Coagulazione delle vene degli arti inferiori con terapia laser

Le vene varicose – una malattia in cui viene disturbato il deflusso di sangue e si forma il ristagno nelle estremità inferiori. Se nelle prime fasi si tratta di un difetto estetico minore, nel tempo la malattia si sviluppa in un grave problema che può essere risolto solo chirurgicamente. Come opzione di trattamento parsimonioso, al paziente viene offerta la coagulazione laser delle vene degli arti inferiori.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Il pericolo di vene varicose

Le vene varicose nella versione avanzata della malattia, secondo gli esperti, espongono il paziente a un pericolo significativo. Le complicazioni che portano alla disabilità e alla comparsa di disabilità (ulcere trofiche, dermatiti, sanguinamento) portano alla formazione di coaguli di sangue. Oltre alle vene ostruite, un coagulo può staccarsi e, passando attraverso il sistema circolatorio, bloccare le arterie vitali, causando gravi disturbi al corpo o morte.

Idea generale della procedura

I metodi di trattamento per i pazienti con vene varicose hanno subito cambiamenti significativi nell'ultimo decennio. La scansione fronte-retro mediante ultrasuoni, utilizzata per visualizzare l'afflusso di sangue nelle vene, fornisce un quadro completo che consente di giudicare le condizioni generali del sistema circolatorio.

Le caratteristiche anatomiche di una persona sono tali che il sangue viaggia nelle arterie (dal cuore alle gambe) e nelle vene (nella direzione opposta). Con l'aiuto di attrezzature moderne, è possibile esaminare visivamente il sistema venoso e risolvere i minimi problemi nel sistema di deflusso del sangue. Questa procedura viene spesso utilizzata in caso di sospette vene varicose per determinare la quantità e il livello di deformità delle vene.

Il sistema venoso contiene valvole unidirezionali, che consentono al flusso sanguigno di ritornare dalle dita degli arti inferiori verso l'alto, verso il cuore. In caso di violazione della funzionalità normativa delle valvole venose, il sangue inizia ad accumularsi nelle estremità inferiori con un graduale aumento delle vene.

Dopo il trattamento del paziente, vengono eseguiti un esame iniziale e un'ecografia duplex, seguiti dallo sviluppo delle fasi del trattamento. Il reindirizzamento del sangue necessario per il recupero (dalle vittime di patologie venose a quelle sane) viene eseguito utilizzando una delle procedure:

  • coagulazione laser endovasale: la procedura viene eseguita utilizzando una tecnica intravascolare. L'esposizione al laser porta alla coagulazione della nave, sotto l'influenza dell'energia termica. Le pareti della nave collassano e si risolvono: una terapia simile viene utilizzata solo per il sistema venoso (vene con un diametro del lume fino a 10 mm e una superficie completamente piatta);
  • endovascolare – utilizzato dai pazienti per il trattamento di una grande vena safena quando è impossibile funzionare a compressione normativa degli arti inferiori, è associato alla presenza di obesità in un paziente;
  • percutaneo – eseguito senza contatto diretto con la pelle, è prescritto in presenza di stelle vascolari (reticolari) con espansione varicosa, dopo l'applicazione di manipolazioni, il difetto scompare.
Nanovein  Come rimuovere le vene delle gambe Come trattare le vene varicose - e perché non aiuta

vantaggi della procedura

La coagulazione laser endovenosa si distingue tra gli altri metodi di trattamento delle vene varicose con una serie di innegabili vantaggi:

  • la completa assenza di dolore con anestesia tumescente somministrata al paziente prima dell'intervento chirurgico;
  • condizioni ambulatoriali per manipolazioni e assenza della necessità di cure ospedaliere, dopo un'ora dopo l'operazione, il paziente torna a casa;
  • alta efficienza della procedura;
  • mancanza di necessità di anestesia generale e spinale, tutte le azioni specialistiche vengono eseguite in anestesia locale;
  • la riduzione del rischio di possibili complicanze postoperatorie è ridotta a zero (non ci sono lividi, contusioni, infezioni unite e brutte cicatrici del tessuto connettivo);
  • quantità minima di difetti estetici della pelle (luogo di guarigione rapida di una puntura);
  • periodo postoperatorio a breve termine: il giorno successivo il paziente può condurre uno stile di vita familiare senza disagi e limitazioni;
  • la possibilità di ripetute manipolazioni;
  • bassa invasività della procedura – nessuna necessità di più incisioni chirurgiche – l'intera operazione viene eseguita utilizzando una singola puntura cutanea.

Indicazioni e controindicazioni all'intervento chirurgico

Si raccomanda la coagulazione delle vene con vene varicose:

  • con una violazione della funzionalità delle valvole venose;
  • lesioni trofiche delle vene;
  • vene varicose della vena safena;
  • ulcera peptica degli arti inferiori (trofica) non suscettibile di terapia locale.
  • nelle malattie vascolari acute e croniche;
  • alterazioni aterosclerotiche nel sistema venoso;
  • processi infiammatori sulla pelle delle gambe;
  • cardiopatia ischemica;
  • trombofilia;
  • sovrappeso (media e alta obesità);
  • se la coagulabilità del sangue è bassa con l'assunzione costante di farmaci appropriati;
  • persone disabili – sedie a rotelle – l'impossibilità di un successivo sforzo fisico nell'area operata, che deve essere eseguita dal paziente a colpo sicuro.

Preparare il paziente alla manipolazione

Prima della procedura, un medico specialista effettua una consultazione preliminare, con la familiarizzazione del paziente con tutte le sfumature:

  • familiarizzazione con tutte le complicazioni a seguito di un intervento chirurgico che possono teoricamente insorgere;
  • costi materiali per il trattamento e il periodo postoperatorio;
  • raccolta di informazioni su medicinali e sostanze vegetali prese dai pazienti al momento della raccolta di informazioni;
  • un'anamnesi della presenza di reazioni allergiche ai farmaci degli antidolorifici, effetti anestetizzanti durante precedenti interventi chirurgici, inclusa una reazione all'anestesia dentale;
  • Prima del trattamento, il paziente deve interrompere l'assunzione di farmaci per fluidificare il sangue (aspirina, farmaci antinfiammatori non steroidei, ecc.);
  • il paziente ha bisogno di togliersi dall'armadio stringendo e ostacolando il movimento degli indumenti, notandolo in modo più confortevole;
  • rimuovere tutti i gioielli che interessano l'area trattata (cavigliere, catene per le cosce, punte dei piedi, piercing);
  • depilazione dalla pelle delle gambe (rasatura).

Prima di decidere la necessità di un intervento chirurgico, viene eseguito un esame ecografico dei vasi degli arti inferiori. Quando è risolto:

  • dimensione della nave;
  • lavoro generale del sistema circolatorio;
  • pervietà e larghezza del lume.

In totale, la preparazione per la procedura richiede circa due giorni.

Procedura diretta

1. La coagulazione laser endovascolare della vena viene eseguita in modo identico endovenoso.

  • Scansione duplex delle vene degli arti inferiori e loro marcatura sulla pelle.
  • Viene eseguita l'anestesia dell'area operativa con anestetici locali (per via sottocutanea).
  • Passa una puntura di una vena e una fibra viene inserita in essa, con un ulteriore rifornimento di radiazione laser.
  • Controllo costante della temperatura nel sito di puntura (input di fibra).
  • A poco a poco, le pareti della vena interessata vengono coagulate e saldate, dopo di che vengono rimossi gli strumenti improvvisati e l'area interessata viene disinfettata e bendata.
Nanovein  Come indossare calze a compressione per le vene varicose in modo che non scivolino

L'intera procedura richiede circa un'ora, in casi leggeri – mezz'ora. Dopo la fine delle procedure mediche, viene messa una calza medica sull'arto e il paziente deve camminare per mezz'ora. In assenza di lamentele da parte del paziente e segni evidenti di manipolazioni errate, il paziente viene rimandato a casa.

2. Coagulazione laser percutanea delle vene degli arti inferiori

Passa senza contatto diretto con la pelle del paziente. Usando un laser, le vene vengono riscaldate a 70 gradi e ulteriormente saldate. Molto spesso, la rete vascolare viene rimossa in questo modo, con un diametro di piccoli vasi fino a 3 mm. Preparazione preliminare prima che la manipolazione non venga eseguita, la pelle viene trattata con un anestetico a base di gel. L'apparecchiatura operativa consente di controllare la temperatura e l'area di influenza (l'area dell'area operata), dopo la fine della procedura si verificano piccoli arrossamenti sotto forma di punti che passano indipendentemente dopo pochi giorni.

Periodo postoperatorio

Il periodo di riabilitazione richiede il rispetto di alcune regole:

  • indossare calze a compressione o biancheria intima (nella prima settimana – 2 ore su XNUMX, dopo – solo durante il giorno per XNUMX mesi);
  • cammina all'aria aperta;
  • è vietata qualsiasi attività fisica – escludere visite in palestra, yoga, ecc.
  • corretta alimentazione e terapia vitaminica;
  • rifiuto di scarpe col tacco alto;
  • indossare scarpe ortopediche;
  • l'esclusione delle cattive abitudini per il corpo, in particolare il fumo costante.

Possibili complicazioni

Con la corretta osservanza di tutte le raccomandazioni degli specialisti, la coagulazione delle vene degli arti inferiori avviene senza complicazioni. In rari casi, si verificano effetti collaterali:

  • bruciore della pelle – un cambiamento di colore, lividi, ematoma di piccole dimensioni;
  • sensazione di bruciore e formicolio nell'area della vena distante;
  • dolore per diversi giorni dopo l'intervento chirurgico;
  • livello subfebrile della temperatura corporea;
  • la tensione venosa, che interferisce con la libera circolazione – raramente riscontrata, passa indipendentemente durante il mese solare.

Misure preventive

Per prevenire il ripetersi o lo sviluppo primario della malattia, è necessario osservare alcuni standard:

  • monitoraggio continuo del peso corporeo – rifiutare un eccesso di cibo, ridurre l'eccesso di peso con una corretta alimentazione e diete;
  • Non rimanere per un lungo periodo di tempo in una posizione (in piedi o seduto), spostati costantemente;
  • non gettare una gamba sull'altra in posizione seduta per evitare il blocco del flusso sanguigno e lo sviluppo della compressione delle vene;
  • rifiutare di usare sigarette e altri prodotti contenenti nicotina;
  • Evita di bere regolarmente
  • indossare scarpe basse o tacchi non deve superare i 5 cm;
  • Esercizio fisico, camminare per diverse ore al giorno.

Risultati di

La coagulazione laser delle vene degli arti inferiori è diventata la più popolare nella medicina moderna, con il suo numero di evidenti vantaggi e svantaggi individuali. Tutte le sfumature e le possibili controindicazioni sono spiegate al paziente in consultazione diretta con il medico curante, dopo di che la procedura è consentita o vietata.

L'autotrattamento di questa malattia è irto di una serie di gravi complicanze e di una transizione a un livello grave dello sviluppo della malattia. I farmaci ampiamente pubblicizzati possono ridurre lo sviluppo della malattia solo nelle fasi iniziali e se usati correttamente. Tutti i farmaci devono essere utilizzati solo dopo l'approvazione di uno specialista e sotto la sua diretta supervisione.

Lagranmasade Italia