Apiterapia trattamento con punture di api

Le api in natura sono impollinatori attivi di piante e i loro benefici non possono essere sopravvalutati. Tuttavia, oltre a ottenere un prodotto naturale unico, come il miele, questi piccoli servizi igienici forniscono una persona con molti più componenti curativi nel corso della loro esistenza. Letteralmente tutto ciò che riguarda le api almeno in una certa misura può essere usato per scopi medicinali: propoli, cera, pane d'api, pappa reale, zabrus, acqua morta, veleno e persino falena delle api.

Pertanto, da quando una persona ha iniziato a usare il miele e alleva le api, esiste anche un trattamento con le api: l'apiterapia. E sebbene questo termine si riferisca assolutamente a tutti i prodotti dell'apicoltura, viene spesso utilizzato quando si intende l'apicoltura.

Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Veleno d'api: benefici e rischi

Per proteggere la propria vita e la vita della famiglia, ogni individuo che lavora ha una puntura e una borsa ad essa collegate con il veleno: un liquido giallastro trasparente con un gusto e un odore specifici. Poiché il veleno ha un alto contenuto di solidi (fino al 40%), si asciuga rapidamente nell'aria. Tuttavia, questa stessa proprietà gli conferisce un lungo periodo di esposizione.

Il veleno d'api può essere una medicina in mani esperte grazie alla sua ricca composizione:

  • feromoni;
  • Proteine ​​(enzimi);
  • peptidi;
  • Ammine biologicamente attive (compresa l'istamina);
  • di zucchero;
  • lipidi;
  • Aminoacidi;
  • Minerali: carbonio, azoto, idrogeno, magnesio, calcio, fosforo, rame, ecc.

La parte principale del veleno è rappresentata da enzimi e peptidi. Sono questi due gruppi che svolgono un ruolo decisivo nell'influenzare il corpo umano.

I componenti più importanti dell'apitossina (veleno d'api) sono:

  • Cardiopeptide: stabilizza il sistema cardiovascolare;
  • Adolapina: ha un effetto analgesico;
  • Melitina: ha effetti antinfiammatori e antibatterici;
  • Apamina: stimola il sistema nervoso, normalizza il metabolismo. Interferisce con diminuzione della coagulabilità del sangue;
  • Istamina e acidi: dilatare i vasi sanguigni, abbassare la pressione sanguigna.

Tutte queste proprietà rendono possibile l'uso del veleno d'api nel trattamento di una serie di malattie: gotta, neurite, artrite, nevralgia, osteocondrosi, ernia vertebrale, radicolite, aritmia, angina pectoris, vene varicose, tromboflebite, bronchite cronica e persino asma bronchiale. Risultati positivi sono stati ottenuti usando l'apitossina nel trattamento dei pazienti dopo ictus e paralisi.

L'effetto dei nutrienti nel veleno d'api è inseparabile dall'influenza dei componenti dannosi in esso contenuti. Pertanto, in alcuni casi, è vietato il trattamento con apitossina. Le controindicazioni all'apicoltura sono:

  • Allergy. E non solo per il veleno d'api, ma anche per il resto dei prodotti delle api;
  • Gravidanza o allattamento
  • Malattie oncologiche;
  • La forma acuta della malattia o esacerbazione di cronica;
  • Malattie infettive, nonché condizioni con aumento della t;
  • Scarsa coagulabilità del sangue;
  • L'età è fino a 14 anni, quando il sistema immunitario non è ancora completamente formato;
  • Condizioni patologiche del fegato, dei reni e della tubercolosi.

! importante A seconda delle dosi usate e dei punti di puntura, l'effetto del veleno d'api può essere curativo o velenoso. Ecco perché il trattamento con le punture di api deve essere effettuato con l'aiuto di un apiterapista appositamente addestrato. In questo caso, i benefici di una puntura d'ape saranno il risultato di un'esposizione calcolata con precisione.

Trattamento delle punture d'ape

L'apicoltura come metodo per sbarazzarsi di varie malattie è stata usata dall'uomo fin dai tempi antichi. Per molti decenni, sono stati sviluppati vari schemi e metodi che consentono di ottenere risultati eccezionali nel trattamento di una serie di malattie gravi.

Lo schema generale per l'uso del veleno d'api dal vivo è il seguente:

  • Saggio biologico – puntura nella regione lombare, dopo di che il paziente viene monitorato per un'ora. In assenza di una reazione negativa, il trattamento è continuato;
  • Un test preliminare di laboratorio del sangue e delle urine del paziente può essere effettuato preliminarmente, seguito da un biotest;
  • L'apicoltura viene utilizzata in punti biologicamente attivi per analogia con l'agopuntura. Un'ape viene applicata nel punto desiderato, mentre la puntura viene diretta direttamente nell'area interessata. Dopo il morso, l'insetto viene rimosso, ma il serbatoio con veleno attaccato alla puntura rimane nel corpo per altri 5-10 minuti.

! importante L'applicazione della puntura d'ape può variare in ogni caso e dipende dalle condizioni del paziente e dal sito che necessita di trattamento.

Apiterapia: punti pungenti

Nella maggior parte dei casi, la terapia delle api è stata utilizzata per trattare la radicolite. Il pungiglione nella parte bassa della schiena causava inevitabilmente un risultato positivo ed era molto popolare tra la gente. E solo a metà del secolo scorso è stato sviluppato uno schema generale per il trattamento delle punture di api. Da allora, questa tecnica è stata utilizzata con successo, fornendo un effetto curativo generale sul sistema nervoso centrale, sul metabolismo (ghiandole surrenali, ipotalamo, ghiandola pituitaria), oltre a stimolare il sistema immunitario.

  • L'apicoltura viene eseguita per 10 giorni, ogni giorno aumentando il numero di morsi di 1: in 1 giorno – 1 puntura, in 2 – 2, ecc.
  • Per i morsi, l'autore (N. P. Ioyrish) raccomanda di scegliere le sezioni esterne degli arti superiori e inferiori (fianchi e spalle);
  • I morsi vengono organizzati in un ordine specifico: spalla sinistra, spalla destra, coscia destra, coscia sinistra. Quindi ripeti.
Nanovein  Le pillole più efficaci per le vene varicose, secondo i medici

Pertanto, la ripetizione delle punture in un punto si verifica solo dopo 3 giorni e il morso non si inserisce nello stesso posto. Trascorsi 10 giorni, fai una pausa di 3-4 giorni, quindi continua per altri 45 giorni. con una puntura giornaliera di 3 api. A volte in condizioni termali riducono la durata del trattamento, mantenendo il numero di morsi. Tuttavia, in questo caso, aumenta la probabilità di intolleranza all'apitossina.

! importante Ci sono altri regimi di trattamento, tuttavia, la soluzione più appropriata sarà la selezione di una tecnica individuale con l'aiuto di uno specialista qualificato che è stato addestrato in apiterapia.

Le api trattano la sclerosi multipla

La sclerosi multipla è una malattia progressiva del sistema nervoso in cui le cellule nervose sono sostituite dal tessuto connettivo. In altre parole, il sistema nervoso perde le sue funzioni. I segni caratteristici della malattia sono:

  • Compromissione sensoriale: formicolio o intorpidimento;
  • Coordinamento alterato;
  • Tensione nelle braccia o nelle gambe, a volte paralisi;
  • Diminuzione dell'acuità visiva: sia centrale che periferica;
  • Nistagmo (movimenti involontari dei bulbi oculari);
  • La sconfitta del nervo facciale.

I sintomi iniziali della malattia possono essere affaticamento costante, ansia eccessiva o euforia, sensazione di "passaggio di corrente elettrica" ​​lungo la colonna vertebrale, nonché aumento dei segni dopo un pasto o un bagno caldo.

Sia all'estero che nel nostro paese, viene praticato il trattamento di questa grave malattia irreversibile con l'aiuto di punture di api. E sebbene molti "artigiani" stiano cercando di praticare l'apicoltura, una patologia così grave come l'aterosclerosi dovrebbe senza dubbio essere trattata solo con l'aiuto di uno specialista qualificato. Fortunatamente, negli ultimi anni, l'attenzione all'apiterapia è aumentata e ora, anche in alcuni istituti medici, vengono formati medici specializzati.

! importante Come ogni malattia, la sclerosi multipla è meglio trattata nelle prime fasi. Pertanto, se vengono rilevati sintomi, è necessario sottoporsi a un esame e solo dopo aver iniziato l'apiterapia.

Trattamento delle api per le vene varicose

Le vene varicose si sviluppano a causa della loro perdita di elasticità. Di conseguenza, inizia la formazione di smagliature e nodi su di essi, il sangue circola nelle aree interessate a una velocità inferiore e aumenta il rischio di trombosi.

Il primo segno della malattia è la comparsa di nodi sottocutanei o vene dilatate, che sono chiaramente visibili ad occhio nudo. Successivamente, quando la malattia progredisce, compaiono macchie scure sulle aree interessate, che possono trasformarsi in ulcere. La condizione patologica è accompagnata dalla comparsa di edema, una sensazione di pesantezza alle gambe e rapida affaticamento. Ai primi sintomi, occorre prestare maggiore attenzione alla prevenzione: ripristinare la normale circolazione sanguigna camminando o esercitando regolarmente (con uno stile di vita sedentario).

Quando si trattano le vene varicose con la puntura d'ape, si raccomanda di condurre sessioni con punture di stadiazione nelle aree più dolorose: nodi e vene dilatate. Le sostanze contenute nell'apitossina stimolano l'assottigliamento del sangue e il rafforzamento delle pareti vascolari, a seguito delle quali viene ripristinata la normale circolazione sanguigna.

Il trattamento viene effettuato secondo uno schema individuale con un graduale aumento della forza dell'effetto. Per l'intero corso sono necessarie in media 150-200 api. Il morso non è messo nello stesso posto. Se compaiono almeno i minimi segni di intolleranza, il trattamento viene interrotto.

! importante L'apiterapia a casa è possibile solo dopo studi preliminari e una consultazione dettagliata dell'apiterapista.

Trattamento dell'ernia delle api

Se il trattamento delle vene varicose o della radicolite in misura lieve è consentito in modo indipendente, allora il trattamento dell'ernia intervertebrale è completamente una prerogativa di uno specialista. Inoltre, per raggiungere l'efficacia, si consiglia di utilizzare la puntura d'ape in combinazione con altri metodi: farmaci, esercizi di fisioterapia.

Nanovein  Come scegliere una crema per le vene varicose per le donne in gravidanza e come usarla

Grazie all'effetto stimolante, antispasmodico e antinfiammatorio dell'apitossina, si riduce il gonfiore e il dolore. E il miglioramento della circolazione sanguigna aumenta il metabolismo dei tessuti, che porta al ripristino della loro elasticità ed elasticità.

La procedura si verifica dopo un esame preliminare del paziente nel seguente ordine:

  • Il paziente rilascia la parte superiore del corpo e giace a pancia in giù;
  • Il medico tratta l'area problematica con l'alcol, dopo di che prende un'ape con una pinzetta e la applica nel luogo specificato;
  • La puntura viene lasciata nel corpo per un massimo di 10 minuti. , dopo di che viene rimosso e il sito del morso viene trattato con unguento all'idrocortisone;
  • Dopo la procedura, si consiglia di sdraiarsi per altri 20 minuti per sentire l'inizio dell'effetto terapeutico.

Il rilascio di apitossina in punti dolorosi può avvenire in altri modi:

  • Fonoforesi, elettroforesi, ultrasuoni. Le procedure vengono eseguite in corsi per 1,5-2 settimane, da 10 a 15 minuti. lo svantaggio dei metodi è l'incapacità di dosare accuratamente l'apitossina;
  • Iniezioni di Apifor. In questo caso, il dosaggio è accurato, ma il dolore è molto più forte che con la puntura d'ape.

! importante La terapia delle api è incompatibile con l'uso di bevande alcoliche e uno sforzo fisico intenso. Si raccomanda inoltre una certa dieta, con una predominanza di prodotti vegetali e lattiero-caseari.

Altri mezzi di apiterapia

Oltre al veleno d'api, altri prodotti vitali per le api vengono utilizzati con successo nel trattamento delle api:

  • Med. Prodotto naturale unico contenente fino a 300 componenti. E tutti sono estremamente utili: zuccheri, enzimi, aminoacidi, vitamine, aminoacidi organici e inorganici, minerali. Il miele non ha praticamente controindicazioni e viene utilizzato nella nutrizione dietetica e terapeutica, poiché ha proprietà antibatteriche, antinfiammatorie e immunostimolanti. Per la somministrazione orale, la dose raccomandata è di 60 g (non più di 100 g al giorno), suddivisa in 2-3 dosi. Il miele non deve essere messo in acqua bollente, ma è meglio tenerlo in bocca fino a completo scioglimento;
  • Polline di fiori. La proprietà principale è la pulizia del corpo da tossine e tossine, che è particolarmente utile per i residenti di megalopoli. Inoltre, il polline ha qualità rigenerative, migliora la composizione del sangue e ha un effetto benefico sul sistema endocrino e nervoso;
  • Propoli (colla d'api). È prodotto da api da sostanze resinose di origine vegetale, principalmente betulla e pioppo. Le api lo raccolgono e lo espongono ai loro enzimi. La propoli ha forti proprietà antimicrobiche, grazie alle quali viene utilizzata sotto forma di tinture, unguenti, risciacqui nel trattamento di molte malattie. Inoltre, stimola il sistema immunitario, anestetizza e allevia l'infiammazione;
  • Cera. È un prodotto di ghiandole di cera d'api speciali. È usato come additivo in creme, pomate, supposte, ha proprietà rigeneranti e rigeneranti;
  • Pappa reale Una sostanza speciale che le api nutrice secernono quando coltivano l'ape regina. È uno dei più preziosi prodotti delle api: normalizza il metabolismo, mostra un effetto antiossidante, migliora la resistenza in caso di sovraccarico (fisico e psicologico), accelera l'eliminazione delle tossine;
  • Podmore. Anche dopo la loro morte, le api continuano ad essere benefiche. Le api morte essiccate e macinate su un macinacaffè vengono utilizzate per la preparazione di tinture e pomate, assunte per via orale in forma pura. Le sostanze contenute nella copertura chitinosa dell'ape sono i biostimolanti più forti, quindi possono curare le malattie più gravi.

! importante Inoltre, altri prodotti delle api hanno anche proprietà medicinali: pane d'api, covata d'api, zabrus, falena di cera. E anche tutti i loro derivati.

Se guardi le recensioni sul trattamento con le api, puoi vedere molte prove di guarigioni davvero miracolose. Il fatto che tra gli apicoltori fino all'80% siano fegati lunghi testimonia anche il potere dei prodotti dell'apicoltura nel migliorare il corpo. C'è persino una convinzione così comune che persino l'aria stia guarendo nell'apiario. Pertanto, anche se non sei in grado di mantenere un grande apiario, se possibile, procurati almeno qualche alveare – per la salute.

Lagranmasade Italia