiuta le dipendenze (fumo, bere alcolici).
  4. Indossa scarpe comode e leggere realizzate con materiali naturali. Rifiuta di indossare tacchi alti.

Vantaggi e svantaggi della terapia laser

Quindi, la rimozione del varicosio laser ha sia vantaggi che svantaggi.

I vantaggi della chirurgia laser includono le seguenti caratteristiche:

  1. Non è necessario trovare un paziente in ospedale. La chirurgia viene eseguita in regime ambulatoriale.
  2. L'operazione viene eseguita senza l'uso dell'anestesia generale – in anestesia locale. Di conseguenza, i pazienti tollerano bene l'analgesia.
  3. Grazie a piccole forature, la procedura offre un eccellente effetto cosmetico. Non ci sono difetti sulla pelle.
  4. Grazie all'uso di attrezzature moderne, le azioni vengono eseguite in modo molto mirato: sono le vene che vengono elaborate e i tessuti vicini praticamente non si toccano. Di conseguenza, si possono evitare complicazioni ed ematomi.

  1. L'operazione può essere eseguita sia su una gamba che su entrambe. Se stiamo parlando del funzionamento di due arti contemporaneamente, la terapia può richiedere fino a 40 minuti.
  2. Il periodo di riabilitazione è molto breve. Un'ora dopo la terapia laser, il paziente può tornare a casa. Puoi iniziare a lavorare fisicamente senza complicazioni nello stesso giorno.
  3. Le complicanze postoperatorie sono piuttosto rare.

Svantaggi del trattamento laser per le vene varicose:

  1. La tecnica non è adatta per il trattamento di forme gravi di vene varicose.
  2. Se il diametro delle vene è troppo grande, la terapia laser dovrà essere sostituita con una flebectomia classica più traumatica o combinare entrambi i metodi.
  3. È necessario indossare biancheria intima a compressione nel periodo postoperatorio.
  4. Il costo dell'intervento è più elevato che nel caso della flebectomia.

La decisione di utilizzare la terapia laser dovrebbe essere presa considerando attentamente tutti i pro e i contro dell'operazione imminente.

Il costo della terapia laser

Come notato sopra, uno degli svantaggi del trattamento laser per le vene varicose è l'alto costo della procedura. Il prezzo esatto dipende da molti fattori, come la complessità dell'operazione, l'attrezzatura utilizzata, lo stato della clinica e del chirurgo. Tuttavia, in media, la terapia laser avrà un costo nell'intervallo di 30-50 mila rubli. I costi del paziente non si limitano alle spese chirurgiche. È inoltre necessario pagare per le procedure diagnostiche e le consultazioni di un flebologo.

Tip! Va notato che le operazioni di questo tipo non sono urgenti e quindi è meglio pianificare in anticipo i costi finanziari futuri.

Le recensioni sulla terapia laser per le vene varicose nella maggior parte dei casi sono positive. I pazienti segnalano solo disagio durante l'inserimento del LED nella vena. Anche il periodo postoperatorio di solito scompare senza complicazioni, anche se alcuni pazienti lamentano una sindrome del dolore di tipo tirante nell'area della vena operata, che viene facilmente eliminata assumendo analgesici.

Lagranmasade Italia