Chirurgo del piede

I sistemi circolatorio e linfatico intrecciano tutto il nostro corpo. Prima o poi, ogni persona ha problemi con alcuni tipi di navi. Esiste un numero enorme di tali malattie, congenite e acquisite, e per il loro trattamento sono necessari diversi specialisti.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Quali medici dovrei contattare?

Se hai problemi con le navi coronariche, avrai bisogno dell'aiuto di un cardiologo. Se la circolazione del sangue nel cervello è compromessa, è necessario contattare un neurologo. Uno stretto specialista che si occupa di patologie delle vene si chiama flebologo, arterie – un angiologo. Molte malattie di vene, arterie, vasi linfatici richiedono l'intervento di un chirurgo vascolare. Le malattie sistemiche del tessuto connettivo, un sintomo che può essere un'infiammazione della parete vascolare (vasculite), sono curate da un reumatologo.

Pertanto, per il trattamento delle malattie vascolari, possono essere richiesti specialisti di diversi rami della medicina. Oltre a quanto sopra, puoi anche chiamare un dermatologo, immunologo, oncologo, allergologo, chirurgo.

Quale medico tratta le vene varicose

Al giorno d'oggi, le patologie delle vene sono molto comuni, vale a dire vene varicose, insufficienza venosa cronica, flebite, tromboflebite, trombosi. Per il loro trattamento c'è un medico speciale per le vene – un flebologo, e se non esiste un tale medico, viene sostituito da un chirurgo vascolare o un chirurgo generale.

Questo è un medico di profilo ristretto impegnato in:

diagnosi di malattie venose; trattamento dei disturbi venosi di qualsiasi localizzazione; prevenzione delle malattie venose.

Quando contattare uno specialista

Questo specialista dovrebbe essere consultato se ci sono sintomi di disturbi vascolari, che includono:

gonfiore delle estremità inferiori; pesantezza e affaticamento delle gambe alla fine della giornata o dopo aver camminato; bruciore e dolore alle gambe; crampi notturni dei muscoli del polpaccio; comparsa di una rete viola di piccoli vasi sotto la pelle; vene sporgenti sulle gambe.

Tutte queste manifestazioni possono essere segni di vene varicose, che sono difficili da trattare e progrediscono rapidamente, quindi è necessario andare dal medico il prima possibile. Se ci sono pazienti con vene varicose in famiglia, è meglio non aspettare che compaiano i sintomi, ma consultare un flebologo ai fini della prevenzione. Questa malattia è spesso complicata dall'infiammazione delle pareti vascolari con la formazione di coaguli di sangue. Lo stesso medico, un flebologo, tratta la tromboflebite.

Le vene varicose degli arti inferiori sono il più comune, ma non l'unico tipo di vene varicose. La malattia può colpire i vasi del bacino, dell'esofago, dei genitali esterni e del retto.

È particolarmente difficile diagnosticare le vene varicose pelviche, a cui sono esposte principalmente le donne dai 17 ai 45 anni. I sintomi nella maggior parte dei casi non sono specifici e possono essere caratteristici di altre malattie. La malattia può essere sospettata dai seguenti segni:

dolore nella parte inferiore dell'addome; scarico dai genitali; forte dolore all'addome durante le mestruazioni; compromissione della minzione; dolore nella zona genitale; vene dilatate nel perineo, nelle cosce e nei glutei.

Quando compaiono tali sintomi, molte donne li attribuiscono a problemi ginecologici. Molto spesso, non gli viene in mente che possono essere le vene varicose del bacino piccolo ed è necessario l'aiuto di un flebologo.

Il sintomo principale delle vene varicose della piccola pelvi nelle donne è il dolore nell'addome inferiore e un'abbondante scarica causale dai genitali

Come un medico fa una diagnosi

Quando contatta il paziente, effettua un esame visivo e prescrive un esame completo, che comprende metodi di laboratorio e strumentali. Sulla base dell'anamnesi e di questi studi, il medico curante effettua una diagnosi accurata.

Esame del sangue (coagulogramma)

tempo di protrombina (attività dei fattori di coagulazione e tasso di coagulazione del sangue); quantità e qualità del fibrinogeno; tempo di trombina (tasso di conversione del fibrinogeno in fibrina); indice di protrombina (rapporto del tempo di protrombina del sangue del paziente rispetto allo stesso indicatore del campione di plasma di controllo).

Per la diagnosi delle vene varicose delle gambe, viene spesso prescritto un esame ecografico

Ultrasuoni: dopplerografia vascolare, scansione triplex; radiografia con introduzione di un mezzo di contrasto nel vaso – flebografia; valutazione del flusso sanguigno venoso utilizzando un metodo accurato e minimamente invasivo – fleboscintigrafia; flebomanometria – un metodo che consente di misurare la pressione nelle vene.

La rimozione chirurgica delle vene varicose è uno dei trattamenti più efficaci.

In che modo un flebologo tratta le vene varicose?

Il trattamento dipende da molti fattori: le condizioni generali del paziente, la gravità dei sintomi, la gravità della malattia, la localizzazione del processo patologico.

Ad oggi, vengono utilizzati i seguenti metodi di trattamento delle vene varicose:

Terapia conservativa. Al paziente vengono prescritti farmaci per uso interno e rimedi locali sotto forma di gel e unguenti. La biancheria intima elastica speciale normalizza il flusso sanguigno, previene la formazione di edema e facilita le condizioni di una persona. Indicato per scleroterapia di piccole vene. Assegnare solo dopo un esame approfondito in assenza di controindicazioni. Una medicina speciale viene iniettata nella nave, che incolla le sue pareti. Il lume si chiude e la vena viene rimossa dal sistema circolatorio. Metodi chirurgici. Questi includono flebectomia e miniflebectomia meno traumatica. L'operazione viene eseguita da un chirurgo flebologo. Durante l'intervento chirurgico, l'area interessata della vena viene rimossa Coagulazione laser. L'operazione viene eseguita su vene perforanti e superficiali e viene eseguita senza incisioni. Il metodo si basa sull'effetto termico del raggio laser sulla superficie interna del vaso, con conseguente chiusura (cancellazione) della vena. Questo metodo ha controindicazioni, tra cui aterosclerosi grave, anemia, insufficienza renale e cardiaca, aumento della coagulazione del sangue.

conclusione

È bene che ci siano medici speciali che aiuteranno le nostre navi in ​​caso di malattia. Ma è importante non dimenticare che la principale responsabilità per la salute delle vene e delle arterie spetta ai pazienti stessi. E i medici non sono stanchi di ripetere che, nonostante la predisposizione genetica alle malattie, ci sono fattori che possono essere corretti. Ciò riguarda principalmente lo stile di vita. Niente distrugge i vasi sanguigni come il fumo e uno stile di vita sedentario.

Lo sviluppo delle vene varicose colpisce un gran numero di persone. Pazienti che si trovano ad affrontare un problema così spiacevole come una sensazione di pesantezza e dolore alle gambe, la comparsa di un modello vascolare – meraviglia delle "stelle": come si chiama il medico per vene e vasi sanguigni?

In questo caso, è necessario contattare i medici delle seguenti specialità:

Flebologi Chirurghi vascolari Angiologi

Molto spesso, alla prima visita in clinica, è necessario chiedere aiuto a un flebologo

Insieme ai medici, lavoro spesso con specialisti specializzati nella ricerca: diagnostica ecografica, angiografia.

Se il paziente non sa esattamente quale medico dovrebbe andare in una fase o nell'altra della malattia, è possibile contattare uno specialista di una di queste qualifiche.

Un flebologo è uno specialista che studia le caratteristiche anatomiche e fisiologiche dei cambiamenti normali e patologici nel deflusso del sangue, le manifestazioni cliniche delle malattie dei vasi degli arti inferiori.

La competenza di un flebologo comprende la diagnosi e il trattamento di tali malattie:

Vene varicose Vene varicose Insufficienza venosa cronica Trombosi. Tromboflebite. Ulcere trofiche.

Nanovein  Che cosa ha l'endometrio dell'utero in ginecologia

Alle persone con una predisposizione ereditaria allo sviluppo delle vene varicose si consiglia di visitare sistematicamente un flebologo per rilevare tempestivamente la malattia in una fase precoce e adottare le misure necessarie.

Un flebologo è impegnato in un esame iniziale. I pazienti di tutte le età si rivolgono al medico di questa specializzazione. Spesso – si osservano giovani donne le cui gambe fanno male dopo aver camminato o quando sono in piedi per un po 'o si osserva la formazione di una rete vascolare.

Come è la diagnosi della malattia?

Nella maggior parte dei casi, il flebologo lavora in tandem con un altro specialista qualificato specializzato nella diagnosi della malattia attraverso un esame ecografico. Lo specialista esegue la procedura e il medico in questo momento controlla visivamente lo stato dei vasi sanguigni e delle vene, conduce un sondaggio orale del paziente sul suo stile di vita, malattie ereditarie.

Dovresti anche sapere come chiamano un medico le vene degli arti inferiori, che eseguono un esame radiografico dello stato dei vasi – un angiografo. Durante l'esame, uso speciali farmaci radiopachi.

Inoltre, un flebologo può prescrivere le seguenti procedure diagnostiche:

Flebomanometrii. Venografia. Flebostsintigrafii. Scansione duplex.

In base ai risultati dell'esame, il medico seleziona il regime terapeutico necessario e prescrive le procedure terapeutiche.

È necessario seguire le raccomandazioni del flebologo che aiuteranno a prevenire l'ulteriore progressione della malattia: astenersi da cattive abitudini, non fare bagni caldi, non andare in sauna, eseguire versamenti freddi sugli arti inferiori, eliminare l'eccesso di peso, indossare scarpe comode, biancheria intima a compressione speciale e maglieria. Non è fortemente raccomandato essere in posizione seduta, con le gambe incrociate.

Come può aiutare un chirurgo vascolare?

Il chirurgo vascolare è uno specialista in medicina clinica, che si occupa della diagnosi, del trattamento e della prevenzione delle malattie dei vasi sanguigni, delle vene e delle arterie.

Condizioni che richiedono cure mediche immediate in questa specializzazione:

Lo sviluppo di gravità e dolore alle gambe. La manifestazione del modello vascolare – "stelle". Le vene varicose degli arti inferiori. Lo sviluppo di arrossamento e senso di oppressione alle estremità inferiori. Oscuramento e necrosi dei tessuti delle dita, dei piedi. Ulcere non cicatrizzanti a lungo termine.

I chirurghi vascolari controllano le condizioni e il funzionamento dei vasi sanguigni e possono offrire metodi di terapia sia conservativi che radicali.

Esame che un chirurgo vascolare può prescrivere

Un chirurgo vascolare può inoltre prescrivere i seguenti tipi di diagnosi: ecografia dei vasi sanguigni, angiografia a raggi X, ecografia duplex dei vasi delle gambe.

Al fine di valutare le condizioni e le caratteristiche del flusso sanguigno, nonché di studiare un esame del sangue biochimico, il chirurgo prescrive un esame del sangue generale e biochimico, un'analisi delle urine generale e una procedura di coagulazione.

Quali trattamenti può offrire un chirurgo vascolare?

I chirurghi vascolari sono spesso indicati da pazienti con una forma avanzata della malattia. Sulla base dei risultati dell'esame, il medico può prescrivere le seguenti procedure:

Scleroterapia (stelo e puntura) nella diagnosi delle vene varicose degli arti inferiori. Intervento chirurgico che coinvolge tecnologie mini-invasive. Ecoscleroterapia: la rimozione delle vene dilatate viene eseguita sotto il controllo di uno scanner speciale.

Alcuni specialisti in chirurgia vascolare propongono il restauro di vasi danneggiati usando il metodo della chirurgia gravitazionale.

Il medico aiuterà a sviluppare correttamente un regime farmacologico adatto per il trattamento dei vasi colpiti, prescrivere una terapia compressiva. Ai fini della prevenzione, nonché durante il trattamento e durante il periodo di recupero di un intervento chirurgico, il medico prescrive un adeguato regime di fisioterapia.

Nel qual caso dovresti consultare un medico

Si consiglia di consultare specialisti nel trattamento delle vene delle gambe con lo sviluppo dei seguenti sintomi:

Gravità ed eccessiva affaticamento degli arti inferiori anche dopo uno sforzo fisico intenso e una deambulazione. Gonfiore, dolore, sensazione di bruciore. Crampi ai muscoli del polpaccio, che si verificano principalmente di notte. La formazione di un modello vascolare – "stelle" e sporgenza delle vene.

Dopo aver ricevuto informazioni su quale medico è coinvolto nel trattamento delle vene varicose delle gambe, è necessario cercare un aiuto medico qualificato in modo tempestivo. L'automedicazione con metodi popolari e domestici può essere inefficace e può solo peggiorare il decorso della malattia.

Le vene varicose e altre malattie vascolari sono abbastanza comuni, quindi prima o poi potrebbe essere necessario consultare un medico. Chiunque nota problemi con le vene a casa, si sta chiedendo: qual è il nome del medico che si occupa delle malattie vascolari?

La diagnosi e il trattamento delle patologie vascolari hanno coinvolto diversi specialisti: flebologo, chirurgo vascolare, angiologo. A seconda delle cause che hanno causato la malattia e delle caratteristiche del suo decorso, potrebbe essere necessario l'aiuto di medici di altre specialità. La necessità di ulteriori consultazioni è determinata dopo l'esame iniziale e la raccolta della storia del paziente.

Gravità, sensazione di bruciore e indolenzimento alle gambe, comparsa di edema e reti vascolari possono indicare problemi alle vene. In presenza di tali sintomi, è necessario contattare uno specialista chiamato flebologo. Questo medico studia il movimento normale e patologico del sangue attraverso i vasi degli arti inferiori, determina la violazione del deflusso del sangue, stabilisce la causa dello sviluppo di processi patologici e prescrive un trattamento appropriato.

Un flebologo diagnostica e cura le seguenti malattie:

vasi varicosi nelle gambe; insufficienza venosa cronica; trombosi.

È necessario consultare questo specialista se si sospetta lo sviluppo di tromboflebite e gravi alterazioni del tessuto trofico.

Dovresti consultare un medico non solo dopo la comparsa dei sintomi della patologia. Si consiglia alle persone soggette a malattie vascolari di sottoporsi periodicamente a esami preventivi. Ciò contribuirà a identificare le vene deformate nelle prime fasi della malattia e condurre il trattamento fino al momento in cui si verificano cambiamenti irreversibili nelle gambe.

Come è la diagnosi

Durante la prima visita, il medico effettua un esame visivo del paziente, raccoglie un'anamnesi e prescrive gli studi di laboratorio e strumentali necessari per effettuare una diagnosi accurata. Prima di tutto, viene eseguito un coagulogramma – uno studio che aiuta a stabilire parametri come l'attività della coagulazione del sangue e la sua velocità. Le tecniche hardware comprendono la scansione ad ultrasuoni delle aree interessate, la flebografia (radiografia con un agente di contrasto introdotto nella cavità venosa), la fleboscintigrafia (valutazione del flusso sanguigno all'interno delle vene).

Il medico effettua la scelta del trattamento in base alle condizioni del paziente, ai risultati dell'esame e alla localizzazione della malattia.

Il trattamento delle vene varicose e di altre patologie vascolari può essere effettuato in uno dei seguenti modi:

La terapia conservativa consiste nell'uso di farmaci per uso esterno e interno. Indossare calze a compressione consente di migliorare il flusso sanguigno attraverso i vasi e prevenire la loro ulteriore deformazione, per alleviare le condizioni generali del paziente. La scletoterapia viene utilizzata per sigillare le piccole vene varicose e consiste nell'introdurre una sostanza chimica speciale che incolla le pareti venose nella cavità vascolare. La coagulazione laser consente il trattamento delle vene varicose senza ferire la pelle e i tessuti più profondi. Sotto l'influenza termica della radiazione laser, si verifica l'obliterazione della nave interessata e il suo ulteriore riassorbimento.

Come può aiutare un chirurgo vascolare?

Un altro medico che cura varie malattie vascolari è un chirurgo vascolare. Questo è uno specialista che svolge attività di diagnostica, trattamento e si occupa anche della prevenzione di vari processi patologici che si verificano nelle vene e nelle arterie.

È necessario consultare un medico di questa specialità in presenza di tali sintomi:

dolore agli arti inferiori o superiori; aumento e scolorimento visibili dei vasi sanguigni; la formazione di sigilli negli strati sottocutanei, arrossamento della pelle; ferite non cicatrizzanti da molto tempo; scolorimento e necrosi tissutale sulle gambe.

Un chirurgo vascolare controlla il movimento del sangue attraverso i vasi, prescrive una serie di studi ed effettua una diagnosi accurata.

Dopo l'esame iniziale, il paziente può essere sottoposto all'esame, che di solito comprende:

clinica e biochimica del sangue; coagulazione; ecografia di lumi vascolari; angiografia; ecografia.

Nella maggior parte dei casi, i pazienti vanno dal medico di questa specialità nelle ultime fasi della malattia, quindi il trattamento viene effettuato in modi più cardinali. Quale dei metodi verrà scelto per eliminare la patologia dipende dal benessere del paziente e dalla presenza di indicazioni e controindicazioni.

Il medico può suggerire una delle seguenti procedure chirurgiche:

scleroterapia a stelo e puntura (con deformazione delle pareti venose degli arti inferiori); intervento chirurgico utilizzando tecnologie mini-invasive; ecoscleroterapia (rimozione di vasi danneggiati mediante un'ulteriore scansione).

Il trattamento può essere effettuato utilizzando i metodi della chirurgia gravitazionale. Questo metodo di intervento chirurgico consente di ripristinare le vene varicose.

Un chirurgo vascolare non solo tratta la patologia, ma monitora anche il recupero del paziente durante il periodo di riabilitazione, seleziona adeguate procedure fisioterapiche e misure preventive per prevenire la ricaduta.

Nanovein  Come trattare le vene varicose nelle gambe con aceto

Se sospetti una malattia vascolare, devi consultare immediatamente un medico. Prima il medico effettuerà un esame e prescriverà un trattamento, maggiore è la probabilità di eliminare la malattia senza l'uso di tecniche radicali. Il rinvio di una visita a uno specialista e l'uso indipendente di farmaci e metodi di medicina tradizionale possono influire negativamente sul corso dei processi patologici.

Dillo ai tuoi amici!
Hai ancora domande? Usa la ricerca!

4: 12

159281 visualizzazioni, 215 Mi piace

Un medico della nave prima o poi è richiesto da quasi ogni persona. Il fatto è che la scarsa ecologia, una violazione dell'alimentazione, e soprattutto stress e cattive abitudini, influenzano direttamente l'insorgenza di problemi con il sistema vascolare del corpo. Tuttavia, il sistema cardiovascolare è un meccanismo molto complesso, quindi non sorprende che i medici di specialità speciali "strette" lavorino in questa direzione.

Neurologo – specialista nel trattamento dei vasi cerebrali

Di norma, la presenza di una malattia cerebrale viene diagnosticata da un terapeuta a cui viene riferito un paziente che lamenta mal di testa, acufeni, affaticamento, vertigini e svenimenti. Ma i vasi cerebrali vengono esaminati e trattati da un neurologo il cui compito principale è ripristinare la circolazione sanguigna compromessa ed eliminare le conseguenze della malattia.

L'aterosclerosi dei vasi cerebrali si verifica tra le malattie di questo piano il più delle volte. Insieme a un mal di testa, una persona sperimenta gravi problemi di memoria, che, a loro volta, sorgono a causa di un aumento del colesterolo e dei depositi di placca sulle pareti dei vasi sanguigni e, di conseguenza, del flusso sanguigno alterato. Se si ignorano questi sintomi, può svilupparsi l'encefalopatia, una violazione del funzionamento delle parti del cervello a causa di cambiamenti nella struttura dei tessuti in esso. In caso di sospetto di aterosclerosi, è necessario contattare non solo un neurologo, ma anche sottoporsi a un'ecografia dei vasi intracranici, una tomografia computerizzata del cervello e donare il sangue per determinare il livello di colesterolo e le sue frazioni (spettro lipidico).

Un ictus è caratterizzato da una grave compromissione del flusso sanguigno in una specifica area del cervello. Una persona sente nausea, spesso sviene, sperimenta problemi di orientamento nello spazio. In questo caso, l'assistenza medica dovrebbe essere fornita immediatamente, prima dal team di rianimazione, quindi da un neurologo basato sui risultati dell'imaging a risonanza magnetica. Un paziente che ha avuto un ictus deve visitare un neurologo, poiché esiste un'alta probabilità che sperimenterà demenza vascolare post-ictus. Questo è un disturbo mentale e mentale causato da un disturbo dell'attività cerebrale. Ma, di regola, dopo essere stato dimesso a casa, il paziente è in un dispensario con un neurologo.

La VVD – distonia vegetativa-vascolare, neurocircolatoria o alterata funzionalità del sistema nervoso autonomo, è una malattia caratterizzata da pressione ridotta, mancanza di respiro, nausea, bruciore di stomaco, vertigini e altre manifestazioni avverse da tutti i sistemi vitali. Di solito una persona va da un neurologo se queste manifestazioni sono costanti e interferiscono con la vita normale. Potrebbe essere necessaria un'ulteriore consultazione con l'endocrinologo e il terapista.

Flebologo – medico per patologie venose

Il primo posto tra le malattie delle vene sono le vene varicose degli arti inferiori. Il vero motivo non è del tutto chiaro, tuttavia, i medici sono sicuri che i fattori negativi che provocano la malattia sono:

Lunga permanenza sulle gambe; Debolezza congenita delle pareti delle vene; Violazioni delle vene delle valvole; Malattie endocrine; Nasledstvennot.

I sintomi delle vene varicose sono vene gonfie alle gambe, gonfiore, dolore, "reti" vascolari e persino piccole piaghe principalmente sulle gambe. La stasi del sangue venoso inizia a "scoppiare" gradualmente le vene, provocando un'altra malattia – tromboflebite – blocco della vena con un coagulo di sangue seguito da infiammazione.

Se noti questi segni in te stesso, allora dovresti sapere che un medico flebologo a campo stretto tratta le vene varicose. Per cominciare, un medico della vena esegue una dopplerografia dei vasi delle gambe per misurare il flusso sanguigno nei vasi, la tomografia computerizzata per rilevare i coaguli di sangue e controlla anche la coagulazione del sangue.

Cardiologo – specialista in malattie del sistema cardiaco

Molte persone sanno che il cuore è trattato da un cardiologo, quindi se c'è dolore nel cuore, mancanza di respiro, sudorazione, ha senso contattarlo per un elettrocardiogramma e un esame completo. I problemi più comuni che questo specialista risolve sono aritmia, difetti cardiaci, ipertensione, infarto del miocardio, angina pectoris. È impegnato nel ripristino e nella riabilitazione del normale funzionamento del sistema cardiovascolare.

Si consiglia inoltre di andare dal cardiologo se:

Persona di età superiore a 35 anni; La gravidanza è pianificata; Nella famiglia di una persona, qualcuno soffriva di malattie cardiovascolari; C'è molto peso in eccesso. Si ritiene che un esame annuale da parte di un cardiologo più volte riduca la probabilità di malattie cardiovascolari.

Angiologo – medico per malattie delle arterie e del sistema linfatico

Le arterie sono curate da un medico chiamato angiologo, sebbene nelle cliniche russe la stessa persona sia spesso uno specialista in vene e arterie. Un angiologo deve essere consultato se si sente intorpidimento, formicolio agli arti. La presenza di problemi con le navi può indicare una costante sensazione di freddo nelle gambe e nelle braccia.

Gli angiologi trattano anche l'infiammazione dei linfonodi (linfoadenite). Di norma, i linfonodi si infiammano a causa di malattie di natura infettiva – influenza, tubercolosi e malattie a trasmissione sessuale. Ma con la miocardite, l'endocardite, si osserva anche un danno al sistema linfatico, quindi, se le malattie infettive non sono confermate, ha senso controllare il lavoro del cuore e visitare anche l'ufficio del cardiologo.

Chi devo contattare se la malattia vascolare è una malattia secondaria?

Lupus eritematoso, vasculite

Lupus eritematoso sistemico – una malattia associata a compromissione del funzionamento del sistema immunitario ed espressa nella produzione di anticorpi verso i propri tessuti connettivi. Il corpo percepisce le sue cellule come estranee e inizia a combatterle. La malattia si manifesta nei seguenti sintomi:

Aumento della temperatura corporea; Apatia, debolezza; Perdita di capelli intensiva, unghie fragili; Dolore alle articolazioni, ai muscoli; Miocardite, pericardite; Eruzioni cutanee rosse sul viso – scoppio dei capillari ("farfalla lupus").

Il lupus è molto pericoloso per le sue complicanze e le condizioni patologiche associate:

Malattia di Raynaud – danno alle arterie e arteoriolo alle estremità degli arti; la polmonite; sclerosi multipla; Glomerulonefrite – infiammazione dei glomeruli renali; Incidente cerebrovascolare; Anemia.

Se sospetti un lupus eritematoso o una vasculite, dovresti visitare un immunologo. Il paziente deve donare sangue per analisi generali e biochimiche, per il fattore antinucleare, nonché donare urina. A causa di possibili complicazioni, si consiglia di eseguire un'ecografia degli organi interni, dell'EGC e della tomografia computerizzata del cervello.

erisipela

Tra le malattie virali della localizzazione vascolare, l'erisipela è una delle più comuni. Inizia in modo acuto, con febbre fino a 40 gradi, vomito, quindi compaiono lesioni rosse dolorose sulla pelle del viso. A volte nel sito di arrossamento ci sono bolle con ulcere liquide o piccole. Poiché l'agente causale della malattia è lo streptococchi, il paziente con una malattia erisipatosa necessita di una consultazione iniziale con uno specialista in malattie infettive o un dermatologo che non si occupa direttamente delle navi.

Se il paziente ha vene varicose, può provocare una ricaduta della malattia, quindi il paziente deve visitare un flebologo. Se non ci sono vene varicose, ma la malattia sta progredendo, vale la pena visitare un allergologo, un dermatologo, un chirurgo. Il trattamento si riduce all'assunzione di antibiotici, radiazioni ultraviolette e interventi chirurgici.

emangioma

Relativamente spesso, nei neonati e raramente negli adulti, si osserva emangioma: un tumore benigno o proliferazione dei vasi sanguigni. Se sul collo appare una piccola macchia convessa rossastra, questi sono capillari che sono diventati un tumore. Gli emangiomi non sono di per sé pericolosi, ma attraverso di essi l'infezione può facilmente penetrare nel corpo e la coagulazione del sangue si riduce. Con l'emangioma, si consiglia di consultare un oncologo e un chirurgo. Nei bambini, l'emangioma, di regola, scompare di 10 anni e non richiede un trattamento speciale.

Pertanto, una vasta cerchia di medici di varie specialità tratta i vasi sanguigni, da un flebologo a un immunologo. Se non sei sicuro di quale medico visitare, consulta il tuo medico che ti fornirà la giusta direzione. Ciò può richiedere la consegna di numerosi test, in base ai quali è possibile giudicare una specifica malattia.

Passaggio 1: pagare per la consultazione utilizzando il modulo → Passaggio 2: dopo il pagamento, porre la domanda nel modulo seguente ↓ Passaggio 3: È inoltre possibile ringraziare lo specialista con un altro pagamento per un importo arbitrario ↑

Lagranmasade Italia