Ablazione laser delle vene

Sindacato, 104

  • Вы здесь:
  • Centro di flebologia
  • Metodi per il trattamento delle vene varicose
  • Cancellazione della radiofrequenza (ablazione)
  • Confronto tra metodi RFA ed EVLK, radiofrequenza e laser
Le vene varicose possono essere facilmente eliminate senza chirurgia! Per questo, molti europei usano Nanovein. Secondo i flebologi, questo è il metodo più rapido ed efficace per eliminare le vene varicose!

La Nanovein è un gel peptidico per il trattamento delle vene varicose. È assolutamente efficace in qualsiasi fase della manifestazione delle vene varicose. La composizione del gel comprende 25 componenti curativi esclusivamente naturali. In soli 30 giorni dall'uso di questo farmaco, puoi eliminare non solo i sintomi delle vene varicose, ma anche eliminare le conseguenze e la causa del suo verificarsi, oltre a prevenire il ri-sviluppo della patologia.

Puoi acquistare Nanovein sul sito Web del produttore.

Ablazione con radiofrequenza (RFA) e coagulazione endovasale laser (EVLK)

Ablazione con radiofrequenza (RFA) e coagulazione endovasale laser (EVLK)

La medicina moderna cerca di garantire che qualsiasi intervento chirurgico venga eseguito nel modo più delicato per il paziente. L'ablazione con radiofrequenza (RFA) e la coagulazione laser endovenosa (EVLK) corrispondono a questi criteri. Oggi, queste operazioni vengono eseguite nella maggior parte dei moderni centri medici. Entrambe le tecnologie sono simili, entrambe efficaci. Tuttavia, quali sono le differenze, quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questi trattamenti per le vene varicose?

Come accennato in precedenza, entrambi i metodi sono molto simili. La tecnica per eseguire entrambe le procedure è la stessa nella maggior parte delle fasi. Attraverso una piccola puntura, una guida di luce laser (EVLK) o un catetere a radiofrequenza (RFA) viene inserita nel lume della vena. Quindi viene eseguita un'anestesia tumescente (locale) infiltrante: viene creato un "cuscino d'acqua" attorno alla vena, dopo di che viene eseguita la procedura. Dopo aver completato entrambe le procedure, viene indossata la maglieria a compressione.

La somiglianza di entrambe le procedure risiede anche nel fatto che l'obliterazione venosa, sia in EVLK che in RFA, si verifica a causa dell'energia termica. Pertanto, entrambe le tecnologie sono combinate in un gruppo comune di metodi per la termobliterazione endovenosa delle vene varicose.

Differenze tra i metodi RFA ed EVLK

Una delle principali differenze tra questi due metodi è la modalità di esposizione termica alla parete della vena varicosa. La coagulazione laser provoca un'esposizione a breve termine ad alte temperature (

Nanovein  Può esserci varicocele sul testicolo giusto

800 C) e con RFA – un'esposizione relativamente lunga a basse (120 C) temperature. In entrambi i casi, si verifica la chiusura delle vene (obliterazione).

Come funziona il laser (EVLK)

Le radiazioni luminose vengono assorbite in modo diverso da diversi tessuti. Quando un laser agisce sui tessuti biologici, viene rilasciata una grande quantità di calore, che porta alla rapida evaporazione del liquido con la formazione di bolle di gas, di conseguenza, il sistema di coagulazione del sangue viene attivato e si forma un coagulo di sangue nel lume della vena. Questo si chiama occlusione della vena trombotica – il meccanismo principale per chiudere una vena in EVLK. È a causa dell'attivazione del sistema di coagulazione del sangue che dopo la procedura EVLK sono necessarie misure per prevenire le complicanze tromboemboliche. È importante notare che la formazione di un coagulo di sangue nel lume di una vena ne impedisce la contrazione. Colpisce anche la durata del periodo di riabilitazione.

Cosa succede durante l'ablazione con radiofrequenza (RFA)

L'ablazione con radiofrequenza è significativamente meno intensa ma l'esposizione termica più prolungata. L'attivazione del sistema di coagulazione non si verifica, il che non porta alla formazione di un coagulo di sangue nel lume della vena. L'effetto è diretto alle proteine, il collagene di tipo II, che svolge la funzione quadro della parete venosa. A causa della denaturazione termica di questa proteina, c'è un ispessimento e una contrazione della parete venosa. Questo è il principale meccanismo di chiusura delle vene per RFA. Non ci sono danni gravi all'integrità della parete venosa e dei tessuti circostanti. Il metodo RFA è spesso chiamato "indolore", poiché gli antidolorifici non sono richiesti dopo la procedura.

Design unico con catetere a chiusura rapida

La differenza fondamentale tra il metodo RFA è che tutti i processi di conversione del campo di radiofrequenza in energia termica avvengono all'interno del catetere stesso.

Durante la conduzione di EVLK, la radiazione laser termica agisce direttamente sul sangue contenuto nel lume della vena, sulla sua parete e sul tessuto circostante. Le radiazioni luminose vengono assorbite in modo diverso dai tessuti e si verificano processi molto complessi e incontrollati, che portano al rilascio di una grande quantità di energia termica.

Nanovein  Come trattare le vene varicose (vene varicose) farmaci, procedure, medicina tradizionale e chirurgia

Il catetere di ultima generazione Closure Fast per l'ablazione a radiofrequenza è racchiuso in un involucro termico, quindi il processo di trasferimento dell'energia del campo di radiofrequenza in calore non si verifica nei tessuti del corpo, ma all'interno del catetere stesso. Grazie a questo design del catetere, viene prodotto un effetto termico dosato completamente controllato sulla parete venosa. Il catetere a radio frequenza Closure Fast è dotato di un sensore di temperatura che ha un feedback dal dispositivo, che in tempo reale trasmette informazioni sulla temperatura della parete venosa, che consente la correzione automatica.

Principio di feedback

Attraverso numerose operazioni, è stato scoperto che la modalità di esposizione ottimale è di riscaldare la parete venosa a 120 ° C per 20 s. Il trattamento uniforme della vena su tutta la sua lunghezza può essere fatto solo regolando costantemente i parametri: potenza e durata dell'esposizione, inoltre, è necessario un controllo costante della temperatura nel luogo di esposizione alla vena. La regolazione di tutti i parametri durante RFW viene eseguita automaticamente in tempo reale. Il principio di feedback del dispositivo VNUS RF viene eseguito attraverso la parte operativa del catetere RF, dotato di un sensore di temperatura. Le informazioni sulla temperatura nel lume della vena vengono trasmesse all'analizzatore e il dispositivo regola automaticamente la potenza, evitando l'esposizione eccessiva e il trauma ai tessuti circostanti.

Durante la procedura EVLK, il controllo dei parametri dell'effetto sulla vena è stato migliorato grazie all'utilizzo di complessi robotici, che sono dispositivi per l'estrazione meccanica (trazione) della fibra laser.

Questo dispositivo consente di dosare la durata dell'esposizione laser, senza feedback dal dispositivo. I processi che si verificano nella zona di elaborazione laser possono essere valutati sulla base di dati ad ultrasuoni. Il chirurgo può regolare manualmente la potenza del generatore, modificare la velocità di estrazione della fibra laser, concentrandosi sulle loro idee soggettive. Pertanto, il fattore "umano" non è completamente escluso.

Lagranmasade Italia