Come prepararsi alla chirurgia della cataratta

La cataratta è una malattia comune in oftalmologia e oggi ci sono molti modi per sbarazzarsi della malattia. Uno di questi metodi è un'operazione per sostituire la lente dell'occhio.

Il trattamento chirurgico è considerato il metodo più affidabile per il trattamento della cataratta, poiché l'operazione non richiede molto tempo e la visione viene ripristinata molto rapidamente. Un ulteriore vantaggio è che non è necessario andare in ospedale.

Gli svantaggi di questo metodo sono i costi dell'operazione, dato che il più delle volte la malattia colpisce i pensionati, cosa che un'operazione del genere non può permettersi. Inoltre, l'operazione può avere conseguenze sotto forma di malattie degli occhi, ma ciò accade estremamente raramente.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Che cos'è la cataratta?

La cataratta è un annebbiamento della lente dell'occhio, precisamente quella parte dell'occhio che aiuta a focalizzare la luce sulla retina. Questa malattia è principalmente associata all'età a causa dell'invecchiamento cellulare, ma a volte può svilupparsi in caso di lesioni agli occhi, dopo radiazioni, intossicazione o essere congenita.

Il rischio di sviluppare la cataratta può essere aumentato da alcune malattie, come il diabete, nonché il fumo, il consumo di alcolici e l'esposizione ai raggi ultravioletti. La cataratta può essere su uno o entrambi gli occhi contemporaneamente, ma non può essere trasmessa da un occhio all'altro.

Con il trattamento medico, la cataratta non può essere eliminata, solo prontamente. Non è necessario un intervento chirurgico per rimuovere la cataratta, purché la visione ti permetta di condurre uno stile di vita familiare e non ci siano altre malattie oftalmiche urgenti. Il momento e il tipo di operazione sono scelti insieme al medico.

La chirurgia della cataratta viene di solito eseguita in regime ambulatoriale e può richiedere un po 'di preparazione da parte del paziente poco prima dell'intervento: forse assumere farmaci, cambiamenti nello stile di vita, che in qualche modo dovrebbero essere determinati durante il processo di recupero dopo la procedura.

La procedura stessa di solito richiede circa quindici minuti in un occhio. Tuttavia, è necessario calcolare il tempo trascorso in clinica per almeno due ore, compresi i tempi di preparazione e recupero.

Nella maggior parte dei casi, dovrai tornare dal chirurgo per un esame pochi giorni dopo la procedura. Dopo l'intervento chirurgico, l'occhio sarà coperto con una medicazione protettiva fino alla mattina successiva.

Alcune delle cose che potresti dover fare per prepararti alla chirurgia della cataratta includono:

  • Dieta. Evitare di bere liquidi e mangiare fino a 12 ore prima della procedura.
  • Trucco. Rifiuta i cosmetici durante l'operazione e il periodo di riabilitazione.
  • Preparare il corpo per l'anestesia: interrompere l'assunzione di alcuni farmaci che possono influenzare l'esito dell'operazione. Parla con il tuo medico di questo articolo.
  • In alcuni casi, il medico può prescrivere antibiotici: colliri, uno o due giorni prima dell'intervento, per ridurre il rischio di infezione.
  • Organizza qualcuno che ti porti a casa dopo l'intervento chirurgico.

Per accelerare il processo di guarigione dopo l'intervento chirurgico, dovrai controllarti per diversi giorni:

  1. Segui tutte le istruzioni del medico.
  2. Per eliminare l'irritazione e il disagio, vengono prescritti colliri, che vengono instillati rigorosamente secondo lo schema.
  3. Non inclinare la testa verso il basso il primo giorno dopo l'intervento chirurgico.
  4. Non dormire sul lato dell'occhio operato per i primi giorni, non strofinarlo o schiacciarlo, evitare di ottenere sapone e cosmetici.
  5. Evita qualsiasi attività faticosa, allenandoti e sollevando pesi, non fare il bagno nello stabilimento balneare un mese dopo l'operazione.
  6. Stare lontano dalla luce solare diretta e dalla luce intensa, proteggere gli occhi con gli occhiali da sole.
  7. Fino a quando la visione non si stabilizza, non guidare.

La visione degli oggetti è generalmente sfocata nei primi giorni. L'intero processo di guarigione di solito dura circa otto settimane, se hai problemi di vista, arrossamento degli occhi, gonfiore, nausea, vomito, tic, assicurati di contattare il medico.

Nuovi metodi di rimozione del disturbo

Il trattamento della cataratta viene attualmente effettuato principalmente con metodi chirurgici e consiste nella rimozione della lente naturale annebbiata e nella sua sostituzione con un analogo artificiale. Esistono diversi tipi di chirurgia della cataratta dell'obiettivo:

  • Estrazione extracapsulare,
  • Estrazione intracapsulare,
  • Facoemulsificazione ad ultrasuoni,
  • Trattamento laser.

Consideriamo più in dettaglio ciascuno di questi metodi.

Estrazione extracapsulare

L'estrazione extracapsulare comporta la conservazione della capsula del cristallino posteriore e la rimozione del nucleo e della massa cristallina del cristallino stesso. Il vantaggio principale di questo tipo di operazione è la conservazione della capsula, poiché la presenza della capsula consente di mantenere una certa barriera tra la parte anteriore dell'occhio e la cavità vitrea.

Il principale svantaggio di questa operazione è la sua elevata invasività. Durante l'intervento, l'oftalmoschirurgo esegue un'incisione sufficientemente grande della cornea dell'occhio, che porta alla necessità di suture postoperatorie.

Estrazione intracapsulare

L'estrazione intracapsulare comporta il "congelamento" dell'obiettivo mediante l'uso di un criobrobe e la sua rimozione attraverso un'incisione corneale. Prima dell'intervento, gocce e gocce di disinfettante vengono instillate nell'occhio per aiutare a dilatare la pupilla.

L'intervento viene eseguito in anestesia locale. Viene eseguita un'incisione corneale, la capsula della lente anteriore viene aperta e rimossa usando un crioestraente (la lente è "congelata" sulla punta), quindi il nucleo della lente viene rimosso e il sacco capsulare viene completamente pulito.

Un analogo artificiale viene installato al posto dell'obiettivo rimosso, dopo di che l'incisione viene sigillata. L'estrazione intracapsulare è considerata un intervento molto traumatico, sia a causa della grande incisione della cornea che a causa dell'elevato rischio di complicanze postoperatorie.

Facoemulsificazione ad ultrasuoni

Negli ultimi anni, la facoemulsificazione ad ultrasuoni è diventata il gold standard nella chirurgia della cataratta, un metodo meno traumatico e sempre più popolare per la rimozione dell'obiettivo e la sua sostituzione con una controparte artificiale.

La principale differenza rispetto ad altri metodi è la frantumazione della lente mediante ultrasuoni, che consente di ammorbidire e rimuovere la massa ammorbidita attraverso una piccola incisione nella cornea, evitando la necessità di lesioni agli occhi e suture postoperatorie.

In particolare, stiamo parlando del rischio di danni agli ultrasuoni alle strutture intraoculari e, soprattutto, all'epitelio corneale posteriore. Tuttavia, i nuovi metodi di trattamento della cataratta vengono costantemente migliorati e oggi il tempo di funzionamento dell'unità a ultrasuoni è significativamente ridotto, quindi anche il rischio di danni è ridotto.

Dopo la facoemulsificazione ad ultrasuoni, al posto della lente rimossa viene impiantata una lente artificiale flessibile.

Chirurgia laser

La chirurgia laser consente un trattamento efficace della cataratta nei casi in cui altri metodi sono controindicati, in particolare nello sviluppo di cataratta con un nucleo denso.

Lo schiacciamento del nucleo in questo caso è possibile solo con l'uso di ultrasuoni ad alta potenza per lungo tempo, tuttavia, tale ultrasuono danneggerà inevitabilmente le strutture intraoculari. Il taglio laser era molto più sicuro.

Altrimenti, la chirurgia laser è simile alla facoemulsificazione ad ultrasuoni: le masse delle lenti vengono rimosse dall'occhio attraverso una piccola incisione e al loro posto viene installata una lente artificiale flessibile.

Trattamento non chirurgico

Nei casi in cui non è possibile eseguire l'operazione, la cataratta può essere curata con metodi conservativi: le nuove gocce di cataratta create da scienziati statunitensi consentono di dissolvere l'accumulo di proteine ​​nell'obiettivo e ripristinarne la trasparenza. Finora, il farmaco è in fase di test e i primi test hanno già dimostrato la sua efficacia.

Cosa devi sapere sull'operazione?

Ora ci sono diversi tipi di chirurgia della cataratta. Questo è:

  1. estrazione extracapsulare;
  2. estrazione intracapsulare;
  3. facoemulsificazione laser;
  4. facoemulsificazione ad ultrasuoni.

Tutti sono solo modi diversi per rimuovere l'obiettivo interessato. L'operazione chiamata facoemulsificazione è un tipo di standard. È il meno traumatico per il paziente, che consente di ridurre al minimo i tempi della sua riabilitazione postoperatoria.

Letteralmente dopo 7-10 – in alcuni casi e meno di – un giorno dopo l'intervento chirurgico, una persona può già condurre il suo solito stile di vita, andare al lavoro, leggere, ecc. A seconda dell'attrezzatura che viene utilizzata durante l'operazione, si distinguono laser e facoemulsificazione ultrasonica.

L'anestesia viene utilizzata come al solito locale, in rari casi (se non ci sono controindicazioni) – generale. Le controindicazioni per il trattamento chirurgico sono:

  • esacerbazione di una malattia cronica;
  • infezioni virali respiratorie;
  • eventuali infezioni acute;
  • scompenso del diabete mellito;
  • stato di crisi ipertensiva;
  • meno di 6 mesi dopo infarto del miocardio;
  • malattia coronarica nella fase di scompenso;
  • emofilia.

costo

La maggior parte delle cliniche oftalmologiche utilizza il metodo chirurgico più avanzato di trattamento: la facoemulsificazione. Viene prodotto utilizzando apparecchiature costose, la cui base è la radiazione ultrasonica o laser.

Ciò determina in gran parte il costo dell'operazione stessa, che varia da 25 a 150 mila rubli per occhio. Qual è il costo di sostituzione di una lente artificiale?

  1. Stato della clinica oculistica. Il prezzo per la stessa procedura nel "budget" di un'istituzione medica può essere più volte inferiore rispetto a una clinica di livello VIP.
  2. Fattori complicanti Alcune operazioni vengono eseguite secondo uno scenario non standard, poiché altre patologie oculari sono state rivelate durante il processo diagnostico. Questo ci costringe a fare aggiustamenti alla procedura standard ed eliminare le conseguenze di altre malattie in un unico approccio.
  3. L'impianto utilizzato. La stessa lente artificiale è la parte del leone del costo. Se il paziente preferisce un modello IOL importato di alta qualità, il prezzo sarà più volte superiore rispetto a un obiettivo standard di produzione domestica. Confronta 50-100 mila rubli con 1-2 mila.
  4. Esperienza e professionalità del chirurgo. Nella stessa clinica, il costo dell'operazione varia a seconda di chi opera. I servizi di medici qualificati con uno status elevato, ovviamente, costeranno più del lavoro di un giovane specialista che sta appena iniziando la sua carriera.
  5. Periodo di riabilitazione. Dopo la facoemulsificazione, è necessario visitare più volte un oculista, che valuterà il risultato della procedura e prevenirà possibili complicazioni. A seconda del costo di una di queste tecniche, il prezzo finale della chirurgia della cataratta aumenterà.
Nanovein  Erbe dalle vene varicose sulle gambe

Il costo finale include anche i costi dell'esame preliminare e della preparazione: fare i test, condurre un elettrocardiogramma, identificare le malattie oculari concomitanti. Se la rimozione della cataratta è necessaria in entrambi gli occhi, quindi, i costi aumentano da qualche parte di 1,5 volte.

Quali test devono essere superati?

Qualsiasi intervento chirurgico comporta una preparazione approfondita. Questo vale anche per la rimozione della cataratta. Qualunque sia l'operazione del paziente, è tenuto a prepararsi adeguatamente e a superare i test. Poco prima dell'operazione, è necessario ottenere i risultati di tali studi:

  • Un esame del sangue per 2 tipi di epatite B e C.
  • Esame del sangue per RW.
  • Un esame del sangue generale per protrombina secondo Quick, INR, piastrine, fibrinogeno, livello di zucchero, ecc.
  • Analisi delle urine.

Tutti questi dati sono validi per non più di 1 mese dalla data di ricezione, pertanto si consiglia di eseguire i test poco prima dell'operazione. Non prima di 14 giorni prima dell'inizio dell'operazione, è necessario eseguire l'elettrocardiografia.

Inoltre, il paziente deve eseguire una radiografia del torace (radiografia). Questo studio è valido per un anno intero. Se il paziente ha eseguito la fluorografia per un anno, deve solo prendere un estratto dei risultati di questo studio.

Periodo di validità dei risultati del test:

  1. esami del sangue generali, esami delle urine, esami del sangue biochimici – 10 giorni;
  2. esami del sangue per infezioni (epatite B, C, HIV) – 6 mesi;
  3. sangue su RW – 1 mese;
  4. ECG – 1 mese;
  5. fluorografia – 6 mesi.

Dopo aver ricevuto tutti i risultati del test, dovrai visitare un terapista e ottenere un parere sulla possibilità di un intervento chirurgico. Dopo aver ricevuto questa conclusione, ti iscriverai a consultazioni preoperatorie gratuite con un anestesista e un oculista, che può essere completato lo stesso giorno.

Se i test sono in ordine, allora tu e il tuo medico pianificherete un'operazione per il giorno chirurgico successivo (non più di due settimane). Nel giorno stabilito, dovrai solo venire in clinica, dove avrai un intervento di cataratta. Il paziente operato già la sera dello stesso giorno è impegnato nei soliti affari a casa.

Quali medici dovrei visitare?

Oltre a superare i test di cui sopra, un paziente che si prepara a rimuovere una cataratta deve sottoporsi ad esame da parte di tali specialisti:

  • endocrinologo;
  • cardiologo;
  • Laura;
  • dentista;
  • ginecologo (donne), urologo (uomini);
  • terapeuta;
  • oculista;
  • l'anestesista.

La consultazione con un endocrinologo è particolarmente importante se il paziente ha il diabete mellito (di qualsiasi tipo). Dopo aver ricevuto i risultati dell'elettrocardiografia, è necessario consultare un cardiologo e ottenere la sua opinione.

Una visita a specialisti come uno specialista ORL, dentista, terapista e ginecologo / urologo è necessaria per rilevare eventuali malattie infettive e infiammatorie nel corpo.

Un paziente che sta per sottoporsi a un intervento di cataratta deve curare la carie, la tonsillite, la cistite e qualsiasi altra malattia di natura infettiva / infiammatoria.

È necessario eliminare qualsiasi focolaio di infezione che potrebbe influenzare negativamente il corso dell'operazione stessa e il periodo di riabilitazione postoperatoria. Naturalmente, è necessario un esame approfondito da parte di un oculista.

Il medico determina lo stadio dello sviluppo della cataratta, la presenza / assenza di altre malattie in cui non è possibile un intervento chirurgico. Sono determinati altri indicatori necessari per un intervento chirurgico di successo (ad esempio, la flessione della cornea dell'occhio per selezionare il tipo di impianto).

È inoltre necessaria la consultazione di un anestesista, che selezionerà l'anestesia più adatta per il paziente in termini di età e salute fisica durante l'operazione.

Non ci sono terminazioni nervose nella lente dell'occhio, quindi il paziente non sentirà dolore. L'occhio per un'operazione di così alta precisione deve semplicemente essere immobilizzato e questo richiede l'anestesia.

Come prepararsi alla chirurgia della cataratta?

Prima dell'operazione per rimuovere la cataratta, non si dovrebbe sperimentare un intenso sforzo fisico. Il paziente deve riposare, dormire e acquisire forza. È severamente vietato assumere droghe e bevande contenenti alcol.

La sera prima e la mattina prima dell'operazione, non puoi mangiare nulla. Bere liquidi dovrebbe anche essere limitato il più possibile. È necessario prestare estrema attenzione all'uso di farmaci.

Non è consigliabile assumere aspirina. Per tutti gli altri farmaci, dovresti assolutamente consultare il tuo medico. La chirurgia della cataratta viene eseguita in regime ambulatoriale. Il paziente viene in clinica, si sottopone a un intervento chirurgico e lo stesso giorno potrebbe già tornare a casa.

Prima di venire in clinica, dovresti fare una doccia, lavarti accuratamente i capelli, indossare comode mutande di cotone. Assicurati di portare con te scarpe pulite e pulite (comode pantofole), un passaporto e tutti i risultati dei test.

Prima dell'operazione per rimuovere la cataratta, se è stato confermato che potresti avere questo intervento, devi andare dal chirurgo che ti istruirà su ciò che deve essere fatto al fine di preparare l'operazione.

Tra le altre raccomandazioni, il medico consiglierà sicuramente quanto segue:

  1. Pianifica una vacanza al lavoro. Prima di tornare al normale orario di lavoro, la maggior parte delle persone ha bisogno di un giorno, almeno per riprendersi.
  2. Organizzare con i parenti il ​​trasporto in ospedale (o centro di oftalmologia), così come il giorno dell'operazione. La persona che ti accompagna dovrebbe sapere che l'intero processo della giornata operativa, dal momento della registrazione alla dimissione, di solito dura 2-3 ore. Dopo l'operazione, avrai bisogno dell'aiuto di una persona che accompagna nell'acquisizione dei farmaci raccomandati per il periodo postoperatorio e nel trasporto il giorno successivo per un'ispezione obbligatoria.
  3. Colazione il giorno dell'intervento chirurgico per fare luce o rifiutarlo, che dipenderà dalle raccomandazioni del medico. Di solito, almeno un giorno prima dell'operazione programmata, al paziente viene chiesto di astenersi dalle bevande alcoliche.
  4. Fai una doccia e lavati i capelli il giorno dell'intervento, ciò contribuirà a mantenere la sterilità in sala operatoria. Inoltre, indossare indumenti puliti e confortevoli.

La preparazione all'intervento comprende anche altre istruzioni e requisiti. Ad esempio, nella notte della procedura precedente, è meglio bere un calmante naturale (tintura di motherwort), questo ti aiuterà a rilassarti e riposare.

Vale la pena prendersi cura in anticipo dell'acquisto dei farmaci necessari per la cura dell'occhio operato. L'elenco di tali farmaci è meglio chiarito dal chirurgo, perché la loro nomina è strettamente individuale.

Un punto obbligatorio di preparazione per l'operazione è raccogliere un'anamnesi, dove è necessario raccontare in dettaglio tutte le malattie croniche e i disturbi, le reazioni ai farmaci. Andando in clinica, non dimenticare di prendere scarpe rimovibili, un accappatoio, calze.

Controlla se hai un passaporto e un accordo che confermano il pagamento della procedura. Immediatamente prima della procedura, le gocce verranno introdotte nell'occhio come preparazione, che dilaterà la pupilla e un'altra destinata all'anestesia locale. Di conseguenza, la tua visibilità diminuirà leggermente e si verificherà un leggero intorpidimento. Non preoccuparti di questo, dovrebbe essere così.

Corso di operazione

Nella clinica, un paziente può ricevere un lieve sedativo, dopo di che sarà preparato per un intervento chirurgico. La pelle intorno all'occhio viene trattata con uno speciale agente battericida per impedire ai batteri di entrare nell'incisione.

Quindi il paziente viene anestetizzato e coperto con salviette sterili, lasciando libera solo l'area dell'occhio che verrà operata. L'anestesia locale viene eseguita mediante iniezione nell'area intorno all'occhio operato.

Questa è una procedura completamente indolore, a seguito della quale si fermano i movimenti involontari del bulbo oculare. Ciò consentirà ai medici di eseguire un'incisione ad alta precisione, rimuovere il tessuto interessato della lente e impiantare con cura una lente intraoculare nella capsula.

Poiché le IOL sono ora realizzate in plastica molto morbida, si piegano facilmente. Ciò consente di inserire l'obiettivo al posto dell'obiettivo remoto attraverso una microincisione da 2 mm. Questa procedura minimamente invasiva non provoca alcun disagio al paziente e contribuisce a un recupero più rapido dopo l'intervento chirurgico.

È estremamente importante rispettare tutte le raccomandazioni del medico curante e assumere chiaramente i farmaci prescritti dopo l'intervento chirurgico secondo il programma prescritto. Ciò garantisce un recupero più rapido e aumenta le possibilità di un recupero riuscito della vista senza complicazioni.

Il giorno dell'intervento chirurgico, di norma, al paziente non è raccomandato di mangiare cibo a partire da mezzanotte. Al mattino puoi bere mezzo bicchiere di liquido. L'attuazione di questa raccomandazione di solito non è difficile, poiché le operazioni vengono eseguite al mattino e all'ora di pranzo il paziente può già mangiare.

Immediatamente nel centro chirurgico prima dell'intervento, il paziente viene instillato con colliri. Una goccia provoca la dilatazione della pupilla, facilitando il lavoro del chirurgo durante la rimozione della cataratta.

Altre gocce proteggono l'occhio dalle infezioni, hanno un effetto antinfiammatorio, prevengono l'aumento postoperatorio della pressione intraoculare e anestetizzano l'occhio. Gli appuntamenti specifici dipendono dagli standard adottati in una particolare clinica e dalle preferenze personali del chirurgo.

Prima di entrare in sala operatoria, il paziente è vestito con abiti sterili, i copriscarpe sono messi sulle scarpe, un cappello è posto sulla sua testa. Questo viene fatto per mantenere la sterilità nell'unità operativa. Nel dipartimento di anestesia, l'anestesista esamina il paziente, valuta le sue condizioni generali.

Al paziente viene misurata la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca. In assenza di controindicazioni all'operazione, viene dato un adeguato beneficio anestetico. Può includere l'iniezione intramuscolare di un farmaco sedativo (sedativo).

Nanovein  Cosa sono le vene varicose

Al contrario, in condizioni ottimali dal lato dell'occhio, una buona condizione generale e psicologica del paziente, nonché una sufficiente qualifica del chirurgo, viene eseguita solo l'anestesia a goccia senza una singola iniezione.

Indipendentemente da quale metodo di sollievo dal dolore viene scelto, i medici stanno facendo tutto il possibile per garantire che stare in sala operatoria sia il più confortevole e indolore possibile per il paziente.

Dopo il completamento delle procedure anestetiche, il paziente viene eseguito in sala operatoria, dove viene posto su un tavolo operatorio morbido. Il paziente è in posizione supina durante l'intervento chirurgico.

Un monitor di stato del polso e del gas è attaccato al dito della mano e un bracciale a tonometro viene messo sull'avambraccio per controllare la pressione sanguigna. Se necessario, viene installato un contagocce per la somministrazione endovenosa di farmaci.

In questo modo, anche l'occhio di coppia è chiuso. L'aria atmosferica fluisce liberamente verso il naso e la bocca del paziente. La respirazione non è difficile. Queste misure riducono il rischio di infezione agli occhi durante l'intervento chirurgico.

Durante l'intervento chirurgico, se l'anestesia generale non è stata scelta come metodo di anestesia, il paziente è cosciente e può parlare con il chirurgo. Tuttavia, durante l'operazione è meglio non parlare senza necessità, poiché la conversazione è accompagnata da movimenti della testa comparabili in volume alle piccole dimensioni delle strutture intraoculari.

Il paziente ha bisogno di rilassarsi, non si preoccupa di nulla e di assumere una posizione della testa comoda sia per sé che per il chirurgo. Le sensazioni visive durante l'intervento chirurgico, secondo i pazienti, sono molto sfocate. In genere, i pazienti vedono vari lampi di luce e straripamenti, il movimento delle ombre, ecc.

Durante un'operazione di solito di 10-15 minuti, è meglio non spostarsi e guardare direttamente la lampada del microscopio operatorio. Il chirurgo e i suoi assistenti faranno il resto. Alla fine dell'operazione, il chirurgo sigilla l'occhio operato con una medicazione sterile.

Durata

Durante la facoemulsificazione – il trattamento chirurgico della cataratta – il chirurgo rimuove l'obiettivo annebbiato e sostituisce l'impianto. Questa procedura richiede una preparazione: esame preliminare, superamento dei test, identificazione di altre malattie.

Allo stesso tempo, non è necessario mentire in ospedale: tutte le manipolazioni vengono eseguite ambulatorialmente. Un'operazione per rimuovere la cataratta non dura più di un'ora. Il più delle volte richiederà la sostituzione simultanea di entrambi gli obiettivi. Il trattamento di un occhio richiede circa 20-30 minuti.

Ci vorranno solo 15 minuti per chirurghi professionisti ed esperti. Il tempo di operazione include anche l'anestesia preliminare, che viene eseguita localmente mediante instillazione di gocce speciali. Il paziente è cosciente, ma non vede ciò che sta accadendo davanti ai suoi occhi: un occhio sano viene chiuso con un tovagliolo speciale.

Al termine della procedura, una persona è sotto la supervisione di un medico per diverse ore. Dopo essersi accertato che le complicazioni non fossero iniziate, è stato rilasciato a casa. Quindi non ci vorranno più di 6-8 ore per essere in clinica.

Sarà necessario molto più tempo se la rimozione della cataratta è accompagnata da altre misure terapeutiche sull'occhio. Ad esempio, quando il glaucoma e altre patologie vengono trattati contemporaneamente.

Periodo postoperatorio

Dopo l'intervento chirurgico per la cataratta, il paziente viene trasferito in un reparto postoperatorio. Ora può mangiare e bere. A seconda della situazione specifica e dei principi della clinica, il paziente può essere mandato a casa un paio d'ore dopo l'operazione o lasciato per 1-3-5-7 giorni di osservazione in un ospedale di un istituto medico.

Grazie ai risultati della moderna chirurgia della cataratta, il periodo di recupero è molto breve. La visione migliorata di solito è già evidente immediatamente dopo l'intervento chirurgico con anestesia con gocciolamento o poche ore dopo l'iniezione.

Molte persone possono tornare alle loro normali attività quasi immediatamente dopo un intervento di cataratta. Tuttavia, i medici consigliano ai loro pazienti di stare attenti e di non forzare l'espansione del regime fino a quando il paziente non si abitua alla sua visione di ritorno.

Ci sono restrizioni minime su busto in avanti, sforzo fisico e sollevamento pesi. Il diritto del lavoro russo garantisce il diritto di un lavoratore a un congedo per malattia di 1 mese dopo un intervento di cataratta.

Questo periodo può essere considerato come un periodo di contenimento desiderabile dal duro lavoro e dal sovraccarico. È necessario cercare di evitare lesioni alla testa e agli occhi e in nessun caso strofinare l'occhio operato.

I medici esaminano periodicamente il paziente nel periodo postoperatorio al fine di monitorare il modo in cui l'occhio operato guarisce e per essere sicuro che il paziente abbia ricevuto il massimo risultato. L'osservazione postoperatoria viene di solito effettuata direttamente dal chirurgo e dai suoi assistenti. Inoltre, il paziente potrebbe desiderare di essere osservato dal suo optometrista locale.

Come comportarsi dopo il trattamento?

Di solito, i farmaci antinfiammatori (steroidei e non steroidei) devono essere instillati entro 4 settimane dall'intervento, il più delle volte è desametasone e indocolly 1-2 gocce 4 volte al giorno e per 5 giorni vengono mostrate instillazioni di farmaci antibatterici, più spesso floxal o tobrex, anche 1-2 gocce 4 volte al giorno.

Poiché il tempo di instillazione di tutte e 3 le preparazioni coincide, si consiglia di fare una pausa di 10 minuti tra l'instillazione. Non raccomandiamo l'uso di farmaci combinati – steroidi e antibatterici (ad esempio, tobrodex), poiché i tempi di instillazione di steroidi e farmaci antibatterici non coincidono.

Usiamo questi tipi di gocce negli ospedali e in situazioni speciali quando è richiesto l'uso a lungo termine di un antibiotico. Fino a quando l'incisione non è completamente guarita, di solito entro 3 settimane, le regole di igiene devono essere seguite attentamente per non causare un processo infettivo.

Non puoi strofinare l'occhio operato con le mani, dormire sul lato dell'occhio operato, devi lavarti accuratamente le mani prima di instillare l'occhio. Si sconsiglia di lavare con acqua corrente.

Si consiglia di pulire la pelle delle palpebre con un batuffolo di cotone inumidito con acqua bollita a temperatura ambiente. Vale anche la pena astenersi dal fare sport, visitare la sauna, truccarsi durante questo periodo di tempo.

E ricorda che puoi sempre consultare un medico. Il programma degli esami dopo l'intervento chirurgico viene selezionato individualmente in base alla quantità di intervento chirurgico e alla patologia associata. Un'ulteriore correzione del punto è prescritta non prima di 3 settimane dopo il trattamento.

Possibili complicazioni

Immediatamente dopo l'operazione, molti pazienti avvertono dolore al bulbo oculare, al tempio o alla regione superciliare. Questo è normale, ma il dolore prolungato può indicare lo sviluppo di complicanze.

Le complicanze più comuni dopo la cataratta includono:

  • Cataratta secondaria (tempo di sviluppo – fino a diversi anni dopo la rimozione della cataratta primaria). Il motivo della cataratta secondaria è che durante l'intervento non sono state rimosse completamente tutte le cellule della lente interessate.
  • L'aumento della pressione intraoculare – si verifica sia a seguito di un trauma oculare durante l'intervento chirurgico, sia a causa di malattie concomitanti che il paziente ha, inosservanza del regime di riabilitazione e inclinazioni genetiche.
  • Distacco della retina: la causa più frequente sono le lesioni agli occhi durante l'intervento chirurgico e il mancato rispetto del regime postoperatorio.
  • Lo spostamento dell'obiettivo. Si sviluppa sia a causa di un errore medico durante un'operazione, sia a causa di una discrepanza tra la dimensione della lente impiantata e i suoi "supporti". Questa complicazione richiede un intervento chirurgico ripetuto.
  • Emorragia nella camera oftalmica anteriore – si sviluppa a causa di un'installazione errata della lente intraoculare o di una maggiore attività fisica nel periodo immediatamente successivo all'operazione. Trattamento – medico o chirurgico.
  • Edema retinico Di solito si sviluppa a causa della presenza di malattie concomitanti o del mancato rispetto del regime durante il periodo di riabilitazione.

Nel caso in cui l'operazione sia stata eseguita da un oculista esperto e il paziente abbia seguito rigorosamente le raccomandazioni relative al periodo di riabilitazione, il rischio di complicanze è minimo.

Restrizioni postoperatorie

La rimozione della cataratta è un intervento molto grave perché danneggia l'occhio, uno degli organi più complessi e vulnerabili. Per accelerare la guarigione, la riabilitazione nel periodo successivo all'operazione per rimuovere la cataratta richiede il rispetto di alcune regole:

  1. Rifiutarsi di sollevare pesi superiori a 4-5 kg, altrimenti esiste un alto rischio di un forte aumento della pressione intraoculare, comparsa di emorragie, gonfiore e persino distacchi della retina.
  2. Non inclinare la testa per molto tempo o troppo bruscamente – è irto di un aumento della pressione intraoculare.
  3. Rifiuta di visitare bagni e saune, prendi il sole sulla spiaggia o nel solarium o rimani a lungo in un bagno con acqua calda. Le alte temperature aumentano il rischio di emorragia intraoculare.
  4. Rifiuta dagli sport legati allo scuotimento: corsa, ciclismo, sci, salto. Altrimenti, esiste un alto rischio di distacco della retina.
  5. Non strofinare gli occhi, anche se è acquoso. Le lacrime devono essere accuratamente tamponate con tamponi di cotone sterili e devono essere eseguite solo sotto l'occhio, ma in nessun modo secondo la palpebra stessa.
  6. Smetti di fumare e bere alcolici, limita la quantità di liquidi che bevi a 1,5 litri al giorno, minimizza il consumo di cibi grassi, affumicati, fritti e salati.
  7. Le donne non sono consigliate di usare il trucco.
  8. La riabilitazione dopo un intervento chirurgico di cataratta comporta anche il rifiuto di guidare un'auto. Con il miglioramento delle condizioni, l'elenco delle restrizioni sarà ridotto.

Corretta routine quotidiana

Il recupero dopo la rimozione della cataratta non implica una stretta aderenza al riposo a letto, ma richiede una significativa limitazione dell'attività fisica. Qualsiasi attività fisica può continuare solo fino a quando il paziente non avverte nemmeno una leggera fatica.

Visita l'oculista secondo la frequenza raccomandata. Il recupero dopo l'intervento chirurgico (la cataratta è efficacemente curata solo dall'intervento chirurgico) comporta anche l'uso di colliri.

Le gocce prescritte da un oculista aiutano a lenire l'irritazione degli occhi, a proteggere dal contatto con agenti patogeni e ad accelerare la riparazione dei tessuti.

Lagranmasade Italia