Cause, sintomi e trattamento della dermatite varicosa

Le vene varicose degli arti inferiori possono essere accompagnate da insufficienza, che influisce sulle condizioni della pelle. In questo caso, si verifica una dermatite varicosa – una lesione infiammatoria della pelle delle gambe che appare con espansione nodulare e tortuosità delle vene degli arti inferiori.

I segni della patologia sono infiammazione della pelle con elementi morfologici sotto forma di papule, vescicole e croste. Allo stesso tempo, persistono violazioni, che manifestano insufficienza venosa – gonfiore, aumento del colore della pelle, comparsa di ulcere trofiche.

Nella diagnosi, viene preso in considerazione il fatto che il paziente è stato malato di vene varicose degli arti inferiori per lungo tempo. Dei metodi strumentali utilizzati sono quelli che consentono di valutare le condizioni delle vene delle gambe e, in base a ciò, l'ulteriore "destino" delle manifestazioni di dermatite. Nel trattamento di questa patologia, è importante eliminare l'insufficienza venosa, anche chirurgica.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Totali

Questa patologia è una complicazione della malattia varicosa degli arti inferiori e dell'insufficienza venosa che si è manifestata in relazione ad essa, ma è stata individuata come nosologia separata (una malattia indipendente).

La dermatite varicosa è abbastanza comune – secondo varie fonti, i dermatologi la diagnosticano in ogni decimo paziente con vene varicose degli arti inferiori.

La malattia descritta si verifica più spesso dopo i 40 anni, ma dopo 50 anni si osserva un rapido aumento dell'incidenza, il picco dura 10-12 anni, dopodiché l'incidenza diminuisce. Vengono discusse le cause di queste ultime caratteristiche di questa malattia. Si presume che con una degenerazione involontaria (legata all'età) della pelle, il numero di mediatori infiammatori diminuisca in modo significativo – in altre parole, la pelle perde la sua capacità di rispondere a fattori che possono causare un processo infiammatorio al suo interno.

Per quanto riguarda i modelli di genere (genere), in tutto il mondo, le donne hanno dermatite varicosa più spesso degli uomini – a causa della maggiore incidenza di vene varicose degli arti inferiori.

Cause della dermatite varicosa

La causa immediata della dermatite varicosa è un fallimento delle vene degli arti inferiori, la cui causa, a sua volta, è la malattia varicosa degli arti inferiori. La gravità della malattia descritta dipende dalla gravità dei processi che l'hanno provocata.

Sono stati identificati numerosi fattori che non portano direttamente alla dermatite venosa, ma contribuiscono alla sua insorgenza e progressione. Possono essere divisi in gruppi come:

  • lesioni;
  • lesioni infettive;
  • processi autoimmuni;
  • altre patologie vascolari;
  • gravato dall'eredità.

Si noti che se, sullo sfondo dell'insufficienza venosa, la pelle era ferita, la dermatite varicosa si verificava più spesso. Tali lesioni possono essere:

Le ferite esterne che contribuiscono allo sviluppo della patologia descritta sono ferite da taglio, pugnalate, morse, lacerate e da arma da fuoco.

Il trauma iatrogeno può verificarsi durante le procedure:

Nel primo caso, questa è, di regola, una biopsia della pelle – un campionamento di frammenti della pelle per il successivo esame in un laboratorio al microscopio.

Nel secondo caso, l'impulso per lo sviluppo della dermatite varicosa può essere qualsiasi intervento chirurgico sulla pelle:

  • chirurgia plastica;
  • autopsia dell'ascesso;
  • rimozione della neoplasia

La pelle è a contatto con l'ambiente, quindi a priori non può essere sterile.

Nel frattempo, anche se la microflora è presente su di loro, non partecipa sempre al processo patologico descritto. Se l'agente infettivo viene attivato, ciò significa maggiori possibilità di sviluppare dermatite varicosa sullo sfondo dell'insufficienza venosa degli arti inferiori. Può essere coinvolta qualsiasi microflora – molto spesso si tratta di stafilococchi, streptococchi, Escherichia coli, Proteus e altri.

I processi autoimmuni sono disturbi (con la patologia descritta – da parte della pelle), in cui il corpo prende erroneamente la pelle per un agente estraneo e inizia una lotta attiva con essa. Con la dermatite varicosa, le più importanti sono le lesioni sistemiche del tessuto connettivo, che fa parte della pelle.

Delle patologie vascolari non varicose, le seguenti malattie aumentano spesso il rischio di sviluppare dermatite varicosa:

  • trombosi – un blocco di una nave da un trombo (coagulo di sangue);
  • vasculite – una lesione infiammatoria della parete vascolare con la sua successiva distruzione;
  • Sindrome DIC (coagulazione intravascolare disseminata) – la formazione di un gran numero di piccoli coaguli di sangue nei vasi sanguigni in tutto il corpo;
  • tromboflebite – infiammazione della parete venosa in presenza di un trombo.

Sviluppo della patologia

Con la dermatite varicosa si manifestano tutti i segni dell'infiammazione classica:

  • arrossamento;
  • gonfiore;
  • aumento della temperatura locale;
  • disfunzione (manifestata da una diminuzione dell'immunità locale, alterata idratazione e così via)

L'insufficienza varicosa significa che le vene non affrontano le loro responsabilità nel pompare il sangue venoso. Per questo motivo, si verifica un ristagno, il liquido in eccesso dal lume delle vene cerca di penetrare nei tessuti. Inoltre, si sviluppa una complessa catena di cambiamenti, il cui risultato finale è il rilascio di mediatori infiammatori.

Si noti che il processo infiammatorio con dermatite varicosa si sviluppa più spesso intorno alle ulcere trofiche e, se non si sono ancora formate, nel sito del più grande disturbo nel trofico (nutrizione) della pelle e dei tessuti sottostanti.

Nanovein  Cosa fare se scopro che hai il cancro

Secondo la sua essenza patologica, il disturbo descritto è la dermatite congestizia.

I seguenti tipi di malattia si distinguono in base alle caratteristiche:

  • per tipo di corso – acuto (si sviluppa rapidamente e si ferma altrettanto rapidamente), cronico (progredisce lentamente, è difficile da trattare;
  • in base al grado di sviluppo – latente (i segni vengono rilevati solo con un esame approfondito della pelle), inespresso, moderato, grave;
  • per origine – primario (si verifica sullo sfondo della stasi varicosa, ma non ci sono lesioni dalla pelle), secondario (appare in presenza di ulcere trofiche);
  • in base al grado di danno – limitato, comune;
  • dalla presenza di complicazioni – senza di loro e con loro.

Sintomi di dermatite varicosa

Il quadro clinico della dermatite varicosa è rappresentato da:

  • gonfiore;
  • iperemia (arrossamento);
  • prurito;
  • graffi;
  • elementi morfologici;
  • indurimento della pelle.

L'edema appare dalla parte dei tessuti molli dei piedi e delle gambe, cresce la sera, diminuisce la mattina dopo il sonno.

L'iperemia comune della pelle, di regola, non è intensa e con forme inespressive di dermatite varicosa può essere completamente assente.

La dermatite varicosa è caratterizzata da prurito abbastanza pronunciato. Sul suo sfondo, si verificano graffi persistenti sotto forma di danni agli strati superficiali della pelle.

Gli elementi morfologici della dermatite varicosa sono piuttosto diversi. Questo è:

  • macchie dell'età – appaiono sulla superficie interna della parte inferiore delle gambe, quindi si diffondono verso l'alto (dal basso verso l'alto);
  • i fiocchi – si formano su uno sfondo di pelle secca, sono facilmente separati;
  • papule: si presentano in una piccola quantità, sparsi sulla pelle delle gambe;
  • macchie rosse – si trovano sulla pelle delle gambe in un ordine arbitrario, possono essere assenti;
  • croste: appaiono sullo sfondo dei graffi a causa del prurito, coprono i danni alla pelle;
  • vescicole – si trovano principalmente intorno alle macchie rosse;
  • pustole – si trovano sulla pelle in modo casuale (in piccoli gruppi o come elementi singoli).

L'indurimento cutaneo può avere diversi gradi di gravità.

Lo sviluppo della clinica della dermatite varicosa è piuttosto caratteristico: la sintomatologia inizia con la superficie interna del terzo inferiore delle gambe, quindi si diffonde al resto della pelle.

Nella dermatite varicosa acuta predominano le papule, il prurito e le vescicole, nell'indurimento cronico della pelle. Le pustole compaiono quando è attaccata un'infezione.

Con l'ulteriore progressione della dermatite varicosa, i cambiamenti patogeni influenzano non solo i livelli superficiali, ma anche gli strati profondi della pelle, così come il tessuto adiposo sottocutaneo: diventano più densi, diventano più duri.

diagnostica

La diagnosi di dermatite si basa su segni caratteristici, la cui presenza indica cambiamenti infiammatori nella pelle. La natura varicosa della malattia descritta è confermata sulla base del fatto che al paziente viene diagnosticata una malattia venosa degli arti inferiori. In generale, la diagnosi si basa sui reclami dei pazienti, sulle sfumature dell'anamnesi (storia) della patologia, sui risultati di ulteriori metodi di ricerca (fisica, strumentale, di laboratorio).

Dall'anamnesi vengono chiariti i seguenti dettagli importanti:

  • da quanto tempo il paziente ha le vene varicose degli arti inferiori;
  • in relazione all'influenza di quali fattori avesse segni di lesioni infiammatorie della pelle;
  • se il paziente ha precedentemente avuto sintomi di qualsiasi tipo di dermatite.

I risultati dell'esame fisico saranno i seguenti:

  • con un esame generale – si nota il gonfiore degli arti inferiori, l'oscuramento della loro pelle;
  • esame locale – la pelle in alcune posizioni è iperemica, in altre è iperpigmentata, le ulcere trofiche si rivelano con l'oscuramento della pelle intorno a loro;
  • alla palpazione (palpazione) – la pelle ha una maggiore durezza, ma elastica, il polso sulle arterie degli arti inferiori è indebolito.

I metodi strumentali coinvolti nella diagnosi di dermatite varicosa sono:

  • controllo della pelle con una lente d'ingrandimento. I cambiamenti dermatologici possono essere visti ad occhio nudo, ma l'ingrandimento ottico ti permetterà di vedere anche i disturbi minimi. Invece di una lente d'ingrandimento, viene utilizzato un dermatoscopio (un piccolo dispositivo con un sistema ottico e retroilluminazione per esaminare la pelle e le mucose visibili);
  • esame della pelle con una lampada di legno: vengono esaminati alla luce ultravioletta, questo consente di identificare i disturbi della pelle che potrebbero non essere stati notati durante un esame di routine, nonché di identificare il confine tra le aree invariate e interessate della pelle;
  • Dopplerografia: esame ecografico dei vasi degli arti inferiori. Viene eseguito in dinamica (più volte ripetutamente) al fine di valutare i cambiamenti da parte loro (peggioramento della condizione o miglioramento sullo sfondo della terapia). Viene effettuato per comprendere l'ulteriore sviluppo o regressione della dermatite varicosa;
  • scintigrafia – il paziente viene iniettato per via endovenosa con una preparazione farmacologica con radioisotopi "attaccati", entrano nei tessuti degli arti inferiori con un flusso sanguigno e, dopo esame tomografico, creano un'immagine a colori specifica. In base alle sue caratteristiche (combinazione di colori, saturazione delle sfumature e così via) trarre conclusioni sul grado di danno;
  • biopsia.

Da metodi di ricerca di laboratorio nella diagnosi della malattia descritta vengono utilizzati:

  • esame del sangue generale – sebbene la dermatite sia un processo infiammatorio, i segni di laboratorio di infiammazione sotto forma di aumento del numero di leucociti (leucocitosi) e VES non sono pronunciati. Un aumento dei loro valori può indicare l'attaccamento di complicanze infettive;
  • esame istologico: una biopsia cutanea viene esaminata al microscopio per la struttura del tessuto. In questo caso, si nota un aumento della cheratinizzazione delle cellule. Il metodo è coinvolto alla luce del fatto che con la pigmentazione varicosa possono verificarsi lesioni cutanee maligne;
  • esame citologico – studiare la struttura cellulare della biopsia. Il metodo, come l'esame istologico, è importante per la diagnostica oncologica;
  • esame batterioscopico – al microscopio in impronte impronte di ulcere trofiche identificano l'agente patogeno che potrebbe unirsi;
  • ricerca batteriologica – fare sbavature di impronte digitali sui terreni di coltura, aspettarsi la crescita di colonie, determinare l'agente patogeno dalle loro caratteristiche. Il metodo viene inoltre eseguito per rilevare la sensibilità di un agente infettivo ai farmaci antibatterici.
Nanovein  Ippocastano per l'azione delle vene varicose e ricette di rimedi casalinghi

Diagnostica differenziale

La diagnosi differenziale (distintiva) della dermatite varicosa viene effettuata con malattie e condizioni patologiche come:

  • varie forme di eczema: lesioni infiammatorie della pelle, in cui è presente un pool di elementi morfologici di noduli, vescicole, erosione e croste;
  • varie forme di dermatite – infiammazione della pelle nella sua manifestazione classica;
  • infezione fungina della pelle;
  • linfoma – un tumore del sistema linfatico;
  • Il sarcoma di Kaposi è una lesione cutanea in cui si formano neoplasie maligne da cellule vascolari;
  • tubercolosi della pelle – il suo danno alla tubercolosi del micobatterio;
  • emosiderosi – deposizione di composti di ferro nella pelle;
  • amiloidosi: la deposizione del complesso proteina-polisaccaride dell'amiloide nella pelle, che normalmente non viene prodotta nei tessuti.

Con l'eczema, la diagnosi differenziale deve essere eseguita in casi come:

  • eczema piangente – accompagnato dal pianto della pelle colpita;
  • eczema secco – con esso c'è una ridotta umidità della pelle che è stata colpita.

Con la dermatite, la diagnosi differenziale viene eseguita in casi come:

  • dermatite banale – una lesione infiammatoria polietiologica della pelle;
  • dermatite allergica – infiammazione della pelle che si è manifestata sullo sfondo dell'ipersensibilità (aumento della sensibilità) del corpo a vari allergeni;
  • La dermatite tossica è un processo infiammatorio nella pelle che è sorto a causa dell'influenza di sostanze tossiche ricevute attraverso il flusso sanguigno e in esso attraverso l'inalazione o la penetrazione attraverso il tratto gastrointestinale.

complicazioni

Le complicanze delle vene varicose degli arti inferiori, l'insufficienza varicosa e la dermatite varicosa sono difficili da distinguere l'una dall'altra, poiché sono osservate quasi contemporaneamente.

Le principali conseguenze della malattia descritta possono essere non infettive e infettive.

Le complicanze non infettive della dermatite varicosa includono:

  • ulcere trofiche – profondi difetti della pelle e dei tessuti sottostanti che sorgono a seguito di una violazione del tessuto trofico e del deflusso di sangue venoso da essi;
  • iperpigmentazione: la pelle in luoghi colpiti da dermatite varicosa diventa più scura;
  • lesione cutanea autoimmune: il corpo la percepisce erroneamente come un agente estraneo e inizia a combatterla;
  • tumori maligni. Si noti che la dermatite varicosa è inclusa nel gruppo di malattie dermatologiche, caratterizzata da un aumentato rischio di degenerazione maligna delle cellule della pelle;
  • sclerosi della pelle – la sua germinazione da parte del tessuto connettivo con conseguente indurimento.

Le complicanze infettive della dermatite varicosa si verificano quando è attaccato un agente infettivo, il che è spiegato da una diminuzione dell'immunità locale. La penetrazione dell'infezione nella pelle è facilitata dalla presenza di ulcere. In questo caso, potresti riscontrare:

  • piodermite: lesione pustolosa degli strati superficiali della pelle;
  • ascesso: un ascesso limitato sotto forma di una cavità chiusa;
  • flemmone – lesione purulenta diffusa.

Trattamento della dermatite varicosa

I principi del trattamento per la dermatite varicosa sono:

  • sollievo dell'insufficienza venosa;
  • eliminazione delle modifiche locali.

A sua volta, l'insufficienza venosa viene interrotta, prescrivendo un trattamento completo delle vene varicose degli arti inferiori. I metodi di trattamento sono conservativi e invasivi.

Le basi del trattamento conservativo sono:

  • prevenzione del ristagno di sangue venoso;
  • regolazione dell'assunzione di liquidi;
  • regolamentazione dell'attività fisica;
  • terapia farmacologica.

Per prevenire il ristagno del sangue venoso, la compressione viene eseguita utilizzando bendaggi elastici, per questo uso calze elastiche e collant. Durante il sonno, metti un cuscino spesso o un rullo sotto le gambe in modo che gli arti inferiori siano sopra il livello del cuore.

Per lo stesso scopo, limitare l'assunzione di liquidi e viene dosato l'esercizio. In questo caso, il paziente non deve rimanere in piedi per molto tempo, sollevare il carico e così via.

Le prescrizioni mediche sono le seguenti:

  • venotonica: significa che non consente la riduzione del tono della parete venosa. Uno dei più efficaci sono i preparati farmaceutici a base di ippocastano;
  • agenti antibatterici – sono usati per la prevenzione e il trattamento delle complicanze antibatteriche. Innanzitutto, vengono utilizzati antibiotici ad ampio spettro, quindi quando i risultati dello studio batteriologico sono pronti, a seconda della sensibilità della microflora;
  • farmaci antinfiammatori non steroidei – fermano i fenomeni di infiammazione;
  • glucocorticosteroidi – fermano anche l'infiammazione.

Il trattamento locale della dermatite varicosa consiste in appuntamenti come:

  • idratante con medicazioni umide;
  • trattamento della pelle colpita con farmaci antisettici;
  • applicare creme e pomate con componenti antisettici e glucocorticosteroidi;
  • metodi fisioterapici di esposizione. La fototerapia, facendo bagni con rimedi erboristici, mostra una buona efficacia.

La cura per la dermatite varicosa dipende interamente dal grado di sviluppo dell'insufficienza venosa e da quello della gravità delle variazioni del varicosio. Se non si prestano a metodi conservativi di trattamento, ricorrono a tecniche invasive. I più popolari sono:

  • sclerosi delle vene – l'introduzione di sostanze sclerosanti in esse, a causa delle quali collassano le pareti delle vene;
  • terapia laser: l'effetto è lo stesso;
  • intervento chirurgico sotto forma di flebectomia – rimozione delle vene varicose.

Профилактика

Le misure per la prevenzione della dermatite varicosa sono:

  • prevenzione dei cambiamenti varicosi dalle estremità inferiori e se tali cambiamenti si sono già verificati, il loro rilevamento tempestivo e sollievo. La compressione elastica e l'uso venotonico sono importanti;
  • prevenzione, diagnosi e trattamento di lesioni, lesioni infettive, processi autoimmuni, altre patologie vascolari;
  • esami preventivi da parte di un medico e chirurgo vascolare anche in assenza di reclami.

Previsione

La prognosi per la dermatite varicosa è diversa e dipende interamente dal grado di sviluppo e sollievo dell'insufficienza venosa. Nei casi avanzati, i disturbi della pelle sotto forma di un processo cronico debolmente in corso sono costantemente osservati, ma gli appuntamenti giusti aiuteranno a rendere la vita del paziente più confortevole anche con le violazioni.

Le previsioni peggiorano in condizioni come:

  • visita tardiva alla clinica;
  • attività fisica con insufficienza venosa già rilevata;
  • l'uso di rimedi domestici non verificati;
  • tattiche conservative in attesa con evidenti indicazioni per un intervento chirurgico.

Kovtonyuk Oksana Vladimirovna, osservatore medico, chirurgo, consulente medico

Lagranmasade Italia