Chirurgia delle vene varicose delle gambe (2)

Lo stadio iniziale delle vene varicose risponde bene al trattamento con i farmaci. Ma quando la malattia è entrata nella fase avanzata, è indicata l'operazione per le vene varicose. Questo è il metodo di terapia più efficace, che consente al paziente di tornare rapidamente alla vita normale e di liberarsi dal dolore e dal disagio.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Quali sono le operazioni

Il trattamento chirurgico delle vene varicose può essere diverso.

  1. Flebectomia. La procedura medica che richiede più tempo. Include anche la miniflebectomia, quando vengono rimosse brevi sezioni di vasi venosi e lo stripping è la rimozione di nodi e sezioni varicose.
  2. Scleroterapia. Questa tecnica è indolore e ha anche le sue variazioni.
  3. Applicazione laser. Anche un metodo meno traumatico e indolore, che consente al paziente di tornare a casa quel giorno con i propri piedi.

Quando viene mostrata l'operazione

La chirurgia per le vene varicose degli arti inferiori deve essere eseguita solo con determinate manifestazioni cliniche della malattia. La rimozione delle vene con vene varicose è prescritta nelle situazioni descritte di seguito:

  1. La malattia ha coperto una parte significativa della nave sulla gamba.
  2. Edema esteso appare sulle gambe.
  3. Compaiono difetti ulcerativi, con conseguente diminuzione del trofismo, che non può essere guarito.
  4. Le gambe si stancano molto rapidamente.
  5. C'è un blocco acuto della vena (tromboflebite).
  6. Ci sono nodi o segmenti vascolari troppo sporgenti sotto la pelle.

Chi non dovrebbe essere

Il trattamento chirurgico delle vene varicose è controindicato in numerosi casi:

  1. Malattie infettive acute
  2. Malattia ipertensiva e malattia coronarica.
  3. Gravi processi infiammatori.
  4. Età senile oltre i settanta.
  5. Gravidanza dopo il primo trimestre.
  6. Eczema o altre lesioni cutanee esacerbate.

Sclerosi delle navi con vene varicose

Scleroterapia: rimozione delle vene varicose sulle gambe introducendo una sostanza speciale in esse. Questa è una manipolazione meno traumatica. Innanzitutto, la posizione della vena viene determinata mediante ultrasuoni, quindi viene iniettata una sostanza utilizzando una siringa, che incolla le pareti delle vene danneggiate. Il risultato della procedura è la sostituzione della nave con tessuto cicatriziale. Gonfiore, dolore e pesantezza alle gambe scompaiono e le complicazioni esistenti sotto forma di difetti ulcerativi non cicatrizzanti vengono rapidamente eliminate.

Questa tecnica ha 2 opzioni:

La prima opzione viene utilizzata per il trattamento di vasi che hanno raggiunto un diametro di almeno un centimetro.

La pelle viene perforata sotto il controllo di uno scanner duplex e una sostanza viene introdotta nel vaso, il che consente di ridurre il diametro del suo lume e ripristinare il normale flusso sanguigno. La seconda opzione è la più sicura e completamente indolore. Una speciale schiuma viene iniettata nella vena dilatata. Lo riempie e impedisce il movimento del sangue.

Nanovein  Esercizi per le gambe varicose nelle immagini

Un buon effetto può essere ottenuto eseguendo diverse manipolazioni sclerotiche.

Coagulazione laser

L'opzione tecnologicamente più avanzata per combattere le vene varicose è la coagulazione laser. Durante l'operazione, la pelle non viene tagliata e questo elimina i difetti estetici. Il laser viene iniettato attraverso una puntura e con esso viene sciolto un vaso affetto da vene varicose.

Recensioni sull'intervento sulle vene varicose sulle gambe con un laser indicano una rara occorrenza di recidive. Statisticamente, la percentuale di casi ricorrenti non supera i cinque. Questo metodo di trattamento consente a una persona di stare in piedi sulle proprie gambe cinque ore dopo l'intervento chirurgico.

venectomy

La venectomia o la flebectomia è un tipo classico di intervento chirurgico che prevede l'allungamento delle vene che hanno subito cambiamenti patologici dovuti alle vene varicose delle gambe. L'obiettivo principale di questa operazione è eliminare il reflusso di sangue (corrente nella direzione opposta) nelle vene delle gambe.

Prepararsi per la chirurgia

Prima dell'intervento chirurgico, il paziente viene sottoposto a esame – scansione duplex dei vasi sanguigni. Sulla base dei suoi risultati, viene selezionato il grado di intervento invasivo. Inoltre, è necessario sottoporsi a un esame e una consultazione standard con un medico al fine di ottenere l'autorizzazione per un intervento chirurgico.

Prima dell'operazione, il paziente fa una doccia, quindi l'infermiera rimuove i peli dalla gamba operata. Una condizione importante per l'operazione è la pulizia della pelle. Sull'epidermide non dovrebbero esserci eruzioni cutanee di tipo ascesso. Se è pianificata l'anestesia generale, la pulizia dell'intestino viene eseguita il giorno prima.

È necessario informare il medico di tutti i farmaci assunti, poiché alcuni di essi potrebbero non essere associati all'anestesia o portare a gravi conseguenze irreversibili durante l'assunzione di essi.

l'operazione

Statisticamente la flebectomia combinata più spesso eseguita. Include i seguenti passaggi.

  1. Bendaggio e intersezione di una vena o crossectomia. La vena varicosa si interseca nel punto in cui entra nella vena profonda (metodo Troyanov-Trendelenburg) sopra la fascia della tibia (metodo Kokket). Viene praticata una piccola incisione nell'area della piega inguinale. Alla fine della procedura, vengono applicate suture cosmetiche. Questa fase della chirurgia combinata può essere utilizzata come opzione di trattamento separata. Soprattutto in caso di complicanze delle vene varicose con tromboflebite.
  2. Rimozione delle vene varicose secondo Babcock o safenectomia. Questa fase dell'operazione è l'escissione di grandi tronchi di vene. È preceduto da un'incisione all'inguine. Successivamente, viene fasciato con l'intersezione successiva del tronco principale. Successivamente, l'estremità distale della nave viene isolata. Per fare questo, eseguire un'incisione sulla caviglia. La vena si apre con la successiva introduzione di una sonda metallica, con la quale viene separata dai tessuti adiacenti per tutta la lunghezza.
  3. Stripping o rimozione di una vena con una sonda sottile. È possibile rimuovere solo la parte della nave interessata. Questa tecnica può essere una fase di intervento chirurgico o può essere un'operazione indipendente. La manipolazione viene eseguita attraverso una puntura della pelle, pertanto, si riferisce a effetti minimamente invasivi.
  4. La miniflebectomia viene utilizzata per sbarazzarsi di segmenti venosi molto corti. Questa operazione alla gamba viene eseguita senza incisioni. I vasi vengono rimossi attraverso forature sulla pelle che non richiedono sutura.
Nanovein  Infiammazione dei linfonodi all'inguine

Complicanze del periodo postoperatorio

Le conseguenze negative dell'intervento chirurgico per le vene varicose sono ridotte al minimo a causa della perfezione delle abilità dei chirurghi per decenni. Ma in casi molto rari, sono possibili le seguenti complicazioni.

  1. Ematomi che compaiono sulla pelle dopo l'intervento chirurgico. Si risolvono da soli dopo un massimo di due mesi.
  2. Le foche possono verificarsi in tutto il letto venoso, che scompare anche entro un mese o due.
  3. Liquido linfatico stagnante (linfostasi). Appare in caso di danni durante l'operazione dei vasi linfatici. Il suo trattamento viene effettuato con metodi conservativi. E dopo alcuni mesi, le navi formano anastomosi e il deflusso della linfa viene ripristinato.
  4. Violazione transitoria della sensibilità della pelle. Appare in caso di danno ai nervi situati sotto di esso. Passano da soli dopo alcuni mesi.

Cosa fare dopo l'intervento chirurgico

I primi giorni, vengono prescritti farmaci del gruppo di farmaci antinfiammatori non steroidei per eliminare l'edema e il dolore. È inoltre necessario indossare immediatamente biancheria intima a compressione e seguire le istruzioni degli esercizi di fisioterapia. È consentito camminare non prima del secondo giorno e poi a poco a poco. Dopo una settimana o due, puoi esercitarti a camminare a passo lento per non più di due ore al giorno. A poco a poco, il carico aumenta. Dovresti abbandonare le cattive abitudini, rivedere la dieta e osservare rigorosamente il regime di lavoro e riposo.

Non dovresti rifiutare di rimuovere le vene sulle gambe, se ci sono prove. Poiché le amputazioni dovute a gravi infiammazioni e cancrena dovute alla tromboflebite non sono rare oggi.

Costo del trattamento chirurgico

Il prezzo dell'operazione per rimuovere le vene varicose sulle gambe dipende non solo dalla tecnica scelta, ma anche dai metodi di ricerca che la precedono. L'intero periodo di preparazione preoperatoria può costare da 2500 a 4000 rubli. Anche il grado di danno alle vene gioca un ruolo importante nel prezzo. Una flebectomia può costare da 22000 a 30000 rubli. La sclerosi ha un prezzo più alto – da 33000 a 35000 rubli. E il più costoso è il metodo di coagulazione laser – da 40000 a 45000 rubli. I metodi mini-invasivi costano significativamente di più rispetto ai metodi tradizionali. Ma un tale costo è giustificato dal numero minimo di complicanze e dal rapido ripristino delle gambe.

Giudizi

Le mie vene varicose si sono complicate e il medico mi ha consigliato di non esitare con l'operazione. Me l'hanno fatto in anestesia locale. Sposta la procedura normalmente. La gamba fu immediatamente avvolta da un bendaggio elastico e fu permesso camminare solo dopo due giorni. Ma ero molto contento di aver subito un intervento chirurgico perché le mie gambe tornarono rapidamente alla normalità.

Per molto tempo ho avuto paura di sottoporsi a un intervento chirurgico e ho portato al punto che un intero gruppo di nodi venosi si è formato sulla mia gamba e non è stato più possibile rimuoverlo con l'aiuto di droghe. Dopo l'operazione, la gamba ha fatto molto male per 2-3 giorni, ma poi è passata e anche ora mi rimprovero che non ho ascoltato i medici e l'ho portato a un punto tale. Sono trascorsi 5 anni da allora, ma non ricordo nemmeno le vene varicose.

Lagranmasade Italia